Archivio di novembre 2013

Allieva picchiata e abusata? Sì, ma a fin di bene…..

predatori di bambini“…. I denunziati maltrattamenti se pur, forse, aspri o addirittura violenti tanto da cagionare lesioni, avvennero SOLO in occasione di allenamenti di un’atleta capace di ottenere risultati notevoli e quindi certamente spronata dal suo allenatore a fare sempre di più……ascoltare la minore non sembra potenzialmente utile dal momento che se costei avesse avuto la possibilità di fornire maggiori elementi li avrebbe evidenziati dal primo momento nel corso dei colloqui con le psicologhe…”
Quella che avete letto è solo una sintesi…delle motivazioni di assoluzione di un pedofilo. L’ennesimo caso di pedofilia nel mondo dello sport. Lui il “solito” stimato allenatore. Riconosciuto da tutti come molto aggressivo, anche fisicamente. Stavolta oltre alle aggressioni si sono verificati però conclamati casi di abuso. E la sua vittima, a distanza di tempo, sta purtroppo ancora male, mentre lui, impunito, continua il suo operato a contatto con altre minori.
Le motivazioni che avete letto sopra sono a dir poco “scandalose” così come l’intero iter processuale lo è stato.
Poi ci si chiede perché la gente anziché denunciare chieda aiuto alle Iene…cosa che forse è il caso di fare…pure in questo caso…povera italietta pedofila…vai sempre più a fondo…

Nuovo incontro corso formazione per le forze dell’ordine sul tema della pedofilia.

corso pedofilia per le forze dell'ordine

Si terrà sabato 14 dicembre 2013 il nuovo incontro da noi promosso nel percorso di formazione per manente per le forze dell’ordine. Luogo dell’incontro Bergamo e relatori d’eccezione, nuovi operatori da Scotland Yard Londra.
I membri delle forze dell’ordine interessati ci contattino via mail a questo indirizzo: prometeobresdcia@yahoo.it oppure chiamandoci allo 0364 880593.
Dalla parte dei bambini, sempre!

 

 

Non si fermano mai…..genitori abusano la propria figlia in un centro commerciale.

Non si fermano mai…..genitori abusano la propria figlia in un centro commerciale.

pedofilia nel centro commerciale

Chi ci legge abitualmente sa che ci sono storie di ordinaria pedo-follia….così assurde da sembrare quasi comiche, anzi tragicomiche dato che sempre celano dietro la loro facciata un grande dolore.

“Ma vedi anche tu quello che vedo io?” è la domanda che più di un commerciante ed un passante si sono fatti, in un grosso centro commerciale dalle parti di Rovigo. La folle scena che si è loro presentata è stata la seguente:
su una panchina all’interno del centro due “genitori”, padre e madre, con la propria figlia. Fino a qua nulla di che ovviamente, una comune immagine e ci mancherebbe altro. Se non fosse che i due “genitori”  anziché, che ne so, prendersi un gelato con la figlia o riposarsi dalle fatiche dello shopping, sotto agli occhi di TUTTI stessero abusando della propria bambina. Sì, avete letto bene, la abusavano sotto agli occhi shockati dei passanti.

Sta gente non si ferma…sta gente si sente onnipotente…sta gente va fermata una volta per tutte e resa per sempre innocua. Perché abuseranno a vita. Perché non si fermano nemmeno se quel abuso lo vogliono attuare in un centro commerciale alla luce del sole…
Nota: oggi, dopo soli tre anni dall’accaduto (evviva i tempi della Giustizia) è iniziato il processo e sono stati ascoltati i numerosi testimoni dell’abuso pubblico.

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe