dloqjk

Partiamo dal finale della storia. Questo ragazzino di 14 anni si chiama Zachary è in un istituto di detenzione per minori (in parole povere è in carcere) ma gli inquirenti fanno già sapere che NON chiederanno la pena di morte.
benché nello stato americano dove vive sia prevista.
Motivo di tale detenzione/possibile pena?
Omicidio. Con un colpo di pistola ha sparato al proprio padre, di anni 31.
Per far terminare abusi sessuali e maltrattamenti psicofisici contro di lui e gli altri due fratellini.
Abusi di cui molto sapevano (ed oggi confessano) ma nessuno faceva niente. La madre del ragazzino è inoltre in una clinica per malati psichici.
Visto come vanno le cose oggi………

11 Commenti a “”

  • a44a:

    Credo che a lui poco importi di morire, l’importante è aver tolto quel pezzo di m……….dal mondo.

  • Questo ragazzino ha l’età del mio primo figlio.Questo ragazzino se solo potessi me lo porterei a casa per donargli l’amore negato,l’infanzia,la dignità ingiustamente sotrattagli.

    Questo ragazzino per poter difendere se stesso e i suoi fratelli ha dovuto uccidere un finto padre grazie agli omertosi che sapevano ma tacevano.

    Vergogna!!!!!!!!!!!!

    Complici anche gli omertosi degli abusi costretti a subire…..

  • Non dovrebbe stare in carcere, ha solo fatto quello che famigliari, vicini, giustizia ecc. non hanno saputo fare, proteggersi e proteggere i propri fratelli. Il braccio della morte lei lo ha scampato nel momento che lo ha ucciso.

    Spero che torni libero assieme ai suoi fratelli aiutato e seguito x poter riprendersi l’infanzia che è stata tolta.

  • non so cosa avrei fatto al suo posto,a quella giovane età.solo che arrivare ad un gesto così incisivo è indice di grande sofferenze e di voglia,a tutti i costi,di tornare a vivere sereno pensando che la vita dietro le sbarre sarebbe stata comunque migliore.ci vogliono tante palle e la sua rivolta possa essere la rivolta di ogni singola anima maltrattata.

  • Povero angelo. Deve essersi sentito violentato un’altra volta, per essere finito in prigione dopo aver difeso la sua vita e quella dei suoi fratelli. Dovremmo rapirlo e portarlo in un posto dove finalmente può avere pace…. ecco in questi casi provo moltissima rabbia per la “giustizia”.

  • in che razza di sistema giudiziario un bambino che si trova costretto ad impugnare un’arma in preda alla disperazione viene sbattuto in galera? fargli ritrovare un po’ di serenità, affidarlo alle cure di una VERA famiglia è chiedere troppo?

  • Dove fallisce la giustizia ordinaria, agisca quella degli uomini.

    Io sono con Zac,e adesso linciatemi.

  • zack quanto amore c’era nel tuo cuore…….un gesto estremo che per se stesso è un gesto infame , si trasforma in gesto d’amore verso se stesso e verso i fratelli più piccoli…..

    avrà avuto paura zack….ora sia aiutato da una vera famiglia….anche se sarà dura…anche se sarà difficile.Forza zack riprenditi la tua vita!!!!

  • Perchè non è anche lui in riabilitazione invece di stare in carcere?

    … dio, odio leggere di certe cose.

    Preferisco rimanere nel mio mondo rosa e glamour e sbrilluccicoso…

  • Io gli darei un premio, altro che pena di morte.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe