Archivio di Ottobre 2013

Abusi sulle donne….anche quando la moglie è incinta…i nuovi dati

violenza sulle donne i datiLa quotidianità della presa di coscienza delle violenze sulle donne (violenze che sfociano sempre più spesso con la morte delle stesse: 124 nel 2012 e già 65 nei primi mesi di quest’anno) si accresce nel suo incontenibile orrore, nella sua folle inarrestabile corsa, disabilmente frenata da servizi incompetenti o peggio ancora complici, da un nuovo dato. Agghiacciante. Pericoloso. Non nuovo quindi dato che i due aggettivi, pericoloso ed agghiacciante, riecheggiano in quanto già conosciamo.
Il nuovo dato è il seguente: ogni 4 donne pesantemente abusate/maltrattate una è incinta e le violenze continuano (ovviamente) anche dopo la nascita del figlio. Il quale se “cresciuto in un ambiente familiare violento” avrà “il 50% di possibilità in più di abusare di alcool, di droga, un rischio sei volte maggiore di tentare il suicidio, più alte probabilità di sviluppare effetti di stress sul cervello e comportamenti delinquenziali”.
E ancora, la donna vittima di violenze dal compagno è due volte più a rischio depressione, due volte a rischio dipendenza alcool/droga e una volta e mezzo più a rischio di contrarre malattie a trasmissione sessuale AIDS in primis). Il “42% di chi ha subito questo tipo di violenza ha poi avuto seri danni alla salute” e non si pensi che il tuto avvenga in ambiti “poveri”. Nelle fasce alte di reddito la percentuale è del 23,2%.
A riportare questi dati l’Osservatorio nazionale sulla salute della Donna creato dall’Oms, che in tempi di crisi riporta anche un dato economico: 2,4 miliardi di euro all’anno i costi , diretti ed indiretti, causati dalla violenza contro le donne.

abusi sulle donne

Nota: a tal riguardo riporto un mio post da Facebook

Mamme sveglia! in più scuole medie milanesi agli alunni viene dato un questionario. centinaia gli allievi, maschi e femmine, rispondono. per il 31% di loro se una donna “viene maltrattata è perchè ha combinato qualcosa per provocarlo!”. per il 21% “a volte la violenza è l’unico modo per esprimere i propri sentimenti”. per il 68% “nella società il ruolo della donna è principalmente quello di madre” (leggasi casalinga)…e ancora “un uomo NON maltratta senza motivo” (19,6%); e ultimo ma non ultimo “se qualcosa va male la colpa è della donna”. Vogliamo rimboccarci le maniche, donne ma anche uomini, e trasmettere a noi stessi un futuro diverso…o siamo lieti di aver concepito una futura generazione di piccoli insulsi maschi senza attributi, lieti di sfogare le loro frustrazioni sul corpo di una donna, su un bambino da abusare, su un “frocio” da picchiare?

Riattivati i commenti

Ovviamente chi commenta si assume le responsabilità di ciò che scrive!

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe