Partiamo dal titolo dell’articolo che sto leggendo: <<Abusò di una bimba. Ridotta la pena>> e che traduce, oltre al “solito malcontento” anche quella che oramai diventa, non solo in questo campo, una consuetudine. Quella per cui le vittime vengono ulteriormente “brutalizzate” ed i carnefici, chissà perché, premiati, in un costante eccesso di garantismo.
A Montebello, provincia di Vicenza un dipendente comunale di nome Giuseppe Soave si è visto ridurre la pena di un anno e mezzo in secondo grado per “il riconoscimento dell’attenuante del fatto di minore gravità”. Il pedofilo Giuseppe Soave pertanto ha ricevuto una condanna a due anni e mezzo, quanto basta per evitare il carcere, per aver “in più occasioni molestato sessualmente una bambina di anni 8”, figlia di conoscenti che frequentavano casa sua.
"Dal processo è stata riconfermata la credibilità dei fatti così come narrati dalla piccola, la quale all’epoca si era subito confidata con la madre, che ne aveva parlato col marito e quindi si era rivolta alle strutture sanitarie. Durante i colloqui la minorenne aveva riferito un quadro della vicenda che, tenuto conto della sua maturità, per i magistrati difficilmente avrebbe potuto inventare senza averlo vissuto in prima persona.”
Per la difesa, comunque, la sentenza è un sensibile passo avanti rispetto al primo grado perché anche qualora dovesse essere respinto il ricorso per Cassazione, il cui passaggio è scontato, Soave difficilmente sconterà la pena definitiva in carcere essendo inferiore ai 3 anni."
Ed ancora una volta quindi a non godere alcun “beneficio” sono le vittime.

 

3 Commenti a “”

  • sono sempre più schifata e indignata.

    I bambini non vengono mai presi in considerezione in questo Paese di merda.

    Dovremmo fare qualcosa di grosso per smuovere le coscienze di chi potrebbe fare molto e invece ci prendono solo per i fondelli promettendo che le cose ca…mbieranno.

    Purtroppo le cose cambiano ma sempre a favore di questi scarti umani.

    Mi chiedo sempre come si può rimanere indifferenti di fronte al dolore di un bambino…..

    Notizie così fanno cascare le braccia e vergognarmi delle mie lacrime inabili a far smettere tutto questo schifo.

    Vorrei poter dire ai garantisti di portarsi a casa loro questi mostri o di immaginare solo per un attimo come si sentirebbero se venisse abusato un loro figlio o nipotino….

  • yzy:

    che vergogna. le vittime offese ancora una volta.

  • a44a:

    Ma cosa bisogna fare per cambiare queste leggi? Quando ci sarà un pò di giustizia per questi piccoli? Possibile che non si smuova mai niente in questo paese? Cosa aspettano ancora i politici che stanno in parlamento? Gli auguro che non capiti mai a loro un qualcosa del genere perchè allora capirebbero, mi dispiacerebbe solo per i loro piccoli.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe