Archivio di Ottobre 2005

NO COMMENT.

Con rito abbreviato il Gup di Varese ha condannato a nove anni di reclusione ciascuno quattro uomini, di professione muratori. Tre sono accusati di ripetuti abusi sessuali, in alcuni cantieri edili di Monvalle della figliastra di un loro collega. La stessa pena è stata inflitta anche a quest’ultimo per fatti analoghi, che peraltro ha parzialmente ammesso. I quattro protagonisti di questa vicenda hanno però rischiato pene più pesanti, in quanto, secondo il sostituto procuratore della Repubblica, Massimo Politi, i quattro uomini avrebbero costretto la bimba a compiere atti sessuali. Contestando loro il reato di violenza di gruppo, Politi aveva sollecitato pene fra i 12 e i 14 anni. Il Gup ha però escluso questa aggravante.

Ve lo ricordate il caso di Filippo Valerio Tallarico, il lecchese trentenne condannato a 14 anni per abusi sessuali e per omicidio del proprio bambino. Fece scalpore qualche settimana fa ( e ne parlammo anche qui) poiché il soggetto aspettava in libertà (nemmeno i domiciliari!!!) l’appello. Oggi mi fanno avere un giornale con l’intervista al suo avvocato. Riporto astenendomi dal commentarla due risposte date al giornalista da suddetto legale: “Il signor (sic!) Tallarico oggi vive soltanto con la moglie, la figlia maggiore abita con alcuni parenti e il bambino più piccolo purtroppo non c’è più (ma va? Giura! Ops, scusate avevo promesso di non commentare).  Quanto alle molestie, limitate al tentativo di toccare 2 bambine (…….aaaaaahhhhh!), non a violenza o altro, si è ritenuto che non vi sia pericolo di reiterazione. Allora che cosa si pretende? La castrazione chimica?”.

Domanda: “Ma umanamente, non è sorpreso del fatto che una persona condannata per simili reati circoli libero come se fosse innocente?

“Assolutamente no…”.

Perché non mi stupisco più……?

L’ho già detto, probabilmente, ma mai come in questo caso ripetersi non fa male.

Trovo inconcepibile che un bimbo abbia la vita segnata mentre l’esistenza di un predatore non sia per nulla turbata. Al massimo un transitorio temporale si di una grigia e dannosa esistenza.

Lo dico dopo la lettura del nuovo rapporto di Save the children, riassunto nel comunicato che vado a riportare. Rapporto che ancora una volta presenta il reale stato della bilancia:

piatto predatori in libertà pieno, piatto di bambini aiutati, creduti, salvati, vuoto. O quasi. <<In tutto il mondo, soltanto 350 bambini vittime di pedopornografia sul web sono stati individuati e protetti. Pochissimi, dunque, se si pensa che solamente nel database dell’Interpool sono contenute foto di oltre 20mila minori. A lanciare l’allarme è un nuovo rapporto di Save the Children, alla vigilia della scadenza, in Italia, della presentazione degli emendamenti al Senato al ddl sulla lotta alla pedopornografia su Internet che l’associazione chiede di cambiare.>>

Tempo fa riportammo con il dovuto sdegno la notizia del suo arresto.

Lui, Claudio Filippo Monaco era infatti il responsabile di una comunità (Il sentiero) dove trovavano rifugio mamme e bambine vittima di violenza. Pertanto ci era sembrato ancora più disgustoso il fatto che lui stesso avesse abusato di 3 delle piccole lì ospitate. Ora l’inchiesta si allarga ed ai 3 casi accertati di abuso se ne è aggiunto un quarto, su di una bimba di 9 anni, ma come se non bastasse, le perizie effettuate sul computer sequestratogli durante le perquisizioni, stanno facendo emergere numerosi contatti a siti pedopornografici. Nel frattempo il sig. Monaco, continua a stare rinchiuso nel carcere di Opera.

Chissà invece cosa ne è dei suoi sostenitori ad oltranza……?

Come oramai da tempo sapete (soprattutto se vivete a Brescia e provincia) da oramai due anni la nostra Associazione, su tale territorio, è presa di mira pesantemente da un comitato capitanato da un sacerdote (?), tale don Mario Neva. Sacerdote chiaramente sconosciuto varcati i confini della città ma che grazie a quanto nella città medesima è accaduto, ha avuto i suoi (molto desiderati  e ricercati) momenti di vanagloria, passando dallo stato di “prete che vale meno di un curato” (secondo una dichiarazione fatta in Curia), ad “esperto di pedofilia”. Non ho mai parlato di questo essere, né della gente che ha radunato (= pedofili già condannati, loro parenti giustamente incazzati anche se con le persone sbagliate, pedofili che l’hanno fatta franca, gente attualmente a processo), poiché non ho mai voluto dargli ulteriore visibilità più di quella che con indiscutibile violenza verbale ed arroganza si è guadagnato, proprio speculando sulla pelle nostra e delle vittime che ci onoriamo di seguire. Inoltre essendosi tale soggetto preso diverse denunce preferisco attendere i processi che arriveranno ed in quella sede riportare le doverose rimostranze. Secondo il signor Neva a Brescia non è accaduto nulla, ma soprattutto, nell’ultima sua versione (ultima in ordine di tempo)  noi della Prometeo saremmo rei di ben 4 casi di finti abusi, casi cioè dove abbiamo avuto il potere di far condannare degli innocenti. Innocenti come i suoi amici bresciani che in quanto tali (amici suoi) non possono aver compiuto alcun reato. Con la stessa logica, Eva Braun avrebbe fatto assolvere Adolph Hitler dai crimini commessi. Peccato che a noi, che da 10 anni lavoriamo in tutta Italia con indiscutibile preparazione ed impegno, non interessino tali farneticazioni facilmente smentibili dai fatti. Farneticazioni che sembrano più finalizzate a creare alibi che altro. Potremmo rispondergli che tra 40 pedofili in libertà ed un innocente in carcere preferiamo quest’ultima condizione, ma visto che non condividiamo tale posizione e soprattutto che qualcuno di recente gliel’ha già detta, andiamo avanti, anche perché il 98% dei casi da noi seguiti, anche in tribunale, ha avuto il patteggiamento come conclusione, ovvero la “ammissione” del reato commesso (con purtroppo tutti i benefici di legge connessi). Tra i compiti che Neva ed i suoi amichetti portano avanti da tempo c’è il sistematico attacco alla Prometeo ed alla mia persona. Segno dell’evidente paura che facciamo loro, ma soprattutto a lui. Certo se fosse vero che abbiamo il potere di far condannare degli innocenti, lui sappia (visto che entra in questo blog almeno 4 volte al giorno) che applicando tale equazione godrebbe della più totale immunità. Sappia anche che le telefonate e le lettere che manda a cadenza quotidiana a parroci, giornalisti, amministratori delle istituzioni, etc. , per infangarci e sproloquiare di falsi abusi, intasano da diversi mesi i cestini dei riceventi, ed i faldoni dei nostri legali. Prometeo ha, agli occhi del sig. Neva una grande pecca:  quella di dare voce alle vittime, di indirizzarle alle forze dell’ordine, di non lasciarle sole:

tutte “colpe” queste, da far pagare con una fatwa per nulla cattolica ma molto mafiosa per stile e modalità di esecuzione. Ma soprattutto pedofila: visto che solo tra i carnefici non si accetta, MAI, che le vittime si riuniscano, parlino, cerchino Giustizia! Non mi dilungo né esprimo altri pareri personali al riguardo, poiché mi annoio e credetemi, ve lo giuro su Dio, parlare di lui è per me una vera perdita di tempo (oggi poi devo preparare un convegno per il Piemonte, una serata per Firenze, fare l’ordine del giorno per la riunione di stasera, installare i programmi nel nuovo pc, leggere le istruzioni della nuova Playstation portatile che mi han regalato, ascoltare il nuovo cd di Stevie Wonder, fare il bagno al cane, cambiare la ruota della mountain-bike che si è bucata, prepararmi per la cena, etc.) per tanto mi perdonerete se salto molti punti e non approfondisco il discorso (ma queste note durano il tempo del gelato che mi sto mangiando: finito quello, finisce il commento). Volevo solo rispondere ad una domanda che vi sarete fatti: 

perchè ci parli solo oggi di tale individuo? 

Semplice. Perché ho ricevuto un dossier su di lui (i cui stralci mi dicono stanno circolando in tutta Brescia e provincia) da far venire i brividi: un dossier che risponde a tanti quesiti che ancora avevamo in sospeso. Che parte dal suo seminario, per passare al modo in cui aiuta(va) le prostitute straniere togliendole (…) dalla strada ed arrivare al quando e perchè ha dato i numeri sul caso bresciano. Ed allora, visto che il gelato è finito, la playstation mi aspetta, e del dossier credo se ne parlerà nei mesi a venire, concludo qua e me la prendo……… con me stesso. Per avere sprecato, oggi dieci minuti del mio tempo ed in passato qualche giornata per tutto quanto questa persona ha fatto/detto su di me. Contro di me. Ultima in ordine di tempo, la lettera all’amico Marco Marchese che riporto. Adesso che il quadro è chiaro (con documenti alla mano, non con fandonie), chissà perché mi viene da dire: “cazzo, lo sapevo”. E sono stato uno stolto a fermarmi lì. C’è un’Italia tutta dove lavoriamo che ci ringrazia per questo. Il resto, è concime puro. Utile, da non sottovalutare, ma pur sempre concime.

Fanculo pedofilia!

Firmato:

Massimiliano Frassi,

anticlericale (se significa lottare contro una chiesa così, allora sì che lo sono), omosessuale (non ho mai capito se era una proposta subliminale), amante di una assessora (primo, al femminile si dice comunque assessore, secondo se anche fosse, siamo tutti e due più che maggiorenni) , protetto da alcuni partiti (ancora una volta ha capito tutto…….bisognerebbe assegnare l’oscar per la miopia), etc. etc. etc., secondo le definizioni che di me sono state date su più di un documento. 

p.s.: usando un detto spesso usato dall’unità crimini sui minori della F.B.I.:

It’s smoke not fire, OVVERO, è solo fumo, non certo fuoco.

p.p.s.:  segue lettera di Marchese:

Gentilissimo dottor Marchese, 

in futuro, spero non troppo lontano racconteremo anche la storia di questo volantinaggio, sono certo che anche lei sorriderà e sorriderà anche del dispiegamento di forze a difesa del personaggio che sappiamo. Lui si dichiara pubblicamente minacciato, con lui anche alcune psicologhe bresciane…quando si saprà tutta la verità, sorrideremo insieme, anche l’interessato, ad una condizione,che riconosca la gravità del suo intervento su territorio bergamasco e bresciano.Ho il controllo diretto e puntuale di quattro casi in cui è intervenuto direttamente l’interessato con la sua associazione e in tutti e quattro i casi ha aggredito persone del tutto estranee alla pedofilia. Che cosa dire? Parliamo dei particolari o dell’essenziale? Raccontano che una gentile signora quando suonava l’allarme dei bombardamenti portava con sè i due abiti più belli preoccupata che non prendessero le pieghe, nel frattempo cadevano le bombe. Sottolineo che è vostro interesse dissociarvi dall’associazione in questione perché in tempi brevi le responsabilità emergeranno con chiarezza. Il bene comune richiede che su una questione così grave  e devastante come la pedofilia non ci siano interventi così ambigui. Avrò il piacere di incontrarla… Sacerdote don Mario Neva assistente spirituale dell’università cattolica di Brescia.

Dalle parole del Giudice che condannò un pedofilo (storico), Andraghetti (autore anche di un delirante libro): “la violenza aveva lasciato nell’anima e nella psiche di alcuni bambini delle tracce che il tempo non era riuscito a cancellare, né ha poi attenuato”.

Meno male.

Meno male che non hanno tutti il paraorecchi e la codardia nel cuore. In un piccolo paese in provincia di Rovigo i genitori sono insorti. Non mandando i figli a scuola e facendo picchetti di proteste fuori dai cancelli. Il motivo: il ritorno all’insegnamento del maestro Maurizio Pizzo (v. foto 1), già condannato ad un anno e 10 mesi per ”atti sessuali di lieve entità” commessi ai danni di due alunne e registrati anche dalle microcamere dei carabinieri (v. foto 2), messe nell’aula dopo le denunce arrivate sul loro tavolo. La notizia si lega a quella che arriva dall’America dove la famosissima Oprah Winfrey durante il suo altrettanto noto talk-show ha fatto i nomi e mostrato le foto di due pedofili recidivi, invitando la gente a segnalare la loro presenza alle forze dell’ordine, in quanto ricercati. E così nel giro di poche ore i predatori sono finiti tra le braccia dell’F.B.I. . 

Meno male.

Delusione Moore.

Seguo Michael Moore dai tempi di Roger & Me e di quel piccolo (insuperato) gioiello che è Bowling x a Coloumbine. Per questo mi rammarica ancora di più l’ultima sua intervista (ultima in ordine di tempo), dove ha dichiarato che il suo ultimo film (ultimo in ordine di temo), il controverso Fahrenheit 9-11 è in realtà frutto non di documenti storicamente provati ma di sue “libere interpretazioni”. In poche parole, un fallito tentativo utilizzato in campagna elettorale, che ha avuto però un merito: aggiungere una decina di milioni di dollari al suo conto corrente.

Peccato Big Michael peccato.

Beslàn la storia infinita.

Continua l’odissea delle madri di Beslàn. E’ stato infatti arrestato uno pseudo santone che era riuscito ad entrare nel (forte) comitato che ha riunito le madri di Beslàn e che  da tempo, chiedendo giustizia x i propri figli, crea non pochi problemi al governo di Pùtin. Il santone era riuscito a far credere, estorcendo molti soldi, di poter farle parlare (con i propri figli massacrati dai terroristi ceceni), mettendole in contatto con l’aldilà. L’arresto però non ha fermato l’uomo: pare infatti che si candiderà alle prossime elezioni (puntando alla carica di Presidente), mentre voci sempre più diffuse (riportate anche da prestigiosi giornali americani) fanno avanzare l’ipotesi che sia stato lo stesso Pùtin a far “avvicinare" il “santone” alle madri, per poter poi screditare l’operato del loro gruppo.

Per la serie: tutto il mondo è paese……

 

Problemi di accessi x i commenti. Entro breve risolveremo DEFINITIVAMENTE il tutto (comprese le bonifiche di poveri pedofili che stanno infangando ed abusano, anche con le parole, convinti così di crearsi una nuova verginità).Se volete scriver sul blog mandatemi il vostro nome e cognome, al vostra mail ed il nickname con cui volete firmarvi nello spazio CONTATTAMI.

 

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe