PEDOFILIA NELLE MATERNE.
prete pedofiloA Brescia per aver difeso i bambini ed aver sostenuto, quello che sosteniamo per Rignano, ovvero “questi bimbi hanno sicuramente subito abusi sessuali, poi sia la Procura a dire chi sono i colpevoli” siamo stati letteralmente linciati e messi alla gogna (non solo mediatica anche se al riguardo basti pensare che oggi a Brescia vi sono giornali e tv che hanno l’ordine di NON parlare di noi). Quella che segue è una lettera (una tra le centinaia che abbimao in archivio: senza contare i finti messaggi nei blog, i blog, i siti, etc. etc.) mandata ad uno sponsor di un nostro convegno (sponsor che poi si ritirò). La persona “perbene” di Piancamuno (Bs), di cui si parla è il bidello che è stato condannato anche in secondo grado a più di dieci anni di reclusione per abusi nella scuola bresciana Abba e che ogni giorno si vede in giro, dato che ovviamente è ancora libero.
disegnoQuanto al convegno, fu effettivamente molto contestato (vi partecipavano tra gli altri: Polizia di Stato, F.B.I., etc.) e spostato 4 giorni prima, in un’altra provincia…….
 
Gentilissimo Signor ……….
La pubblicità della vostra azienda appare in calce al manifesto diffuso dall’Associazione Prometeo in occasione del convegno del 9ottobre. Non è mia intenzione colpevolizzare un fatto così normale per chi svolge una attività economica come la vostra. Mi limito soltanto a segnalarle che il convegno verrà radicalmente contestato e chiederemo ufficialmente la sua soppressione. Ciò è dovuto all’attività accusatoria di Max Frassi calunniatore e bugiardo.
Un cittadino di Piancamuno, persona degna, tra le altre cose ex-militante della Lega Nord, vive segregato da quasi 3 anni in casa, dopo aver subito una ingiusta carcerazione, a causa di una folle epidemia di falso abuso che è interesse di prometeo alimentare con ogni sorta di falsità.
Le chiedo di non offrire denaro all’associazione prometeo, di ritirare la sponsorizzazione, rendendomi disponibile per ulteriori chiarimenti.
Devo serenamente ricordarle che la benedizione di Dio non accompagna chi commette ingiustizia.
Frassi parla di complotto satanista nei suoi confronti, in realtà tuto (sic) è palese:
vogliamo solo che faccia silenzio e che si trovi un lavoro.
 
Don Mario Neva
Assistente spirituale università cattolica.
29 settembre 2004.
 

19 Commenti a “”

  • Ho scoperto questo blog solo oggi, ma complimenti per l’ottima iniziativa! Ora leggo tutto con calma perché il problema pedofilia mi sta molto a cuore.

    Ciao

  • P.S. posso linkare il tuo blog?

  • con piacere. benvenuto

  • ma questi preti? ma questi cavolo di preti?????????? grrrrrrrrr

  • I preti pensassero agli scandali che a fatica la Chiesa Cattolica ha messo recentemente a tacere negli Usa. Mi pare che fu Cristo a dire: chi tocca uno di questi piccoli, per lui è meglio si leghi una macina di mulino al collo e si getti in mare… e se il suicidio è il più grave peccato per la chiesa, più ancora dell’omicidio, la pedofilia allora, nel giudizio del Cristo, cos’era?

    Cmq, a parte questo spunto di meditazione, è singolare e buffo che la ex militanza per la lega nord diventi un attestato di benemerenza…

    Direi che rende ridicola tutta la lettera.

    Ora seguo i fatti di Rignano, civilmente, sperando che chi deve fare il proprio lavoro lo faccia con coscienza e perizia.

    Come esperienza personale, posso solo dire che quando mi è capitato di avere a che fare con discorsi di pedofilia di un certo spessore, sono rimasta allibita dal numero di persone, prevalentemente insegnanti all’interno della scuola, sia pubblica sia religiosa, che mi hanno confessato di essere al corrente di abusi subiti da loro allievi, o da loro vecchi compagni di scuola, in genere all’interno della famiglia, e muovendoci in una società con ancora radici culturali contadine ben radicate, ho ricevute testimonianze anche di abusi su maschi da parte della donna dominante del gruppo familiare, che in certo senso “iniziava” il giovane maschio all’età adulta, testimonianza che se vera infrangerebbe un rassicurante tabù che è stato usato anche a difesa degli inquisiti donne di Rignano.

    E, naturalmente, allibita dal fatto che certe cose mi sono state raccontate, ma sempre sottovoce, e solo dopo aver chiuso la porta…

  • marcomarchese:

    Max, tutti i ragazzi che sostengono l’AMS sono con te e con le famiglie delle piccole vittime! …. mi sa tanto che questi esseri… hanno tanto da nascondere! sarà una coincidenza ma dalle testimonianze che mi sono arrivate in associazione ho notato che i preti che abusano dei ragazzi/e sono sopratutto le loro guide spirituali!

  • ciao giorgia

    scusa tolgomessaggi come il tuo con insulti espliciti a questi soggetti. ritengo si commentino da sé e non è il caso di dare ulteriori appigli per cui rompere i maroni.

  • Ennesima prova di come la fede e soprattutto l’ignoranza di chi ascolta venga usata per atti intimidatori. Della lettera mi hanno colpito tre frasi ‘Folle epidemia di falso abuso’ – ‘Devo serenamente ricordarle che la benedizione di Dio non accompagna chi commette ingiustizia’ – ‘Vogliamo solo che faccia silenzio e si trovi un lavoro’.

    Prima di tutto, parlare di falso abuso quando sul colpevole è stata emessa una condanna a dieci anni è un’offesa nei confronti delle vittime e delle istituzioni che hanno emesso la sentenza, se questo don Mario Neva sa qualcosa che giudici e avvocati non hanno saputo durante il processo della persona di cui parla, sarebbe giusto che trovasse il coraggio di dire ciò che sa a chi di dovere visto che è convinto di sapere la verità. La seconda frase mi ha fatto imbestialire perché da credente e praticante quale sono non ho mai sentito tanta presunzione nell’uso delle parole ‘benedizione di Dio’. Vorrei ricordare a don Mario Neva che la benedizione di Dio fortunatamente non dipende da lui, ma solo da Dio stesso e usare queste parole in modo improprio e intimidatorio equivale a commettere un grave e profondo errore di fede. La terza frase potrebbe rigirarla a se stesso perché una lettera così subdola non è degna di che esercita la vocazione sacerdotale.

  • …mi scuso…non ho pensato proma di scrivere il commento…l’ho fatto con impulsività….

  • Beh…cazzo, c’è poco da scherzare… minchia mi stanno facendo sempre più schifo…… merda…merda…..merda!!

  • Lasciate stare i preti, Gesù Cristo e la Chiesa. Ricordatevi che la Verità vi rende liberi. Ricordatevi che avete tenuto in carcere due povere VITTIME per più di un anno. Come cazzo fate a pensare che, statisticamente, tutti i pedofili si trovino concentrati nelle stesse scuole… e per che cosa? avete mai trovato foto, filmati, passaggi di denaro, prove, insomma? E credete che a Roma non sia lo stesso?

    Pro-meteo. Occupatevi del… clima, magari farete piovere!!!

  • considerato il “tono” del tuo commento per ragioni di educazione non posso risponderti a “tono”..pertanto ti incollo un vecchio commento di due mesi fa a risposta di tuoi simili…”ovviamente non si puo negare come prova oggettiva la foto di abuso su minore pubblicata su un sito pedopornografico…mentre il bambino vittima di abuso rappresenta quasi sempre l’unico testimone del dramma che ha subito…nonostante la sua ingenuità ti racconta quello che ha vissuto…ed è qui che i “luminari” endrano in ballo con le loro filosofie per screditare quanto raccontato….ma noi…parlo degli adulti…quanto siamo predisposti a credere a quello che dicono i bambini???…alla fine se è vero che esistono i siti pedoporno….da qualche parte il fenomeno dovrà pur cominciare!?…e perchè le scuole materne devono essere così immune?…Alcuni anni fa l’Associazione giudici minorili rilevò che invece di essere una frontiera di prevenzione contro l’abuso, la scuola il più delle volte preferisce “garantire il posto agli insegnanti sospettati di pedofilia”, mettere a tacere tutto per il buon nome della scuola…dietro le cattedre ci sono esseri umani…..ora bisogna vedere quanta umanità vi è dietro quell’essere… saluti spunz

  • becero idiota anonimo (…) qui nessuno attacca gesù, la chiesa o i preti. ci mancherebbe altro. qui si attaccano preti pedofili. certo dubito tu possa capire la differenza, perchè è evidente che per te tutto questo è la norma e differenza non c’è.

    viste le parole che usi se vuoi conosco un buon esosrcista.

    p.s. x dieci scuole piene dipedofili (tra cui i tuoi parenti) ce ne sono migliaia pulite, libere, non infestate da questocancro chegente come voi sparge in tutta italia.

    un consiglio. ritirati in val di palot forse l’aria fresca riossigenerà il tuo cervello atrofizzato e plagiato da chi sisente dio solo per avere ascendente su minoranze come te.

    qua i bambini vanno rispettati. PUNTO!

  • Innazitutto lascia che ti faccia i complimenti per il blog che milita e lotta un male sociale che oggi sembra purtroppo andar per la maggiore.Questo male che,secondo alcuni nasce da una devianza(in effetti un uomo od una donna che stanno con un bambino normale di certo non è!),altri viscidamente e più che erroneamente attribuiscono all’omosessualità(sono gay e mi offende l’essere paragonato a questo schifo..),molti ad un ruolo sociale ma che è ancora tanto sconosciuto a noi.

    Confesso di essere sconvolto sul caso delle maestre di Rignano e ancora più inquietato da quelli di gran numero che interessano il Vaticano e mi sconvolge maggiormente che in questa giostra di “è colpa tua”,”no è la tua” chi ci vadano di mezzo sia la parte più sana è iimportante del nostro mondo:i bambini.

    I bambini che sono la tolleranza,il sorriso,l’apertura,la magia,l’energia dei nostri giorni.Io di bimbi non ne potrò avere e quando sento che chi li ha ne fa una carneficina mi sento davvero offeso come essere umano e mi dico più volte che ” a volte il pane viene dato a chi non ha i denti”..

    Certo,la situazione non è così nella norma,però è triste sapere che tutto nasce a volte(anzi spesso) dietro le pareti di una casa con gli zii,i padri o i nonni..

    E la cosa più grande che mi sento di dire a chi conosce casi di pedofilia di DENUNCIARLI senza timori di sorta,perchè ammesso ci fossero delle ritorsioni non sarebbero più gravi di quelle di aver ucciso l’abnima di un bimbo che con un trauima simile e irrisolto è destinato ad una crescita orribile.Io ho un caso certo di abusi che si è trasformato nel futuro in un amica(conosciuta ai tempi del liceo,quindi quando i fatti erano oramai avanzati) tossicodipendente e anoressica ed uno ancora in dubbio di una cigina(oramai 35enne) che vive problemi continui col sesso e con il suo fisico.Inutile dire che è anoressica anche lei..

    Evitiamo il torpore,rendiamoci utili e se conosciamo per CERTO(non come purtroppo si fa ai tiggì che tacciono alcune notizie-vedi vaticano-èper poi andare a ruota libera verso e contro i soggetti più comuni)un caso di pedofilia DENUNCIAMOLI!…a causa di questi casi e di queste persone oggi ci ritroviamo a dubitare di tutti e tutto e quando sorridiamo ad un bimbo per strada(mi è capitato,purtroppo!)c’è il pericolo e la puar ache dietro ci sia di più..che brutta società che è la nostra,tanto tecnologicamente avanzata ma gretta come il Neandhertaliano!

    Se trovo il link vi posto un articolo interessante dove un medico parlava in maniera professionale dei casi di pedofilia,sottolineando che la maggior parte di questi casi nascono per un cattivo rapporto sessuale che i pedofili hanno con i soggetti sessuali maturi e come facevano gli uomini primitivi sottomettono quello che ritengono l’individuo più debole(un pò quello che succede nei carceri o nelle caserme,ma con l’aggravante che qui si tratta di bambini).Ancora complimenti caro e se ti va ti sponsorizzo nel mio blog.Un bacio e per qualsiasi messaggio o aiuto io sono qui..;)

  • profumolavanda benvenuto!

  • Grazie a te per l’ospitalità e benvenuto a te e al tuo blog nel mio..;)

  • Max..non è che poi ce la inquina la Val Palot il becero?!

    Battute a parte..non si dovrebbe fare, ma auguro a tutti coloro che credono che tutti questi bambini mentono di non dover mai dimostrare che i loro bambini dicono la verità..perchè quando il male non ci tocca è facile giudicare, ma quando ce lo troviamo davanti allora è tutta un’altra storia..

    Oggi durante una lezione a scuola sul rispetto una bimba mi ha chiesto: ma se mi succede qualcosa e quando lo dico nessuno mi crede?

  • Giuro che mi saltano troppo i nervi quando sento certe m..cavolate..Impariamo o no a dare fiducia ai bambini????Perchè forse, siamo noi grandi spesso portati a mentire..ma loro no, soprattutto quando certi dolori li toccano da vicino..Speriamo che un bell’acquazzone spazzi via tutta la spazzatura (a proposito di previsioni….)

  • Leggo queste cose e come cattolica mi vergogno.

    ma e` possibile?

    che poi ti chiamino anche calunniatore, onestamente, anche se non ti conosco di persona, non mi va proprio giu`.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe