COPIAeINCOLLA
Ecco dove abitano stupratori e pedofili
di Laura Bogliolo
ROMA (28 agosto) – Si inserisce il proprio indirizzo di casa, searching, please wait e si aspetta, tremando. Sulla mappa, vicino alla propria abitazione, appare la sagoma di un uomo. Si clicca for details e si scopre il nome, l’indirizzo, il volto e il tipo di reato del vicino di casa colpevole di crimini a sfondo sessuale. Stupratori, pedofili e aggressori schedati sul sito Offender Locator, un enorme database di nomi e volti che terrorizzano gli Stati Uniti realizzato con la tecnologia di maps.live.com che offre una visione satellitare e in 3D del mondo. A creare il servizio è la Vision 20/20 Inc, specializzata in sistemi di sicurezza, come il P.o.m. pillot, un apparecchio da applicare sulla bicicletta del proprio figlio o sul collare del proprio cane che tramite Gps mobile comunica gli spostamenti seguiti via internet sul sito. Il motto della Vision 20/20 Inc è la Peace Of Mind (P.o.m.) e spiega così il perché del progetto: ’’Siamo americani, lavoriamo duro, ci piacciono gli sport, amiamo i barbecues in famiglia e ci meritiamo un po’ di pace della mente’’. I navigatori possono controllare a quante miglia di distanza abitano i pregiudicati ed è previsto anche un sistema di alert via sms, un servizio che consente all’utente di essere avvertito quando un nuovo pregiudicato si è trasferito vicino alla propria casa. Tempo fa un altro sito, sfruttando maps.google.com, offriva la mappa dei pedofili, ma il suo gestore ha deciso di chiuderlo dopo una lunga discussione sul diritto alla privacy nata sul forum del sito.

12 Commenti a “”

  • Gli americani con le tecnologie stanno avanti…Magari il programma lo avrà progettato un ingegnere italiano (possibile) ma stanno avanti…In Italia una cosa del genere non la fanno.

  • Sinceramente non credo che questo sistema possa “liberare la mente”, anzi! Sono sempre più convinta che i peggiori criminali sessuali siano persone insospettabili e quindi incensurate. Credo che, per un po’ di “pace della mente” sia più utile informare fin da piccolissimi i nostri figli sui rischi che possono incontrare e abituarli a raccontarci tutto quello che gli accade. Forse esagero ma credo sia meglio “un po’ terrorizzati” che sprovveduti.

  • concordo con entrambi i commenti precedenti.

    Inoltre credo che in Italia non capiterà mai che si possa usare un programma e servizio del genere, siamo troppo dalla parte dei bastardi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • PS: ho provato a vedere e deve essere davvero impressionante trovarne tanti intorno alla propria abitazione!! ho digitato l’indirizzo dei miei zii americani, impressionante il numero degli abusatori residenti nel raggio di 5 milglia!!!

  • io lo voglio anche per l’italia

    dato che l’indulto li tira fuori almeno sapere che un cazzo di pregiudicato mi abita vicino casa

  • davvero molto interessante, ci si può pensare

  • Appena ho letto questo post i “se” hanno cominciato a fare a cazzotti nella mia testa. Subito un angioletto dagli occhi azzurri mi ha sorriso. Se avessimo saputo chi in realtà fosse Alessi…..????

    Non aggiungo altro…

  • eh si… ci vorrebbe pure da noi… ma sarebbe pericoloso… perchè una come me… potrebbe fare dei danni, se sapesse che nella porta accanto abita un personaggi con precendenti ambigui…

    ignoriamo per il quieto vivere?

    oh no….. no…..

    un giorno ti racconterò anche la mia storia…..

    un abbraccio! chicca &… family!

  • In Italia, con un sito del genere, il mercato immobiliare andrebbe a scatafascio e le agenzie andrebbero in piazza, perchè chi è che comprerebbe una casa o un appartamento vicino a un pedofilo? E chi la casa ce l’ha vicino al pedofilo come riuscirebbe a venderla? E se proprio ci riuscirebbe il valore scenderebbe a dismisura. Ecco, è così che si ragionerebbe.

  • La cosa impressionante è il numero di puntaspilli che appare in ogni parte dell’america… peggio di una peste bubbonica…

    Se lo facessimo anche in Italia credo che i numeri non sarebbe diversi…ops… dimenticavo la legge sulla privacy… vi immaginate violare la privacy di un pedofilo?? Sarebbe notizia per il TG1 che lo difenderebbe a oltranza…

  • dopo un mese di assenza noto con piacere che il blog c’è ancora (a quanto pare non sono riusciti a chiuderlo). Ho impiegato tutta la sera per leggere tutti i post e i commenti che mi sono perso. E’ troppo tardi per fare gli auguri a Patricia, Roberta, Max, ecc.? Spero siano graditi ugualmente anche se in ritardo. Un salutone a tutti gli amici del blog.

  • 88apetta88:

    sono d’accordo con Sally ma penso ke pure l’idea americana nn sia così sbagliata…

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe