Caccia al bimbo romeno picchiato
Napoli, si cerca la famiglia del padre
E’ caccia al piccolo romeno che domenica, a Napoli, è stato preso a calci e schiaffi dal padre con l’intento di costringerlo a chiedere l’elemosina. Il bimbo, di circa due anni d’età, è stato preso da una donna che è fuggita dopo che l’uomo è stato arrestato. I carabienieri stanno cercando di identificare e rintracciare la famiglia del romeno finito in carcere, per ritrovare il piccolo e far intervenire i servizi sociali.
Al momento l’età della vittima non è stata ancora definita con certezza, ma, secondo una stima, il bimbo aggredito poteva avere al massimo due o tre anni. L’arresto del romeno – Ion Elvis Nità, 21 anni, senza fissa dimora – è stato effettuato dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli, impegnati in un servizio di controllo del territorio contro la microcriminalità. I militari, in borghese, hanno notato nella centralissima piazza Garibaldi, a poca distanza dalla stazione ferroviaria centrale, un giovane che malmenava a calci e schiaffi un bambino. Dopo poco hanno capito che l’uomo se la prendeva con il piccolo perché quest’ultimo rifiutava di rimanere con il braccio teso e la mano aperta, nel classico gesto della richiesta di elemosina. A quel punto sono intervenuti, e il romeno si è avventato anche contro di loro mentre la donna che era con lui è riuscita ad allontanarsi portando via il bambino in lacrime. Ion Elvis Nità è accusato di riduzione in schiavitù, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, ma le indagini non si fermano qui. I carabinieri intendono infatti rintracciare quel bambino costretto a chiedere l’elemosina, e sottrarlo a un futuro di vessazioni. FONTE TG COM.

10 Commenti a “”

  • SPERO TANTO CHE QUESTO ANGELO VENGA PRESO E RESTITUITO ALLA VITA,CHE POSSA REALMENTE FARE IL SUO RUOLO:IL BAMBINO

  • Mi auguro che riescano a salvarlo e possa essere un bimbo sereno.

  • ho appena finito di leggere e sentire la storia di elisabeth…dall’Austria…..

    SCUSA ELISABETH!….non so che dire….solo Scusa!

  • a44a:

    Purtroppo non credo che lo troveranno molto facilmente, questi maledetti senza cuore sono bravissimi a sparire. Speriamo che la donna non abbia finito anche lei col picchiarlo.

  • Ke orrore a volte non riesco a capire come si può alzare le mani contro questi piccoli angeli!!! Ho fatto la babysitter per quasi un anno a un bambino di 2 anni mi ha dato tanto umanamente perchè mi ha insegnato che i bambini vanno amati e curati perchè loro sono indifesi!!!! E ogni volta che sento queste storie mi si stringe il cuore!!!

    Spero che possano ritrovare quel piccolo angelo!!!

  • …e adesso TI VOGLIO VEDERE col Post sul mostro Austriaco che ha fatto partorire 7 figli a …sua figli!!!!

    Minkia, ormai SENZA LIMITI!!!!!

    🙂

    Image Hosted by ImageShack.us

  • Che gesto ignobile picchiare

    un bambino indifeso, non capirò

    mai chi fa questo gesto cosa prova

    e se avrà un rimorso.

    Un saluto caro Massimiliano

    e grazie per tutto quello che fai.

    Ciao da Giuseppe alias pulvigiu.

    Il mio blog ufficiale: http://pulvigiu.myblog.it/

    Il mio sito: http://www.pulvigiu.net

  • Ma quanti ce ne saranno, Max, di questi bambini maltrattati(Romeni e Italiani e di tutte le Nazionalità)?

    Si potrà mai fare qualcosa per tutelare tutti i bimbi, sin dalla nascita? Con visite obbligatorie ogni qualche mese dal pediatra e con psicologi dell’infanzia obbligatori almeno una o due volte all’anno…?

  • Mi si raggela il sangue ogni volta che sento piangere un bambino, soprattutto quando nel suo pianto sento disperazione.

    Mi sembra di sentire le urla di questo bimbo e immaginando la sua paura e il suo dolore sale la rabbia verso tutte quelle persone che accidenti passavano di lì e non hanno fatto nulla per salvare il piccolo.

    Se nel momento in cui si può agire non si fa nulla abbiamo già perso.

    Spero solo che non soffra più ma ho tanta paura per lui.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe