GLI ABUSI SUI DISABILI.
La notizia è fresca fresca. Una ragazza residente ad Almenno San Salvatore (provincia di Bergamo), di 29 anni è stata denunciata per aver maltrattato un bimbo disabile del quale si doveva prendere cura. Il bimbo non parla, si muove solo su una carrozzina speciale, è, per farla breve, in totale balia di chi lo deve curare. Amare con una marcia in più, rispetto alla “norma”.
La violenza si è scoperta solo grazie ad una videocamera lasciata accidentalmente accesa. Altrimenti non saremmo qua ad occuparcene.
Gli abusi, fisici, psicologici e sessuali, su bambini con handicap psico-fisici sono molte di più di quello che si pensa. tante, anche in questo caso, troppe. E quasi tutte destinate a naufragare in un mare di silenzi ed omertà. Perché se per un bambino “normale”, perdonate la bruttezza dell’aggettivo, è spesso impossibile riuscire a trovare la forza per chiedere aiuto ed interrompere gli abusi, per un bimbo con handicap la difficoltà è un milione di volte ancora più grande. Ed il silenzio suo, e l’impunità dell’aguzzino, diventano la norma.
Non abbiamo al riguardo studi o statistiche italiane. Ciò che sappiamo, in termini di numeri, arriva dall’America. E da lì apprendiamo che “i minori disabili sono 1.7 volte più a rischio di essere abusati rispetto a quelli senza disabilità”. Identiche, suppongo, anche le punizioni per i colpevoli. Qua non servono studi approfonditi o aggiornati, per concludere che da qualsiasi parte dell’oceano si guardi a tale crimine, resta l’impunità del colpevole, la principale caratteristica. A meno che una videocamera non rimanga accidentalmente accesa.

6 Commenti a “”

  • Apro la mia settimana apprendendo questa ulteriore drammatica notizia…quasi come un pugno nello stomaco. Ma è giusto sapere.

    Mi domando…se fossi il genitore di un bimbo portatore di handicap che ha vissuto un tale sopruso, sarei giustificato se aggredissi a sangue il violentatore, cambiandogli i connotati, rendendolo egli stesso portatore di handicap??????????

    Ma in che mondo viviamo??????????????????

    Spero di leggere presto che qualcuno si è preso la briga di punire adeguatamente questa…."persona".

    con stima
    Esmessandra

  • a44a:

    Condivido pienamente il commento precedente…sono senza anima, dovrebbero morire.

  • Condivido in pieno e mi sento sempre più triste e preoccupata per questo mondo dove, davvero, non ci si ferma più davanti a niente e la ferocia diventa sempre più inaudita.

  • Queste non sono persone ma scarti umani con l’anima sporca come una  fogna!!

  • …che ci lavorano a fare questi esseri con i bambini (disabili o no non fa differenza, se una persona fa schifo non ci deve avere contatti e basta!) se la loro unica forma di espressione è una violenza senza senso?!
    sto avendo nei confronti non solo di questa "donna" (oh, mon dieu, "donna" non mi è mai suonata così male…) i più turpi istinti violenti, giusto per rispettare la cara vecchia legge del taglione…

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe