TUTTO IL MONDO È PAESE.
È, accaduto in Brasile. Dove una ragazzina di 15 anni sospettata
di furto è stata un mese in cella. (Sospettata di furto! un mese in cella!
Già questo per i nostri standard…..). Insieme a lei però erano rinchiusi
oltre 20 uomini.
Che per un mese, ogni giorno, tutti quanti l’hanno violentata.
Abusi per permetterle di bere. Abusi per permetterle di mangiare.
Abusi per permetterle di dormire.
La notizia è emersa quando un agente, anonimo,
ha fatto arrivare ai giornali la cosa.
In una nota ufficiale la Polizia ha dichiarato:
“non sapevamo avesse 15 anni” che tradotto suona più o meno come
“ne avesse avuti 20/30/80 era tenuta a farsi stuprare”.
 In passato infatti una 23enne era stata rinchiusa con ben 70 carcerati.
 CROCCO
 
Secondo l’ultima indagine Istat in Italia una donna su 7 è vittima di abusi sessuali.
Il dato più sconcertante però è questo:
solo l’1 % degli autori di violenza viene condannato!!!!!!!!
Il 99% quindi, mi chiedo, è da considerarsi “un povero innocente accusato da donne fantasiose” o un bastardo abusante che l’ha fatta e la farà franca?????????????

11 Commenti a “”

  • fin quando leggi…aveva i jeans era consenziente….oppure aveva le mini se lo cercava….o ancora ma son loro che istigano……cosa pretendi??????

    Se poi si pensa che la maggior parte delle violenze avviene in casa!!!!!

  • …. un abbraccio a tutte le donne vittime di abuso… dal profondo dell’anima

  • Ciao, ho trovato questo blog leggendone uno “per mamme”. Ho letto qualcosa qua è là. E ora sto piangendo. Piango per la mamma del Belgio, piango per Tommy, che mi ricordo ancora di quella sera, quando i tg annunciarono la notizia del ritrovamento del suo povero corpicino. Ho pianto anche allora, un occhio alla tv e l’altro a guardare il mio bambino che allora era poco più piccolo di Tommy. E tutto quello che riuscivo a dire era: Perché? stretta fra le braccia di mio marito.

    Perché?

    E ancora, Cosa posso fare io? Nel mio piccolo, nella mia vita, io che sono sempre di corsa e che spesso non ho il coraggio di soffermarmi davanti al dolore, perché sento di dover essere sempre serena per il mio piccolo grande uomo….

    Eppure devo fermarmi. Cosa può fare una mamma come tante, cosa posso fare per difendere mio figlio? L’anno prossimo andrà all’asilo, comincerà la sua avventura nella società. Ed io ho paura. Come si può affrontare un discorso sull’argomento, con un bambino di neanche due anni e mezzo? Chi glielo spiega che lo abbiamo deliberatamente scaraventato in un mondo così orribile?

  • Ma come si fa a mettere una donna assieme a degli uomini?

    Pensavano che gli raccontassero le fiabe? Magari proprio quella di capuccetto rosso.Solo che i lupi nella cella erano 20.

    Purtroppo viviamo in 1 società di uomini.Noi donne valiamo meno di 0,ci fanno credere di avere diritti,ma poi concretamente siamo niente.Siamo prede e colpevoli.

  • oh mio dio!!!QUESTA NOTIZIA MI FA SENTIRE MALE.POSSIBILE CHE L’ABBIANO MESSA IN CARCERE CON GLI UOMINI ???E’ TERRIFICANTE.

  • Al contrario, nei rari casi che un pedofilo debba scontare qualche giorno di carcere, lo proteggiamo dagli altri detenuti e se, poverino, la sua psiche patisce di solitudine gli concediamo i domiciliari circondato dall’affetto dei suoi cari !!!

    Per le donne si sa, sembra sia state

    create apposta per essere violentate !!

    Non so se esiste una specie vivente

    altrettanto raccappricciante dell’essere umano!!

  • Rimango sempre senza parole leggendo questo blog. La stupidità umana è senza confini!

    Non capisco come si possa mettere una donna (15enne, 20enne o 80enne) in una cella con 20 uomini. Non esistono i carceri femminili in Brasile? Non voglio pensarci, ci sto troppo male!

  • Grazie max, se uno dei pochi uomini che affrontano davvero il problema…Grazie di cuore…

  • …passo da te, nel tuo blog, ogni giorno, e sono quotidianamente colpita, turbata, arrabbiata… tormentata

    in un commento ho letto che una mamma era preoccupata per suo figlio, che cresce in una società assurda, lo sono anche io, e al tempo stesso farò di tutto perchè mio figlio cresca sano di testa e di cuore e spero che magari …ci siano più persone come te e prima o poi si possa fare la differenza

  • Allora non è una mia impressione. Che si può fare se le istituzioni non ci ascoltano? Ma al Governo, gliene importa qualcosa di come si sentono i suoi cittadini? Sono degli ipocriti…fanno i family-day per promuovere (manco fosse una moda) il nucleo famigliare e la maternità poi non fanno nulla a che i pedofili e gli stupratori vengano incarcerati e allontanati dalla società. E io sono davvero tentata di rinunciare all’idea di mettere al mondo un figlio, visto come vanno le cose.

  • uhmm…io mi chiedo perché gli uomini con la U maiuscola non isolino le squallide bestie che fanno queste schifezze ma ANCHE quelli che con la loro indifferenza o la loro mentalità arretrata, di fatto, legittimano simili comportamenti.

    Se un essere umano di sesso maschile si sente autorizzato a molestare e/o a violentare una donna “solo” perché ha la minigonna, i tacchi a spillo, la camicetta trasparente, non è altro che un animale, privo di raziocinio, di libero arbitrio, persino di parola, e come tale andrebbe reso inoffensivo. Per sempre. Ma non parlo di pena di morte, sia chiaro…

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe