Archivio di maggio 2006

"Educare i bambini significa anche abituarli al sesso. Proibire rende i bambini ancora più curiosi".

dal fondatore del partito dei pedofili, in Olanda.

– IL PARTITO DEI PEDOFILI –
E così l’Olanda ha partorito anche il partito pro pedofili.
Dopo la vetrine con le ragazze in vendita ed i coffee-shop dove servire droga, d’altro canto mancavano all’appello solo gli stupri sui bambini.
Il nome è tutto un programma “Amore del prossimo, libertà e diversità” e nel suo manifesto politico non mancano riferimenti alla possibilità di girare nudi per strada o di avere rapporti sessuali con animali.
Basterebbe questo per classificarli come poveri pazzi e cambiare canale.
Invece la loro calcolata follia nasconde molto di più.
Quella pericolosa tendenza ad accettare tutto. Quel tutto che va sempre oltre e che come fine ha, di solito, la violenza sui bambini.
Ancora una volta però chissà perché non mi stupisco.
Non per fare lo snob, il superiore, quello che le ha viste tutte, ma nemmeno per una sorta di assuefazione all’orrore.
Molto semplicemente credo fosse solo questione di tempo.
D’altro canto li abbiamo lasciati sfilare (è accaduto a Brescia dove sostenitori di gente condannata a 13 anni ha sfilato sotto casa delle vittime, sbeffeggiandole ed oltraggiandole nuovamente), creare comitati, siti internet “culturali”, movimenti di opinione. Hanno convinto giornalisti, giudici, medici, preti: tutti corrotti quanto loro. Uniti nel celare e nel proteggere la specie.
Hanno indetto la giornata dell’orgoglio pedofilo e poi visto che una volta all’anno non bastava, ne hanno celebrate addirittura tre (a proposito, la prossima si festeggia il 28 giugno ed a detta loro si annuncia particolarmente “ricca”).
In molti movimenti politici, anche italiani, poi la loro presenza era molto più di un “sentito dire”, qualcosa di più concreto di un terribile sospetto.
Lo dimostrano le numerose proposte di legge a difesa dei bambini spesso naufragate nel mare del più becero garantismo, ma soprattutto grazie alla più folle delle complicità. D’altro canto avete mai sentito un politico indignarsi per questi reati? Prendere una posizione dura e diretta contro questa gente?! Io no!
Quello che però mi offende veramente e mi stupisce è ancora una volta la spudoratezza con cui si presentano e l’alibi che danno alla loro calcolata follia:
“l’abbiamo fatto perché di pedofilia non si parla più”, ha dichiarato il fondatore di tale partito.
Hai visto mai, che li dovremo pure ringraziare………..????????!

il sito di Prometeo:
 vi ricordiamo nuovamente che persistendo i  problemi sul server americano, al momento il nostro sito è visibile solamente all’indirizzo:
Proprio in questi giorni abbiamo inserito nel sito, alcune relazioni tra le migliori presentate durante il nostro convegno internazionale Dalla parte dei bambini.

LA NOTIZIA DEL GIORNO.

Peccato non si siano presentati in Italia, sicuramente avrebbero vinto……

p.s.: indignamoci per questo, non per l’aria fritta!

Olanda, nasce partito dei pedofili
Si batterà per sesso a 12 anni
Si chiamerà "Amore del prossimo, libertà e diversità (NVD) il primo partito pedofilo, che nasce in Olanda. Si prepara a migliorare l’immagine della categoria e a dare battaglia per rendere libera la pornografia infantile e i rapporti sessuali fra adulti e bambini di più di 12 anni. "Educare i bambini significa anche abituarli al sesso. Proibire rende i bambini ancora più curiosi": questi i precetti del fondatore del partito.

 

"Ci hanno zittiti", ha rincarato la dose Ad van den Berg, 62 anni, l’esponente di Carità, Libertà e Diversità. "Il solo modo di farci sentire è attraverso il Parlamento", che appunto ha sede all’Aja, la città da "svegliare". Secondo la Nvd, il possesso di materiale pedo-pornografico non dovrebbe più essere assoggettato ad alcuna sanzione, anche se i suoi dirigenti concedono che il relativo smercio dovrebbe continuare a essere proibito.

Quando alla diffusione dei film porno, in televisione essi dovrebbero potersi vedere liberamente persino durante il giorno; soltanto quelli di contenuto violento andrebbero confinati nella fascia tardo-serale. L’educazione sessuale dovrebbe diventare materia scolastica d’insegnamento anche per i bambini più piccoli; una volta sedicenni, inoltre, tutti dovrebbero poter recitare nelle pellicole pornografiche o addirittura prostituirsi. Si’ al sesso con gli animali, no ai maltrattamenti. Infine, assoluta libertà di circolare nudi in pubblico, ovunque e di chiunque si tratti.

"Un divieto rende semplicemente i bambini più curiosi", è stata la chiosa di van den Berg, quasi in tono protettivo. "Quelli dell’Nvd", ha non a caso commentato con il medesimo giornale una veterana della lotta alla pedofilia, Ireen van Engelen, "vogliono farsi passare come se si attessero per veder riconoscere ai bimbi maggiori diritti, ma e’ ovvio che hanno posizioni a tutela del loro stesso, esclusivo interesse". A giudizio degli esperti, comunque, il nuovo partito è destinato a raccogliere ben pochi consensi: anche se, a completamento della propria "piattaforma", l’Nvd prevede altresì temi non filo-pedofili quali la totale legalizzazione di ogni tipo di droga, leggera ma pure pesante, e la possibilità di viaggiare sempre gratis in treno per l’intera popolazione.

Si celebra tra pochi giorni l’ennesima giornata per  l’orgoglio pedofilo. Questa volta non faremo nessun comunicato né dedicherò altro spazio qui.
Pare sia diventato lo specchietto per le allodole per tutte quelle associazioni afflitte dal “mal d’Ansa” che poi, dal giorno dopo spariscono e quando il pedofilo vero ce l’hanno sotto casa, chiudono le finestre e se ne stanno ben zitte.
Anche perché parlandone come fanno si rischia di banalizzare la cosa e farla passare in modo ancora più folkloristico di quanto già sia.
La gente sa benissimo, anche quando latita, quanto schifo faccia un pedofilo, senza doversi concentrare su simili “orgoglioni”, di qualsiasi natura essi siano.
Nota: “orgoglioni” è copyright.

Ho incontrato un paio di giorni fa una mamma. Splendida ed unica come solo le madri (alcune madri) sanno essere.
Mi ha contattato affinché raccontasi la sua storia.
E dopo l’incontro la promessa è diventata realtà. Una realtà che tra qualche mese potrete leggere.
Qui la ricordo e ricordo solo che suo figlio fu abusato e deciso da un pedofilo. Liberato dopo un anno, tornò ad abusare. Ed uccidere.
Grazie a quelle complicità che permettono alla categoria di esistere e fare tanto male ai nostri figli.
Qui la saluto e la ringrazio. La sua stima è il dono più grande che potessi trovare. E cancella in un colpo solo qualche piccolo rumoroso coglione e tutte le difficoltà ed i i problemi che ogni giorno si affrontano.
AUDIO BLOG / Renato Zero:
Registrata live a Ravenna, durante quello straordinario tour che fu “Senza Tregua”, il 13 agosto del 1980 (giorno del mio compleanno), eccovi per qualche giorno, una straordinaria versione di “Qualcuno mi renda l’anima”.

L’audio e’ stato cancellato dallo spazio su Splinder

Pazientate ancora un paio di giorni. Sta arrivando: Flipper Show.

arcobaleno
E’ stato il posto dove si è cercato di uccidere Dio, ma si è annientato l’uomo.
Ieri in quel posto, che trasuda ancora morte e sofferenza, dove se fate attenzione sentite ancora le grida ed il dolore di chi ci ha perso la vita, il Santo Padre ha portato il suo messaggio di pace e di fede.
Chi come me ha seguito la diretta televisiva non può non essersi commosso su un effetto, straordinario, che ad un certo punto è capitato:
le nuvole se ne sono andate ed il sole ha fatto nascere uno splendido arcobaleno, mandando poi i suoi raggi, di vita, a trafiggere i binari, carichi di morte, del campo di sterminio.
Il tutto mentre nelle nostre orecchie ancora risuonavano le parole di una sopravvissuta:
“mi hanno tolto tutto questi aguzzini….la famiglia, la salute, tutto….ma non la mia dignità”.
bimbo

Due anni di blog, due anni di noi.
Ho ricordato alcuni giorni fa il grande successo che questo blog, grazie a voi, ha avuto, in crescendo nel corso del tempo, a due anni dalla sua nascita.
Oggi ricordo, con un pizzico di vanto, come è sempre più frequente che gli
articoli che qui metto finiscano in altri siti, ma soprattutto in alcuni quotidiani che li riprendono.
Giusto ieri a Bergamo, Verona, Cagliari, Firenze, Roma, Vicenza, Orvieto, ne sono apparsi ben tre. Complimenti…

Strada facendo.
Ho parlato nei giorni scorsi di assurde gite fuori porta, scatti dell’orrore che riuniscono famiglie di imbecilli da Chernobyl a Cogne, sulle rotte tracciate dal sangue e dalla follia. Oggi vi segnalo l’alternativa.
Perché esiste sempre un’alternativa, a prescindere dal grado di follia, l’alternativa c’è. E surclassa per qualità l’altrui quantità.
Sotto il Monte è un paese in provincia di Bergamo. Qui nacque papa Giovanni XXIII, per chi scrive il più grande papa di sempre.
Se vi trovate a passare da queste parti, oppure se non avete mai visitato la bellissima città di Bergamo e capite che è ora di farlo, al ritorno dalla visita fate un salto qua.
Potete arrivarci in autostrada (20 minuti dalla città, traffico permettendo) o per la statale che passa da Ponte San Pietro.
Una volta giunti, anche se non siete devoti, fedeli o pellegrini, tappa obbligatoria della visita deve essere la casa che ha dato i natali al sopracitato Papa. La casa di un’umile famiglia di contadini, perfettamente restaurata per mantenere quel clima e quell’atmosfera di più di un secolo fa.
Una volta dentro, dopo aver visitato gli antichi alloggi, tappa obbligatoria sarà la statua del Santo Padre e poi la chiesa, dove ritagliarvi il tempo per una vostra preghiera.
Davanti alla chiesa una stanza, reale oggetto di questa mia discussione.
E’ la stanza che contiene gli ex-voto. Fotografie di auto distrutte con le lettere di chi è uscito indenne da brutti incidenti, cartelle cliniche con nefaste diagnosi e via discorrendo, per una galleria di sofferenza e dolore, che qui ha trovato la giusta risposta.
In realtà ciò che vi colpirà più di tutto è la grande macchia di colore che ricopre fino al soffitto tutte le pareti. Una macchia con due tonalità, rosa ed azzurro.
Le tonalità dei fiocchi che certificano centinaia di nascite, creando un bellissimo arcobaleno della Vita, qui finalmente celebrata.
Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe