Archivio di ottobre 2008

La mamma dei cretini è sempre incinta; post, ovviamente anonimo, segnalatoci da Rosaria ed apparso nel suo blog:
“CI SIAMO POSTI IL PROBLEMA CHE LA PEDOFILIA POTREBBE NON ESISTERE ED ESSERE UN’ INVENZIONE DELLE DONNE FEMMINISTE CHE NON PERDONANO I LORO COMPAGNI DI APPREZZARE LA FESSURA STRETTA?”

SITO PROMETEO:
Aggiornato lo spazio links e quello con le regole per chi vuole adottare a distanza i piccoli ospiti del Budimex:

DATI PEDOFILIA:
SALERNO: Allarme della Procura: solo nel 2007 sentenze per ventuno processi, centinaia i fascicoli ancora in corso di istruttoria.

Credo che questa notizia si leghi con la precedente. A forza di leggere di comitati, manifestazioni di piazza, blog ed altre castronerie la gente ne abbia piene le cosiddette e rischi, purtroppo, di fare il salto…..superando ogni limite, umanamente consentito.
 
“Un quarantenne di Tor Bella Monaca è scampato a un "linciaggio" da parte di decine di persone che avevano sentito voci sulla sua pedofilia. L’uomo è scappato e dal suo appartamento ha chiamato i carabinieri che hanno disperso la folla che si era radunata. Il motivo dell’aggressione sarebbe il possesso di materiale pedopornografico, che gli sarebbe stato trovato in casa recentemente, dopo la denuncia dell’uomo a piede libero.”

CORSI E RICORSI.
Di lei parlammo lo scorso novembre quando accoltellò, (uccidendola), l’anziana insegnante di doposcuola del figlio ed il marito Luigi Compagnone (ferendolo) accusato di essere un pedofilo. Nel computer dell’uomo la polizia trovò materiale pedopornografico ma raccolse anche testimonianze addirittura di decenni prima.
Oggi la donna, fortunatamente ai domiciliari, è stata condannata a 7 anni (le hanno riconosciuto l’attenuante della provocazione altrimenti gli anni sarebbero stati 15).
“Sarebbe stato lo stesso bambino un giorno a raccontare tutto a sua madre. In lacrime avrebbe detto che quando era in casa della maestra, Compagnone era solito chiamarlo al piano superiore, con il consenso della moglie, e lì, lo avrebbe invitato a spogliarsi e lo avrebbe toccato nelle parti intime.”

Inutile dire che invece l’uomo è ancora in attesa di giudizio.

Parrucchiere molestava due bimbi.
Perugia. Arrestato anche per spaccio di droga
L’ ‘orco’ aveva assunto le sembianze del parrucchiere di fiducia. Le violenze avvenivano quando il nonno portava i nipotini, un bimbo di sette anni e una bimba di nove, a tagliarsi i capelli in quel salone. I militari si sono messi all’opera quando i piccoli hanno raccontato quello che era successo.

“Londra apre la caccia ai pedofili”:
voi cosa ne pensate?
Da pochi giorni in 4 contee inglesi i genitori potranno chiedere se gli adulti che hanno “accesso” ai loro figli (insegnanti, preti, educatori, allenatori, vicini di casa, giardinieri, etc.) hanno precedenti per pedofilia e quindi possono essere un imminente pericolo. Il tutto viene fatto per “tentare di ridurre il sempre più crescente numero di abusi”. Il tutto è stato battezzato Sarah’s law, la legge di Sarah e prende il nome dalla piccola Sarah vittima di un pedofilo recidivo che era stato accolto a casa della vittima medesima, rapita ed uccisa ad 8 anni. Non è necessario che al persona sia stata condannata, basta che sia stata aperta nei suoi confronti un’indagine per pedofilia. La polizia deve rispondere alla richiesta entro e non oltre 24 ore!
Sapendo che nel nostro paese la cosa è ovviamente impensabile, voi cosa ne pensate?

Assumeva Minorenni Per Poi Violentarle. In Manette Un Gestore Di Bar Di Bergamo
Assumeva ragazze minorenni, fra i 13 e i 17 anni, per farle lavorare in nero nel suo bar. Poi le costringeva ad avere rapporti sessuali con lui, minacciando di licenziarle. P.A., sono queste le iniziali del pensionato 68enne che gli inquirenti hanno definito un ”pedofilo seriale”, è stato arrestato dai carabinieri di Bergamo con l’accusa di violenza sessuale aggravata. A svelare la lunga serie di abusi, è stata una delle sue vittime, all’epoca dei fatti ancora tredicenne. La ragazza ha denunciato ai miliatari di aver ricevuto pesanti avances dall’anziano e i suoi racconti hanno consentito di identificare le altre adolescenti vittime delle violenze. Secondo gli investigatori, l’uomo programmava le violenze con sistematicità, tanto che spesso le ragazze venivano licenziate dopo appena due mesi dall’assunzione.

PI5Send1

LA FOTO.
Avvertenze: può provocare effetti collaterali indesiderati quali vomito, dissenteria, eritemi……

a la monica

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe