Archivio di Agosto 2007

judith leekin 9 children
Mi ha sempre colpito e non certo positivamente, la facilità che c’è, negli Stati Uniti, di adottare dei bambini, anche da parte di persone single.
Mi hanno sempre colpito, “disturbandomi” un po’ quei personaggi famosi (sopra tutti, imbattibile, Mia Farrow) affetti dalla smania di “riunire” bambini provenienti da ogni parte del mondo con lo stesso spirito con cui si collezionano francobolli (il tailandese, la cinesina, il brasiliano……).
Dico questo per parlare di un caso che in questi giorni, in America appunto ha creato molto scalpore.
La donna che vedete nella fotografia in alto, tale Judith Leekin, di 62 anni, è stata arrestata per aver seviziato e sfruttato una decina di ragazzi/e da lei adottati, che oggi hanno un’età che spazia dai 15 ai 27 anni.
I figli adottivi erano stati presi dalla donna col solo scopo di vivere di rendita grazie ai sussidi governativi dati per il loro mantenimento.
Tra questi, alcuni hanno seri deficit fisici o psichici, uno ad es. è non vedente, nessuno di loro ha mai avuto una visita pediatrica né dentistica, ma non sono nemmeno andati a scuola a tal punto che alcuni di loro non sanno né leggere né scrivere. Tutti la notte stavano legati con manette e corde e spesso venivano imbavagliati per evitare che urlassero.
E ancora, alcuni hanno subito abusi sessuali e tutti sono stati nutriti in modo inadeguato.
In compenso al donna possedeva due case e numerose auto.
Alla frase detta dall’avvocato della predatrice alla stampa, frase secondo al quale “tra i bambini adottati e la sua assistita c’era in realtà un legame emotivo”, la Polizia ha replicato dicendo che l’avvocato “ha detto una cosa giusta, peccato che l’unico legame emotivo sia la paura”.
Una volta grandi i ragazzi non hanno mai chiesto abituo poiché certi che la donna “li avrebbe uccisi tagliando loro la testa”.
Oggi la donna è in carcere, con ben 11 imputazioni, mentre tutti i ragazzi sono stati dati in affido a centri specializzati.
L’America si interroga, appunto, sulla facilità di dare in adozione i suoi figli e sulla mancanza di controlli da parte delle autorità.
A chiusura le dichiarazioni dei suoi vicini di casa i quali ovviamente non hanno mai visto né sentito nulla:
“la vedevi e pensavi che potesse essere tua nonna….una persona dolcissima….impossibile pensare a lei come ad un mostro….mai un gesto o una parola di troppo, molto gentile e controllata, una gran bella persona……”.
 
Qui vedete il servizio sul caso fatto dalla CNN:

COPIAeINCOLLA /
Abusi sessuali: 6 i preti ricattatI
Sono in Piemonte, Liguria, Puglia, Lombardia
TORINO – Sono sei i preti, di varie parti d’Italia, che compaiono nell’inchiesta su Costa, il ragazzo torinese arrestato per estorsione a 2 sacerdoti. Il numero e’ stato ricavato da carabinieri e magistrati incrociando verbali di interrogatorio e brogliacci di intercettazioni telefoniche. Ai nomi dei 3 religiosi finora emersi se ne devono dunque aggiungere altri tre, per il momento non identificati. Il primo e’ a Magenta (Milano), il secondo in Puglia, il terzo Liguria. FONTE ANSA.

ABUSI ALL’ASILO, I NOSTRI FIGLI NON MENTONO.
Le famiglie riportano i maestri alla sbarra.
VERONA. All’Asilo San Gaetano di Ponton “i bambini che hanno dichiarato in vario modo di essere stati sottoposti o di avere assistito ad abusi sessuali sono almeno una decina, rappresentando dunque circa un terzo di quelli potenzialmente coinvolti”. E’ una delle pregnanti argomentazioni sulla cui base, in una corposa memoria di 36 pagine, le 4 parti civili rappresentate dal professor Lorenzo Ricotti nel processo sui presunti abusi sessuali subiti da sei bimbi della scuola materna, hanno presentato ricorso alla Corte d’appello contro l’assoluzione in primo grado dei 3 educatori sotto accusa. Anche las procura e le altre parti civili, in questi giorni, hanno impugnato davanti ai giudici di secondo grado un verdetto le cui “spiegazioni alternative” – scrive l’avvocato Ricotti nella propria impugnazione – “non solo sono sfornite di credibilità razionale su evidenze probatorie…ma sono anche in palese contraddizione fra loro”. Ancora: “Quelle rese da … (la prima bimba che denunciò le presunte violenze di cui omettiamo anche solo le iniziali per tutelarne la privacy)… sono dichiarazioni spontanee di una bimba di 4 anni, delle quali non è ragionevolmente dubitabile l’autenticità…”. (…)
Continua nella home page del sito di Prometeo, spazio News:

SPECIALE FLIPPER SHOW.
 
No comment.

862_20060724manifestoCampagna

 TortaCompleanno

AUGURONI.
Oggi compie gli anni la piccola Patricia, bimba adottata tramite il blog. Come già vi ho scritto nei giorni scorsi a causa della eccessiva perdita di peso, la bambina sta avendo molti problemi ad affrontare la cura.
Oggi le amiche del Budimex sicuramente le faranno una bella festa, vorrei però che da qui le partisse il vostro augurio più caro per questo suo primo anno di vita. Un anno non facile, doloroso, pieno di tribolazioni.
L’anno che nessun bimbo dovrebbe avere.
Ciao piccolina siamo tutti con te e ti vogliamo un mondo di bene.

COPIAeINCOLLA
Spagna, condannato prete pedofilo
Dichiarato responsabile anche l’Arcivescovado di Madrid
Madrid, 11 lug. 07 – E’ stato condannato dal Tribunale supremo spagnolo a due anni di carcere e 30 mila euro di risarcimento un prete di 74 anni, accusato di pedofilia. Le accuse riguardano abusi sessuali compiuti su un minore tra il 1999 e il 2001, nella curia e nella casa dello stesso giovane.
L’Arcivescovado di Madrid è stato dichiarato responsabile civile sussidiario per non aver effettuato un’adeguata vigilanza nella parrocchia, così come previsto da diritto canonico, che impone il controllo dei parroci della propria Diocesi.

gelmini

waminniedaii
Omaggio musicale (come sempre resterà per poco poi lo tolgo). Ve la ricordate?

L’audio e’ stato cancellato dallo spazio su Splinder

COPIAeINCOLLA.
Colombia: mette incinta una bimba
Arrestato un uomo di 39 anni vicino a Madellin
Un uomo di 39 anni e’ stato arrestato vicino Medellin, in Colombia, per aver messo incinta una bambina di 10 anni. La piccola, riferiscono i media colombiani "sarebbe la moglie o la compagna sentimentale permanente" dell’uomo, che ora dovra’ rispondere all’accusa di violenza sessuale e abuso contro minorenne. La denuncia e’ stata sporta dalla madre della bambina, stando alla quale la piccola subiva gli abusi dell’uomo da quando aveva sette anni. FONTE ANSA.

“È una montatura, hanno tirato fuori cose di 50 anni fa. Secondo me il Vaticano ha sbagliato a pagare gli indennizzi, quelle sono responsabilità personali. La verità è che, partendo dagli Stati Uniti, è in atto un’offensiva ebraico-radical chic che mira a screditare la chiesa cattolica. I pedofili sono ovunque nella società”. Don Gelmini.
Non mi sono ancora espresso sul caso don Gelmini, né lo farò. Mi fa troppo schifo, sia il parlarne che l’ennesimo contorno. Dico solo che da quando il caso è esploso non faccio a che pensare a quando, come operatore di strada, poco prima di partire per l’Inghilterra dove avrei “approfondito” il tema che ancora tratto, lavoravo (anche) con i giovani tossicodipendenti, molti dei quali andati via dalle sue comunità…..e da me reinseriti in altre realtà (specialmente  San Patrignano che garantiva qualità e recupero).
Qua mi chiedo solo, tornando alla frase di cui sopra, cosa c’entri lo scandalo dei preti accaduto in America e, non dimentichiamocelo, esploso in simili proporzioni anche in Irlanda,  Portogallo ed Austria.
Caro don Gelmini o: ci faccia un piacere. Si difenda come vuole e con chi vuole (ammantando telegrammi di solidarietà ed avvalendosi dello stesso legale che difende gli indagati di Rignano Flaminio), ma eviti certe sparate che non fanno bene a nessuno. Tantomeno a lei. Ed ai ragazzi che dice di aiutare.
Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe