TORINO = AUSTRIA.
Difficile raccontare la storia che segue. Per la mole di complicità, silenzi, intrecci, ma soprattutto orrore.
Cercando di mettere un po’ di ordine diamo una cronologia dei fatti.
Iniziamo 25 (VENTICINQUE) anni fa, con un padre padrone oggi ultrasessantenne, che nel letto di casa, mette al fianco della moglie la figlia di 9 anni, che diventa presto una sorta di moglie bis. E quando qualche anno più tardi la bimba scapperà di casa e denuncerà di essere vittima di abusi, “non verrà creduta” e tornerà nel letto dell’aguzzino…..ennesimo caso di falsi abusi, quindi, di quelli che piacciono tanto agli Apolloni di turno..……
Facciamo un salto di 25 anni ed arriviamo ad oggi. Dopo anni di scuola saltata, non vita in una casa senza elettricità (per far capire “chi comanda”), ed abusi a carattere quotidiano in carcere finisce (grazie anche alle intercettazioni ambientali, che registrano gli abusi….) sia il padre padrone che il figlio di 42 anni, il quale identico al padre ha abusato per anni delle sue 4 figlie (che oggi hanno 6, 8, 12 e 20 anni).
Non aggiungo altro, perché ci sono storie che lasciano pure noi senza parole. E questa è una di quelle. Spero solo che abbia lo stesso risalto mediatico del caso del mostro austriaco, recentemente condannato. Affinché si capisca che certi orrori non stanno poi tanto lontani da qui……

5 Commenti a “”

  • a44a:

    Infatti mentre leggevo pensavo proprio questo: non è necessario andare in Austria abbiamo anche noi i prodotti nostrani………..che schifo, non c’è mai fine allo stupore ed alla vergogna.

  • “affinché si capisca che certi orrori non stanno poi tanto lontani da qui”

    giustissimo!!!

    senza contare che qui da noi poi hanno un trattamento di favore…

  • Credo di essermi persa un pezzo in questa storia… la mamma della ragazza dov’era? C’era? Immagino che il figlio poi abbia sfornato le 4 ragazze assieme a qualcuno… ehm… dov’è?

    Ma perchè non si crede a una bambina che scappa di casa?

    Troppe domande…

  • Hanno sempre detto che le parole di un bambino sono innocenti e che x questo, quello che racconta è la verità. Come si può non credere, non guardare negli occhi il bisogno d’aiuto, la sofferenza e paura. Siamo diventati troppo egoisti, senza cuore e vuoti. Per questo i bambini, l’infanzia vivono all’inferno.

    Se oggi la piccola ha 6 anni, quanti ne aveva quando il lurido bastardo ha iniziato? Vorrei averlo 5 secondi nelle mani

  • …………………….

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe