“Io sono un pedofilo” – l’autore ci contatta e dice…

IO PEDOFILO – L’intervista al pedofilo.
L’autore ci ha contattati chiedendo di aggiungere una sua spiegazione, che riportiamo integralmente:”Ho letto nel vostro Blog l’intervista e sopratutto i commenti, forse era meglio precisare che ho sempre avuto a che fare in maniera virtuale e mai con bambini/bambine, ma con adolescenti 15enni 16enni 17enni, e che sono stato anche io oggetto di abusi ( fisici in quanto quando avevo 8 anni il virtuale non si sapeva nemmeno che cosa fosse), clinicamente dimostrabile…con questo non voglio creare giustificazioni di ciò che ho fatto ma ci tenevo a precisare che “il mio interesse” è stato sempre virtuale e verso ragazzine con una certa forma di fisicità…Comunque va bene cosi, io so quello che ho fatto e lo sa pure la giustizia … mi avrebbe fatto piacere rispondere a qualche commento, ma ho visto che è necessario iscriversi, ma nel rispetto di ciò che siete e di ciò che fate , vi chiedo se è possibile fare ciò o se vi è un altro metodo per dare risposta…grazie”.

20 Commenti a ““Io sono un pedofilo” – l’autore ci contatta e dice…”

  • Ero al corrente della notizia ma non avevo ancora avuto possibilità di vedere la sua SPORCA faccia.

  • sembre che sulla freonte abbia il segno delle corna….un segno?

    segno o no al rogo!

  • sembra quasi seccato per i nostri commenti…

    ….infastidito da non aver ottenuto qualcosa ….

    Anzi adesso specifica gli anni (come se cambiasse poi tanto!), e soprattutto che virtualmente ha fatto…

    Se poi per risponderci ha bisogno di iscriversi….povera privacy vero?

    E di che ha paura ?

    Riconfermo: per me è un signore che sta cercando di fare spettacolo in qualche modo, magari di andare in un salotto televisivo a raccontare la sua storia…

    … il motivo? forse impietosire qualcuno….o chissa…

    Io le mie risposte le ho già date, non ho da aggiungere altro.

  • No comment per le prime dieci righe. Per il resto, sono curiosa di sapere come oserebbe rispondere.

  • la mia idea su questo individuo non cambia… mi sembra sempre più che voglia trovare giustificazioni e assoluzioni per quello che è… non la troverà qui… sarei proprio curiosa di leggere le sue risposte… ma non credo proprio che si iscriverà sennò poverino lo riconoscerebbero e chissà che idee si farebbero su di lui… bah

  • Ma cosa si aspettava? Un teatrino? Ha sbagliato luogo e persone. Dovremmo giustificarla o impietosirci xchè è stata vittima di abusi? Poteva precisare tutto quello che voleva, adolescenti e come dici solo virtualmente, ma resta il fatto che sono SOLO le sue parole, parole, come si è definito, di un pedofilo.

    Comunque io non credo ad una parola di quello che dice, non la giustifico, non mi impietososce e non mi interessa se come dice è dispiaciuto.

  • 88apetta88:

    1)non so come sono le bimbe di oggi ma io a 15 anni giocavo ancora con le mie barbie e fino a 18 anni il sesso è stato fuori dai miei progetti…

    2)Anche un mio amico ha subito violenze da bambino ma per lui la violenza,soprattutto nei confronti dei più piccoli, è sempre stato qualcosa da condannare e inoltre odia i pedofili quanto me.

    3)interesse virtuale… ma avrebbe potuto tramutarsi in reale se non lo avessimo fermato…

    poichè la giustizia non fa processi alle intenzioni il suo atto lo giudicherà come meno grave perchè ancora in nuce ma io lo giudico come un adulto che adesca una ragazzina che ha 5 anni meno di me,che non sono poi così vecchia…

  • Lo avevamo capito che era solo virtuale………non ci serviva questa precisazione. In quanto alle risposte, probabilmente voleva impietosire il pubblico ma non ci è riuscito……….

  • non è che limitarsi a un pensiero perverso renda meno perversi. siamo alle solite, non mi va di giudicare a caso, ma, vista la giustizia italiana e le pene ridicole per questi soggetti, io non riesco a credere che il signore in questione sia un “virtuale”, anzi, come sosteneva qualcuno prima di me (ma non ricordo chi) se è rimasto relegato alla rete forse è solo grazie al provvidenziale intervento di chi di dovere. ad ogni modo resto scettica rispetto a tanta “buona volontà” e alla pseudo giustificazione delle presunte violenze subite: se c’è una cosa che odio in questi casi è il volersi giustificare a tutti i costi strumentalizzando il dolore.

    una domanda scema: quanti anni ha il signor Mario?

  • un rifiuto in più da eliminare. bleah!

  • A me personalmente non interessa.

    Se è vero che ha subito abusi all’età di 8 anni:tenerezza per quel bimbo che fù.

    Forse il mio cervello è limitato e non riesce ad andare oltre,io so di non aver avuto una grande madre ma di contro faccio di tutto x essere una buona madre e soprattutto affettuosa,nei confronti dei miei figli.

    Da adulta ho sposato una bestia ma di certo non vado in giro a sparare gli uomini.

    Non so se sono stata chiara,mi auguro di si.

  • Chissà quando anche in Italia resteranno in galera per 100 anni !!

    Speriamo che la magistratura italiana prenda esempio !!

    Siamo troppo garantisti…

  • c’è differenza tra uno che vuole controllare i suoi impulsi ed uno a cui non fotte nulla

    c’è differenza tra il fare e non l’immaginare.

    non è che bisogna sempre fare la caccia alle streghe ma dare atto al coraggio di rilasciare questa intervista.

    Ma son sicura che sapeva di non trovare comprensione qui, anche se in fondo sperava nel perdono come qualsiasi altra persona al mondo

  • mi spiace crimilda, non sono d’accordo. qui non si tratta di essere buoni e coraggiosi, ma di ammettere il proprio schifo interiore. un uomo che adesca ragazzine definendole persone “con una certa forma di fisicità” non mi convince per niente nel suo processo di autoredenzione.

  • Non voglio giudicare un uomo, perché non sono Dio, ma posso scegliere se credergli (almeno questo posso farlo, visto che da piccolo non ho scelto io ma due come lui) e scelgo di non credergli.

    Dice che vuole cambiare, ma dice senza problemi che è ancora un pedofilo.

    Dice che la polizia fa un lavoro giusto e che quello che fa lui (e dico di proposito fa, visto che dice di essere ancora pedofilo) è male, ma poi non vuole pagare le conseguenze dei suoi atti e minaccia di suicidarsi per farci sentire ancora una volta in colpa, alle sue vittime, a noi, alla polizia e al giudice. La vittima ora diventa lui, non quelle povere bambine (o bamini) che ha distrutto per appagare i suoi impulsi. Una minaccia vuota, comunque, perché vuole vivere, e l’ha detto. Vuota come tutte le minacce psicologiche che hanno subito le sue vittime per essere zittite.

    Fa intendere quasi di non aver fatto nulla e poi dice che un rapporto con un bambino appaga tantissimo. Parla addirittura di “morte mentale” del carnefice, ma ha pensato alla morte mentale, fisica e spirituale della vittima? Ha pensato davvero ai danni permanenti che causano questi esseri immondi? La morte sarebbe dovuta avvenirgli nei pantaloni. Speriamo che glielo producano davvero sto benedetto farmaco per renderlo impotente.

    Ci viene anche a dire di aver subito “un abuso”. A parte il crederci (magari sarebbe anche capace di descriverlo, visto che li ha vissuti in prima persona, ma dall’altra parte), ma “un abuso”… come se fosse un cattivo voto… come se fosse una generica esperienza negativa che poi, come tante, passa… basta non pensarci più… ma io ci penso e tutti i giorni; e come me ci pensano anche tanti altri, troppi, comprese le sue vittime. Povero bimbo, voleva farci credere di essere come noi, voleva lasciarci credere di essere anche lui una vittima. “Capitemi, perché in fondo sono come voi e vi capisco”. Se davvero conoscesse il male che abbiamo subito e che ogni giorno ci tortura, non si sarebbe mai sognato di fare altrettanto, o almeno avrebbe avuto il buon senso di risparmiarcelo.

    Da un uomo freddo e calcolatore, non mi aspetto niente di più. Sta solo cercando di evitare la galera o di avere delle attenuanti così fra qualche mese sarà di nuovo fuori e magari (crede lui) con le dovute attenzioni questa volta non lo beccano…

    Scusate se ho parlato in ritardo, ma è solo qualche giorno che vi seguo e solo ora ho avuto la forza di leggere le baggianate di quel… coso. Ho anche un messaggio per lui, se ha ancora il coraggio di leggere:

    Ogniuno di noi può raccontarti la sua storia e non c’entra l’età di chi è abusato (8 anni non sono diversi dai miei 4 o forse meno, e c’è chi ci “batte” entrambi, ma non si fa a gara col dolore). Non c’entra neanche il fattore fisico, soprattutto perché ogni pedofilo, OGNI, se non viene fermato in tempo e tenuto costantemente sotto controllo (meglio se recluso) al 100 % arriva al fattore fisico. Dire a noi che il tuo abuso è stato fisico, non virtuale, è come dire ad un pescatore di aver pescato pesce. Se ti aspetti che qui qualcuno ti faccia un bell’applauso o cerchi di consolarti, prova a chiederlo alle tue vittime, anche quelle indirette. Sai i filmini e lo foto non si fanno da soli, c’è gente che per farli distrugge poveri innocenti e c’è gente come te a cui questo piace. Non venire a chiedere la nostra pietà. Prova a chiedere la loro e poi torna a dirci cosa ti hanno risposto.

    Mi sarebbe piaciuto entrare con toni più pacati, ma non ne sono stato capace. La menzogna è la cosa che più deploro (forse perché è così che mi hanno… lasciamo perdere).

  • non sto giustificando. cerco di capire. e IRAsweetREVENGE mai parlato di bontà.

    Dice che è un pedofilo perchè da quel che ho capito è una cosa che puoi solo controllare.

    per me è impensabile pensare ai bambini come oggetti sessuali o altro, quindi mi vien naturale di pensare alla malattia.

    forse son tutti mostri.

    non lo so, son ignorante.

    Cerco umilmente di capire, perchè non ho bisogno di impegnarmi per comprendere l’orrore di chi subisce.

    So che esiste il male, ma il male così bieco e così in larga misura è qualcosa che impegna ogni mia forza per comprenderlo.

    ultima cosa, è vero che molti molestatori son stati molestati ed è vero che molti violenti hanno subito violenze.

    anche se non è una giustificazione

  • yzy:

    Crimilda….capire? il dibattito e le elucubrazioni sull’origine di questo schifo poterbbero essere anche utili, purtroppo sono storpiati dalla mancanza di scientificità di tanti sedicenti esperti (che guarda caso affollano i comitati sui falsi busi). il piano del confronto di tante belle teorie che cercano di “capire” deve rimanere svincolato però dalla realtà attuale dello stato dei fatti: questo “coraggioso” (come lo hai definito) come tutto gli altri della sua specie è un pericolo per i bambini. punto. nessuna evidenza scientifica di possobilità di trattamento. stando così le cose se fosse veramnte cpraggioso so farebbe rinchiudere per sempre. e poi: “è vero che molti molestatori son stati molestati “. secondo quali dati? quali fonti? e per favore, ancora una volta scientifiche. io ho subito una violenza e l’unico impulso che ho è quello di difendere ancora di più le vittime.

  • ciao crimilda

    perdona ma è stato scieentificamente dimostrato che l’equazione bimbo abusato adulto abusante è una stra grande MENZOGNA!

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe