Archivio di Gennaio 2006

Caro (si fa per dire) Padre (?) Fedele (?) Bisceglia (!), 

leggo che ringrazia di cuore tutti i suoi accusatori perché la fanno sentire come “Gesù Cristo, innocente e perseguitato”, e per un attimo, (breve ma intenso) inorridisco. 

Non solo perché le stesse parole sono solito sentirle sulle bocche dei suoi colleghi pedofili ma anche perché credo che basterebbero tali parole per prenderla a generose manganellate nei testicoli. Parole così in bocca a gente come lei sono una bestemmia, poiché come tutti ben sanno il figlio di Dio è sinonimo di Amore, non certo di violenza. 

Violenza e devianza presenti in grande quantità nella sua vita, come emerge leggendo i verbali delle intercettazioni ambientali che dimostrano in modo inequivocabile che il voto di castità non rientri nel suo curriculum. Voto da infrangere però con la violenza (“in più episodi Suor XX viene violentata da padre Fedele e da altre persone, drogata con una pillola, costretta a masturbarsi, ripresa con videocamera e fotografata in pose oscene”….ed ancora “attirata su di un auto da 4 persone che la violentano…quattro giorni dopo padre Fedele la avvicina e visto che sa troppo la spinge a suicidarsi….”….direi che basta così!), tanto grande da spazzare via per sempre le cose buone che sicuramente, nell’altra parte della sua vita lei è stato in grado di fare. Quando ancora si comportava da uomo. Quando ancora si comportava da sacerdote. Quando ancora, mi illudo, credeva in Dio e negli altri. 

Ed aggiungo in conclusione con voluto cinismo che sono lieto, molto lieto del fatto che le sue vittime (plurale poiché sono più d’una) siano tutte adulte.

Non oso immaginarmi come l’avrebbero santificata se fossero stati poveri bambini.

 biscegliaPadre Fedele? Che schifo ci fa!

 

Incredibile quanta gente si vanti di aver collaborato alla nuova legge sulla pedofilia. Così tanti da spuntare come i funghi in una mattina d’autunno dopo una abbondante pioggia (o mio Dio, cos’ho scritto?!). Quasi quasi bisognerebbe fare una verifica e poi pubblicare un elenco. Veri operatori da una parte, bugiardi integrali dall’altra. Scommetto che in cima alla lista troviamo il solito noto?! Scommetto!

disney_pinocchio_08

 

 

A breve grazie alla nuova piattaforma di Splinder avrete un maxy aggiornamento del blog, con nuova grafica e molte più immagini.

Nel frattempo, per le prossime ore, potrebbero esserci problemi di connessione e di lettura. Stay with us!

NO COMMENT.

PEDOFILIA: ASSOLTO IN PRIMO GRADO, CONDANNA 8 ANNI IN APPELLO
(AGE) MILANO – Dopo una Camera di Consiglio durata quasi sei ore la prima Corte d’ Appello ha emesso oggi la sentenza di secondo grado nella drammatica vicenda di una bambina di dieci anni costretta a prostituirsi dai familiari che la tenevano a casa da scuola per farle incontrare pedofili. I fatti avvennero a Legnano (Milano). Uno dei clienti che era stato assolto in primo grado è stato condannato a 8 anni. Il padre e la sorella maggiore sono stati condannati, rispettivamente a 9 e a 5 anni e mezzo (in primo grado 12 e 7). Per i nonni, assolti in primo grado, e per la mamma c’é stata la rinuncia all’ Appello.
monster

SHOW DI SERIE C.

Ennesimo “sciò” ieri nelle aule di un Tribunale della nostra Italietta. Dove il noto (?) avvocato (??), dalla parcella milionaria, si è mostrato ancora una volta per quello che è. Attaccando duramente le vittime e giungendo addirittura ad….imitarle, facendo le vocine e scimmiottando gesti  idioti, come quelli che secondo lui dovrebbero fare i bambini. Pur ricordando in questa sede l’intervento del Giudice che lo ha fortunatamente richiamato all’ordine, resta da parte nostra una grande gratitudine nei suoi confronti. Già avete letto bene GRATITUDINE. Per averci dimostrato con i fatti e non con anonimi proclami, di quale pasta è fatto. Di quale natura è dotato. Di come batta il suo cuore. E per questo, soprattutto per questo, lo ringraziamo veramente di tutto cuore: Grazie di cuore per averci ricordato quanto siamo diversi. Inconciliabili. Appartenenti a due mondi lontanissimi. Uno evoluto e civile ed uno fortunatamente destinato alla definitiva estinzione: il suo!

 

E’ PASSATAAAAAAAA!!!!!!

La legge a cui per primi siamo stati chiamati a collaborare è finalmente passata, nella sua versione definitiva (che ha accorporato le varie proposte dei singoli ministri, dalla Prestigiacomo a Castelli).

Un altro grande punto a nostro favore ma soprattutto a favore di quella battaglia che sempre più spesso abbiamo definitivo CIVILE!

Un grazie a chi per primo ha creduto in noi affidandoci questo importante incarico istituzionale.

Già disponibile nel nuovo sito di Prometeo, il testo definitivo.

Misure più severe e nuovi strumenti contro pedofilia e pedopornografia.

banner(‘www.ilsole24ore.it/05/sole4/norme_tributi’,’HalfPage’, ”, ”);

Accade. Non l’avrei mai detto ma accade. Accade che chieda scusa, si redima e cerchi di farsi curare.

Quanto possa durare non si sa, ma per ora illudiamoci che lo faccia a lungo.

A Vicenza un padre (?) di anni 30 ha ammesso (alle forze dell’ordine ed alla moglie) di aver abusato della propria figlia di 5 anni quindi se n’è andato di casa ed ha iniziato a farsi curare. Mah…….

NO COMMENT.

COSENZA, ARRESTATO PADRE FEDELE BISCEGLIA -"Accuse inventate da una pazza", ribatte il religioso.

23-01-2006 12:36 Vibo Valentia, 23 gen. (Apcom) – Violenza sessuale aggravata e continuata e violenza sessuale di gruppo nei confronti di una suora. Sono le accuse che la procura di Cosenza contesta a Francesco Bisceglia e al suo assistente Antonello Gaudio.Secondo gli investigatori, oltre alla suora anche tre donne, già interrogate, hanno denunciato di aver subito violenza sessuale, o tentata violenza sessuale, da padre Fedele. La presunta vittima, invece, sarebbe stata violentata dal francescano, dal suo assistente e da altre persone, in corso di identificazione, da febbraio a giugno del 2005. Le indagini, partite a seguito della denuncia della suora, sempre secondo fonti di investigazione, avrebbero riscontrato la veridicità di alcuni fatti. In particolare, le perizie ginecologica e neuropsichiatrica svolte dai Ctu nominati dalla Procura avrebbero accertato la compatibilita’ degli esami con quanto dichiarato della vittima. Inoltre, dalle conversazioni telefoniche intercettate sarebbero emersi atteggiamenti del francescano arrestato stamane del tutto incompatibili con i doveri connessi al suo ruolo. Padre Fedele si trova rinchiuso nel carcere di Cosenza da questa mattina. Ai poliziotti che lo hanno arrestato ha detto che le accuse contro di lui "sono inventate da una pazza. Sono innocente e completamente estraneo a questi fatti". Il segretario del francescano, Antonello Gaudio, 39 anni, ha ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari.

ANOTHER BRICK IN THE WALL.

Erano dovute morire due bambine di 8 anni (Holly e Jessica) per mano del loro insegnante di ginnastica prima che l’Inghilterra insorgesse chiedendo controlli più severi tra il personale delle scuole. Era stata stilata addirittura una lista, la “List 99”, contenente sia le persone già condannate che quelle “fortemente sospettate”. Ma non è bastato a fermare la follia pedofilia e l’imbecillità di alcuni. E così ad un anno di distanza dai fatti sopra citati il ministro dell’istruzione Ruth Kelly ha rischiato le dimissioni e ora corre ai ripari, sposando a furor di popolo (!) la linea dura. E chiede scusa anche per le sue difese oltraggiose. Difese come quella fatta nei confronti di William Gibson che continuava a lavorare a contatto con bambini piccoli dopo che ben 3 scuole lo avevano cacciato definendolo “predatore pericoloso” e dopo che già nei primi anni’80 era stato condannato per abusi sessuali; la cara signora Ruth, giunse a dire che l’allontanamento di Gibson “era una perdita per l’istruzione di questo Paese”.

Oggi nascono spontanee due domande:

perché bisogna sempre aspettare anni, prima che i diritti dei bambini siano rispettati?
ed ancora, perché sono sempre gli adulti, anzi, certi adulti a farla franca e ad essere tutelati ad oltranza?

LA FOTO DI OGGI.

Oggi un piccolo test; guardate bene la foto. Cosa vedete?

Osservatela bene per favore e cercate di non farvi deviare dai dettagli.

Fingete soprattutto che non ci siano le svastiche né tantomeno che l’uomo ritratto sia…..quell’uomo.

Difficile farlo? Permettetemi allora un aiuto.

Io vedo un uomo che dimostra più anni di quelli che probabilmente ha, chinarsi goffo per andare incontro ad un bimbo che gli ha portato un dono, un piccolo bouquet di fiori.

Sembrano fiori di campo (ma la visuale non è chiara), probabilmente sono molto profumati. L’uomo sorride, con un che di paterno. Il bimbo non lo sappiamo, ma probabilmente è troppo concentrato sul suo regalo e su come farlo arrivare nelle mani dell’uomo. Sorriderà quindi solo quando glielo avrà dato.

Se ora ci riappropriamo (gradualmente) di quello che prima abbiamo cancellato questa fotografia assume un valore diverso, che necessariamente vuole una spiegazione, per così dire, anche di carattere “storico”: se ne deduce ad esempio che il bambino  non è sicuramente un ebreo, altrimenti l’uomo gentile anziché ricevere da lui dei fiori lo avrebbe già condannato a morte. Quindi avrebbe fatto disinfettare la stanza e punito duramente chi ha permesso al piccolo anche solo di avvicinarsi a lui.

L’uomo è un uomo solo, molto pieno di sé, anche davanti ad un bambino si presenta in alta uniforme, quasi a ribadire con la sua veste l’immagine che ha di sé stesso (esattamente agli antipodi rispetto a quello che gli altri hanno di lui). Senza continuare con analisi criminologiche di bassa lega, aggiungo solo che quell’uomo è sicuramente circondato da persone che lo hanno guardato negli occhi e che sono pronte a testimoniare quanto sia buono, bravo, integerrimo.

La sua stessa segretaria personale impiegherà almeno 40anni prima di trovare la forza di scusarsi col mondo ed ammettere di non aver mai sospettato di essersi seduta alla destra del diavolo. 

 Quella foto credo sia la rappresentazione migliore di tutte le difese (siano fatte via mail siano fatte via volantini) che i predatori da che mondo è mondo, ricevono da pochi rumorosi esemplari.

Per tutto uguali a loro.

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe