Archivio di giugno 2008

PRIMA PAGINA

20080630_VI

 

LA VOSTRA VOCE.

Ancora una testimonianza. Da un’amica straniera (per questo trovate alcune imprecisioni che abbiamo lasciato poiché ciò che conta qua non è la grammatica…..). Ancora una voce coraggiosa, ferita, che ha solo bisogno di trovare al forza per voltare l’angolo e lasciarsi andare alla vita che si merita.
Un abbraccio da me e, lo so già, da voi tutti.
avatar-survived
ciao sono Carolina , oggi ho 35 anni e due splendide bambine, avevo voglia di raccontare….
….ho provato andare a vari psicologi, ho provato a parlare per anni con mia mamma,poi con mia zia la sorella de la mia mamma poi con i fratelli, con 2 di loro, poi con il marito, poi, poi poi, anche confidenzialmente con il maresciallo dei carabinieri dove oggi abita il mostro de mio padre…….potrei continuare a dire….., con la mia dottoressa, ma mi sembra di portare un peso, diciamo un groppo in gola, sono colpevole, colpevole di…ma …avevo 10 anni, quel giorno era nato il quarto fratello……..e io mi sono trovata nel lettone, quella sera avevo vinto io, credevo, perche tutti volevano dormire con il papa, e durato 4 anni…..poi altri 4 ci provava, poi sono scapata di casa, e il futuro, sono stata fortunata, ho conosciuto ottima gente
oggi ho una famiglia bella, un ottimo marito, ma ho paura di portarmi altri pesi, mio fratello minore sta per per avere una figlia con una ragazza, lui a 24 e vive con i mie genitori……..non mi potrei perdonare, ma in questa societa, come si puo fare……..inutile urlare, chiedere aiuto, la mia famiglia di origine segue come se niente fosse, per anni ho aspettato la sua morte…………in cambio ho ricevuto ignoranza…….e lui ottima salute, ma se fa ancora del male, se lo ha fatto………..allora dico queste sono scuse per giustificare la mia vendetta?
ho scelto di allontanarme di qualcosa che non ho scelto, la flia, con due fratelli seguo in contatto, ma………pensa con il mio terzo fratello ho parlato un anno fa, laureato in farmacia, (tanto per dire non ignorante), assieme a mio marito, quel giorno a pianto come un bimbo, poi e tornato a casa sua, e poi come se niente fose, ogni sera torna a casa dei mie, come se niente fosse……..ma……..e incredibile………credo io……………e considera un idolo a mio padre, come il maresciallo, io lo avevo chiamato perche per secondi avevo sentito che si avevano accoltellati con mio fratello maggiore,  tuo padre ottima persona, abbiamo allontanato tuo fratello, ha fatto laureare a tre fratelli…..questo ti senti dire, mio fratello maggiore laureato in biologia, e caduto in depressione, i psichiatri mi avevano contattato per tel., e tuo padre un ottima persona, anche loro…….e grossa la storia, ma lui con molta intelligenza la gestisce………e passa per un ottimo padre…..
scusa tutto in confusione, non so narrare alla perfezione, anche questa e una causa……ma la spedisco e………ed e uno sfogo di una ragazza che in parte a trovato serenita, ma a paura, che non puo esternare perche sarebbe diversa al modello che la societa ha disegnato, e magari mi metterebbero in cura a me, per……per aver paura di vedere i uomini mostri?, per paura di lasciare mia figlia in asilo, per ogni giorno pensare al mio passato?, perche vorrei tranquillita, serenita, scusa di questo sfogo ………so che ce di peggio…….e mi devo ritenere fortunata…..ma difficile di vedere il bianco……….e grazie per aver letto…..a presto
Carolina

I NUOVI MOSTRI.
Bimbo lecca dita del padre e muore
Usa, condannato genitore cocainomane
Un bambino di otto mesi è morto dopo aver succhiato le dita del padre intrise di cocaina. E’ successo negli Usa a dicembre, e dopo 6 mesi di processo Dannis Day Driver, 26enne genitore del bimbo, è stato condannato all’ergastolo per omicidio a mezzo di overdose. L’uomo, pizzicato già otto volte per fatti legati alla droga, ha confessato di aver preso la cocaina, ma di non averla data anche al piccolo addormentato sul suo petto.

NO COMMENT.
Arresto per pedofilia, nella tarda serata di ieri, a Taio, in provincia di Trento: l’arrestato e’ un marocchino di 37 anni, residente nella frazione di Dardine. L’extracomunitario e’ stato sorpreso dal padre di una bambina mentre compiva atti di autoerotismo spiando la figlia e una sua amica. Vistosi scoperto, luomo si e’ dapprima dato alla fuga, rifugiandosi nella propria abitazione; subito dopo, pero’, ha fatto ritorno sul posto armato di una spranga di ferro con la quale ha colpito il papa’ dell’altra bambina, nel frattempo chiamato dal primo genitore e accorso sul posto.I due genitori ed alcuni vicini hanno fatto intervenire i carabinieri della stazione di Cles; ma il marocchino si e’ scagliato anche contro un carabiniere ferendolo, prima di venire bloccato dai militari dell’arma, che lo hanno arrestato e tradotto nel carcere di Trento.In passato era già stato arrestato per abusi.

Del caso da noi lanciato ieri sta per esplodere la bomba e a breve ne riparleremo.
Per oggi vi ricordo che in questo va e vieni di pedofili, dagli Usa all’Italia, c’è anche lo scambio inverso, dall’Italia agli Usa.
Sempre Bill Nash infatti ci avvisa che dello stesso ordine di Tully c’è anche tale “Mario Pezzotti” che lascia l’Italia per andare in America dove si rende colpevole di numerosi abusi a danno di minore, in una scuola del Massachussettes.
Scoperto e denunciato è stato “spostato” ed oggi “opera” felice e beato…..in Brasile.

blog esclusivo /
PRETE PEDOFILO AMERICANO TROVA RIFUGIO A VICENZA.
bill nash
Ho seguito negli ultimi mesi da vicino questa vicenda dato che sono stato contattato direttamente dalla vittima (foto sopra) ed oggi, in contemporanea con l’America ve ne parlo.
Bill Nash, membro attivo del gruppo Snap, è stato vittima di abusi sessuali da parte di quest’uomo, tullpadre James Tully, prete missionario, il quale oggi dopo essersene andato dagli Usa (dove secondo le parole di Nash “ha avuto decadi di abusi a danno di bambini”) senza aver scontato un giorno di carcere, si trova attualmente in Italia.jim tully current
Per l’esattezza a Vicenza.
Bill Nash, forte del discorso fatto pochi mesi fa dal Santo Padre, chiede ufficialmente al Vaticano di ridurre allo stato laicale James Tully. Chiede inoltre che si verifichi che al momento Tully non svolga a attività che lo portino a contatto con bambini / adolescenti. Chi è di Vicenza e lo conosce può quindi darci informazioni in merito ai nostri recapiti.

Guardate il video del politico che attacca le vittime su You Tube:
 

tull
LUI CHI E’ EHEEEEEEEE?jim tully current
Ieri ho messo una prima foto.
Oggi la seconda.
Ancora più bella……poi ne parliamo.

COSA NE PENSATE? Parte 1.
 
Due notizie dall’America. Apparentemente opposte. In realtà quanto mai vicine.fagan
In Massachussetes il soggetto che vedete ritratto nella foto (un noto politico) si è opposto alla Jessica’s law ed ha dichiarato parlando dei bambini vittima di abusi sessuali che, cercherà di assicurarsi che “passino il resto dei loro giorni male, che quando compiranno 12 anni non potranno essere in grado di dormire e quando ne avranno 18 avranno incubi e non saranno in grado di avere alcuna relazione.
La Corte suprema invece grazie al voto decisivo del conservatore Anthony Kennedy (già noto per aver votato a favore dei detenuti di Guantanamo) ha deciso di abolire, con 5 voti favorevoli contro 4, la pena di morte per chi stupra i bambini (uccidendoli….non intenzionalmente….????!!!!!!) , poiché la punizione è da ritenersi “troppo crudele”. Si è arrivati al voto dopo che kennedy patun condannato alla sedia elettrica, Pat Kennedy (parente?), aveva fatto ricorso contro la pena inflittagli per aver abusato la propria figliastra di 8 anni. "Applicare la pena di morte allo stupratore di un bambino è violare il divieto della costituzione di una punizione crudele e insolita e non proporzionale al crimine”. Resta invece “costituzionale, anche se non c’è omicidio, nei casi di spionaggio o tradimento a danno della patria.

COSA NE PENSATE? Parte 2.
Cosa ne pensate dell’idea di prendere le impronte ai minori rom, nei
campi nomadi  lanciata dal Ministro Maroni, affinché se quei bimbi verranno trovati chiedere l’elemosina li si possa togliere ai “genitori” sfruttatori?
Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe