DIARIO DI BORDO 1-
ANTENNA
Che (brutta) giornata ieri quella per l’infanzia violata.
Mentre i soliti imbecilli gracchiano al complotto le cronache ci hanno regalato ennesimi esempi di scempi. Sempre più volgari. Fortunatamente non così impunti.
Mi bastano i giornali “locali” di Bergamo e Brescia per fidarvi un quadro della giornata trascorsa.
A Salò è stato condannato a 5 anni un bidello di 48 anni. Benché già condannato in passato per atti di libidine su alcuni bimbi di una scuola elementare,  lavorava (ed abusava) tranquillamente in un istituto scolastico superiore. Tra le vittime accertate un ragazzino disabile.
Mentre a casa, giusto per non perdere l’allenamento, collezionava 530 files di immagini di bimbi stuprati.
Sempre di disabili parliamo spostandoci a Treviglio (Bg) dove dopo un lungo lavoro fatto di appostamenti gli uomini della guardia di finanza, hanno arrestato un quarantenne (ora ai domiciliari) che adescava ragazzini preso la stazione del treno, quando andavano/uscivano da scuola. Tra le vittime, dicevo, un ragazzino disabile. Facile individuarlo, agganciarlo, ottenere il suo numero di cellulare e poi, col tempo, abusarlo.
Sempre  a Brescia la notizia, che se verrà confermata, avrà qua lo spazio che si merita dell’arresto del vice rettore del Seminario…….
CAT AND MOUSE
Mentre facendo un salto geografico ed andando negli Stati Uniti veniamo a sapere che la bimba Riley Ann, soprannominata Baby-Grace, il cui corpo era stato ritrovato dalla polizia che aveva diffuso un identikit (alquanto raccapricciante) è stata identificata. E l’identificazione è coincisa con la cattura di chi l’ha brutalizzata ed uccisa: la madre. Che si è dichiarata colpevole avendo raccontato di averla “colpita con delle cinghie, annegata in una vasca da bagno e finita con una piastrella sulla testa”. Mentre tornando in Italia pare chiuso anche il capitolo sui fratellini di Gravina di Puglia, con l’arresto del padre.
Serve aggiungere altro? Qualche obiezione?
Magari una: qua continuiamo. Sempre più indignati e combattivi……..
Sempre al fianco di persone come l’amica che ci ha scritto la lettera che segue.

6 Commenti a “”

  • Ifanzia violata da noi adulti senza scrupoli,che mettiamo al mondo angeli e poi li vendiamo,li abusiamo e li tradiamo.Noi esseri umani che andiamo a colpire la cosa più importante e sacra l’INFANZIA.

    E loro poveri angeli che ci amano e si fidano diventano merce nelle nostre mani.

    Che schifo

  • Caro Max.

    ti scrivo per riportarti un ennesimo caso di ingiustizia e violenza nei confronti di un piccolo angelo; è successo vicino a me e riporto la notizia che ho letto nel “Corriere di Arezzo” di oggi:

    Muratore 20enne inguaiato dal racconto del nipotino e da un video VIOLENTA BAMBINO , SUBITO FUORI (il titolo dell’articolo) ; condannato a cinque anni ma può andare al lavoro (il sottotitolo)

    Sintesi dell’articolo:

    un muratore rumeno di 21 anni è stato ritenuto colpevole di atti sessuali sul nipotino di 8 anni e mezzo , dopo otto mesi di carcere a Prato i giudici (processo effettuato a Garbasso) hanno deciso di applicare la misura più leggera degli obblighi di dimora . l’impresario edile dove il Rumeno lavora prima dell’arresto lo ha ripreso anche al lavoro .

    il Rumeno avena costretto il nipotino ad entrare nel bagno dove lo ha denudato e lo ha costrotto a subire un atto sessuale.

    Questo è quello che in sintesi riporta il Corriere di Arezzo !

    Max come possiamo permettere tutto questo , dove è la giustizia , come possiamo proteggerci da queste persone se lo stato non lo fa per noi …..

    Non ho più parole .

  • ieri, anche nella mia città è uscito un quotidiano con questo titolo:

    “A 3 anni lo lasciano solo in casa, la polizia lo adotta per una notte”

    Benlungi dall’orrore della violenza, ma comunque un modo di fregarsene dei bambini, di lederli e di fare su di loro ‘violenza’; questa volta però non da una famiglia italiana, bensì peruviana.

    Trovate l’articolo qui:

    http://www.corrieredilivorno.it/italian/news/view.asp?id=472

    e sul mio blog.

    Non so dove va la testa di certa gente….già che sciocca che sono non hanno testa questi tipi!!!!

  • Caro Massimiliano,

    torno qui dopo un po’ di tempo e ti confido che la lettera che hai postato di quella povera crista con entrambi i genitori pedofili mi ha pietrificato.

    Sono sempre più convinto che questi “esseri” (DI MERDA!) non debbano esistere e li eviverei tutti… Per le donne si potrebbero sempre trovare altri “metodi” altrettanto efficaci…

    Continua la tua battaglia, io accanto a te nel mio piccolo ci sarò sempre!

    Un forte abbraccio!

    Matteo

  • Ma che giustizia c’è in tutto questo!

    Tutto inizia con la notizia dell’orrore consumatasi ai danni di un minore, successivamente la speranza che chi ha commesso il fatto marcisca in galera, e per ultimo invece senti che sempre che non sia stato dichiarato innocente sconta la pena minima a casa e conservando il suo posto di lavoro.

    Questi sono i presupposti per incitare chi ha dentro la voglia di compiere atti criminosi a farli,a chi li ha commessi a reiterarli e chi deve denunciare a starsi zitto!

    Bella società.

    Se non sbaglio il vice rettore del seminario è stato rilasciato, è giusta quest’ennesima buffonata?

    Scusate lo sfogo ma non se ne può più.

    Questa gente sa benissimo come sono formulate le nostre carissime leggi e chiaramente non ne ha timore, ed è per questo che qualcuno può pure permettersi di dire “fra due giorni sono fuori”…al di là della colpevolezza o meno.

    Bacioni!

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe