01pred190_1

L’ABILITA’ DEI PREDATORI.

L’amico che me l’ha segnalato ha giustamente commentato che questi predatori “ne sanno una più del diavolo, essendo comunque il diavolo il loro principale sponsor” e credo che mai commento fosse più azzeccato.

Il pedofilo che vedete nella foto richiama Neil Rodreick, ha 31 anni ma con un “abilissimo escamotage ed un lungo lavoro di preparazione” è riuscito a farsi iscrivere in una scuola, passando per…..dodicenne!!!!!

In questo caso aveva più facilità di frequentare, appunto, i suoi “coetanei” ed attuare quindi il suo paino predatorio.

Pazzesco vero?

Il tutto è durato per un periodo di ben 4 anni….in diverse scuole dell’Arizona.

Di lui parlammo, se ben ricordo, un po’ di tempo fa.

Oggi torniamo sull’argomento segnalando che è stato condannato a duna pena che in Italia ci sogniamo la notte:

70 – S E T T A N T A ANNI  DI  RECLUSIONE, proprio in vista della elevata pericolosità del soggetto.

Il piano criminale l’aveva maturato in carcere dove aveva passato sei anni della sua vita di predatore di bambini, appunto per un caso di abuso.

Lì aveva stretto amicizia con un altro pedofilo col quale, una volta in libertà, era tornato a colpire, facendo coppia fissa e contattando poi via internet altri predatori, formando quindi una pericolosissima comunità. A denunciarne la vera identità alcuni insegnanti dell’ultima scuola dove si era iscritto insospettiti da alcuni suoi comportamenti.

Inutile dire che a casa gli hanno trovato materiale pedopornografico in grande quantità. Fortunatamente in America nessun pedofilo ha più la faccia tosta di dire che lo aveva raccolto per motivi di studio……

Ora lo attendono 7 lunghi anni per meditare ed avendone lui 31 e non godendo di benefici……..

10 Commenti a “”

  • In Italia questi schifosi vengono osannati con manifestazioni aloro favore……

  • a44a:

    Abbiamo proprio un paese che non funziona……….magari fosse così da noi, ci sarebbero sicuramente meno vittime.

  • yzy:

    70 – S E T T A N T A ANNI DI RECLUSIONE.

    L’italia sembra veramente un altro pianeta. Spero che il soggiorno sia piacevole per lo scarto in questione, secondo per secondo.

  • Già, dopo un pò noi li buttiamo fuori come se fossero criminali qualunque… non si riflette abbastanza sul fatto che sono MALATI, ed è sicuro che ritorneranno ad adescare bambini!! Perchè è difficile da capire questo?

  • anche chi lo faceva entrare nelle scuole doveva avere qualche problema serio!

    se un coso così si fa passare per dodicenne qualche domanda me la farei, tanto per cominciare, e se, come la tizia che girava video inneggianti alla pedofilia per convincere i ragazzini, si è fatto operare, non credo sia impossibile comunque trovare qualche elemento di sospetto. è vero, lì ha preso 70 anni, ma i medici che agevolano queste strane trasformazioni e le scuole che non notano i trentenni infiltrati le hanno solo loro!

  • Sono d’accordo con il commento precedente il mio, chi lo ha ammesso in quella scuola come dodicenne ha seri problemi.

    Esemplare la condanna,70 anni, che sconterà quasi tutti,spero.

    Qui da noi al massimo danno a questo animali 7 giorni, o quando esagerano 70 giorni.

    Un saluto,e grazie per le informazioni che ci dai.

    PS-Occhio che il link di Prometeo che hai nel profilo non funziona 😉

  • anche noi spesso trattiamo simili tematiche che ci innordiscono, la malvagità sembra a volte prevalere sulla bontà umana…

    ethan lesath

  • sì, 70 anni mi sembrano giusti !!

    speriamo di prendere esempio dall’arizona…

    perchè non mettiamo in contatto la nostra giustizia con quella dell’arizona ?? avremmo molto da imparare…

  • sembra il cantante dei Joy Division!

    Che tra l’altro cantava Love will tear us apart again. Azzeccato, direi.

  • Gli Stati Uniti non saranno il posto migliore al mondo, ma almeno cercano di impedire a questi begli esemplari di nuocere ulteriormente!!! Altro che le nostre condanne ridicole!!!

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe