blog pedofilia
Tre storie oggi che hanno dell’incredibile…..come sempre direte…..ma ogni volta fa male registrare questo inabissamento, forse irreversibile, nel mare della follia, soprattutto quando questa incontra i nostri figli.
A Milano, “la seconda capitale d’Italia”, in una scuola elementare la maestra si deve assentare per pochi minuti e chiede alla collega di sostegno, anni 22 (!!!!!!!), di sostituirla.
I bambini si sa essere vivaci e  poi“liberi” dalla presenza della maestra incominciano a chiacchierare.
Facile anche pensare alle frasi che la maestra di sostegno può avere detto loro: “se non state zitti vi taglio la lingua”.
Difficile immaginare che l’abbia fatto realmente.
Un bimbo, anni 7, si alza per la terza volta con la scusa di temperare  la matita e chiacchiera, probabilmente, con i compagni.
“Togli la lingua, fammela vedere” dice l’essere camuffato da maestra e zac! Un taglio netto. Con gli alunni che rimangono impietriti e la bastarda, ops, la maestra di sostegno che accompagna il piccolo in bagno per “fargli sciacquare la bocca”, fatto questo che non fermerà certo l’emorragia. In bagno la …..maestra cerca di convincere il bimbo a non dire che è stata lei, “dirai alla mamma che stavi giocando con le forbici e hai fatto tutto da solo vero?”, mentre il bimbo piange e perde sangue. Quanto agli altri alunni sarà un gioco da ragazzi farli passare per visionari, è così che vanno le cose di solito, o no?!
No. Fortunatamente no. Non vanno e non devono andare così.
Il bimbo sull’ambulanza trova la forza di raccontare la verità e tutti i compagni testimoniano quando accaduto.
Oggi il piccolo è sotto shock. Terrorizzato, non vuole più andare a scuola. Difficile convincerlo che non gli capiterà nulla.
La …maestra è stata sospesa. Mi spiace non avere i(per ora) il suo nome. Perché un soggetto così non deve più mettere piede in alcun posto dove possa entrare a contatto con i bambini. A vita. Anzi, applicando una giusta regola del contrappasso, bisognerebbe tagliarle le mani, non la lingua, le mani. La lingua le servirà per raccontare a tutti, fino alla fine dei suoi giorni, che se è rimasta senza mani è perché un giorno ha voluto fare del male ad un bambino di 7 anni, reo di essersi alzato dal banco per temperare la matita……
 
Da Milano al Pakistan, visto quanto stiamo descrivendo, il passo è breve. Rasheeda ha 17 anni. Oggi la sua storia emerge, con grandi difficoltà, sulla stampa locale perché la ragazza ha chiesto al Giudice ed alla polizia di evitare che un 45enne di nome Lal Haider se la porti a casa con sé.
Dalla parte opposta l’uomo rivendica il fatto di averla…..vinta a poker quando lei aveva due anni. Il padre infatti perse una somma pari a 10mila rupie (= 190 dollari) giocando a carte e barattò il debito in cambio del fatto che una volta cresciuta la figlia, il vincitore della partita se la poteva portare con sé. Lal Haider afferma di non voler tenere la figlia per sé ma di volerla dare in sposa al proprio figlio.
Mi chiedo se queste storie colpiscano solo noi. Ma soprattutto mi chiedo dove siano tutte el associazioni “al femminile”, socialmente impegnate forse più ad organizzare cene di gala dove mostrare l’ultimo gioiello regalato loro dal cornificante coniuge, piuttosto che sporcarsi la pelliccia per fare qualcosa di concreto a favore della gente, in questo caso di una donna sola contro tutti!
O di una bambina, come quella della storia che segue:
 
Casalnuovo, provincia di Napoli. Sono già stati arrestati i genitori ed il nonno. Dietro una valanga di prove che li vede sul banco degli imputati come abusanti! Altre persone però presto riceveranno un avviso di garanzia, con la medesima accusa. Tanti predatori una sola vittima, una bimba che oggi ha cinque ( C I N Q U E ) anni d’età.  Auguro che qualcuno sia in grado di ridisegnarle un futuro cancellandole un passato. Giusto perché, come si suol dire, la speranza è l’ultima a morire……

8 Commenti a “”

  • Ho appena sentito al telegiornale la notizia della maestra..sono senza parole max…va radiata compleatamente e spero che paghi per quello che ha fatto…inoltre hanno dato la notizia di quel povero bambino tedesco..bello come un angelo vittima dell’ennesimo mostro che è per ora a quanto pare è riuscito a scappare…se riesci a sapere qualcosa in più tienici informati.un abbraccione!

  • eh mi spiace anche aggiornarti su quell orribile fatto successo in Germania. Ma la cosa che mi lascia più perplessa è la seguente: un pedofilo, o cmq una persona che ha già abusato/molestato altri bambini..può guarire?? Mah..che tristezza. Ma in che mondo viviamo te lo domandi mai Massimiliano??Io Spesso e non riesco a darmi una risposta..

  • Un giorno lessi una frase che mi colpì molto, e diceva circa così: “una volta che sei nato non puoi più nasconderti”.

    Noi che mettiamo al mondo i figli, che li amiamo e non solo i nostri ma tutti i figli del mondo.

    E poi…non siamo in grado di proteggerli da tutto questo orrore.

    Questo dovrebbe far riflettere e non poco.

  • Cazzo…sembra una storia impossibile da credere quella della lingua tagliata… MA SEI SICURO?!?! e come mai i giornali non ne hanno parlato?!?!

  • Ho il cuore deluso…e quando entro qui e leggo quello che scrivi…quella delusione aumenta…ma è difficile spiegare…non è neanche il momento giusto, nè giusto farlo!Ma la lotta deve continuare…e con sempre più coraggio e rabbia…non possono vincere loro…non è giusto!!!Sono triste!

  • CARO pUNISHER Sì PURTROPPO è VERO, OGGI NE HANNO APRALTO I TELEGIORNALI E DOMANI SARà SULLA CARTA STAMPATA.

    LA CONFERMA L’HO AVUTA STAMANI DIRETTAMETNE DAL mINISTERO CHE ORA SI MUOVE PER LICENZIARE LA “MAESTRA”.

    QUANTO A STORIE INCREDIBILI, BASTA CHE LEGGI QUELLA CHE HO APPENA MESSO , DI CUI PER ORA IN ITALIA HA PARALTO SOLO STUDIO APERTO, PER VEDERE QUANTA FOLLIA CI CIRCONDI.

    UN ABBRACCIO

  • hai detto bene….tre storie incredibili….e concordo con tutti voi….che fare per fermare tutto ciò??? sono circa dieci mesi che mi confronto con questo DANNATO problema della pedofilia e…non trovo via d’uscita…ma che fare??? sfogarsi con tutti voi…aiuta sicuramente a non sentisi solo, ma non basta…ci deve essere qualcosa di più efficace?! ma cosa???? grazie a tutti voi…per ora! spunz

  • perdonami Max ma non me ne frega niente se licenziano questa… non mi viene un vocabolo per definirla. Già tre anni fà ho chiesto durante un incontro con psicologi a scuola quali fossero i test psicologici continui che facessero sì che le insegnanti fossero idonee al loro lavoro (come poi anche gli ausiliari!). Nessuno mi ha dato mai risposta sino ad oggi! Ma il Ministero ci mette i pazzi, i folli, i pedofili a scuola?? e basta con questi buonismi, con le leggi sulla privacy e con tutte queste stronzate….

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe