QUESTA SERA NON PERDETE LE IENE (ITALIA 1 – ORE 21,00):

iene

ROMA – Come si comportano i preti delle piccole parrocchie quando devono affrontare un caso di pedofilia che coinvolge un prelato? Il programma tv "Le Iene show" ha cercato di dare un risposta a questa domanda e, con uno stratagemma, ha scoperto tra sacerdoti un atteggiamento sostanzialmente omertoso. Con nessuno di loro che, dinanzi alla rivelalazione di una madre, le ha suggerito di rivolgersi alla polizia o alla magistatura. E’ quanto si vede nella nuova inchiesta del programma di Italia 1, che andrà in onda domani sera alle 21.

Bloccate dal garante della privacy per il servizio sul test anti-droga alla Camera, le Iene creano un altro caso andando a verificare "la sensibilità sul tema della pedofilia" in alcune parrocchie lombarde. Un "blitz" che segue di poco le dure parole di Papa Benedetto XVI sul fenomeno, definito "crimine enorme".

Protagonista è la Iena Elena Di Cioccio, finta mamma mite e timorata di Dio, devota e un po’ dimessa, con impermeabile e foulard. Incontra alcuni preti di parrocchie lombarde, non nel segreto del confessionale ma in un ufficio, in un corridoio o davanti all’ingresso della chiesa. La storia che racconta è sempre la stessa: ha una bambino piccolo, che va alle elementari e frequenta un parrocchia vicina ma le lo vorrebbe spostare e trasferire. E alla richiesta di spiegazioni da parte del parroco, la "mamma" dopo aver finto un po’ di ritrosia, confessa: è stato vittima di attenzioni sessuali da parte di un prete di un comune vicino.

A questo punto, raccontano le Iene, iniziano i "consigli" dei preti. Tutti, invariabilmente, chiedono se anche il papà del bambino è a conoscenza dei fatti e, alla risposta negativa della "mamma", suggeriscono intanto di non farne parola col marito. Poi iniziano a spiegare, secondo il racconto delle Iene, che ci sono vari modi per affrontare la situazione ma, sottolineano i responsabili del programma, nessuno di loro suggerisce di rivolgersi a polizia e magistratura. Piuttosto, la "mamma farà meglio a parlarne ad un superiore del prete o al responsabile della diocesi". Alla domanda della donna su cosa accadrà a questo prete, la maggior parte dei sacerdoti risponde che, forse, potrebbe essere trasferito.

7 Commenti a “”

  • P.S.: LA FOTO E’ DI REPERTORIO

    😉 chiaro?!

  • certo, trasferiamolo, magari con l’aria nuova la smette…-.-

    la pedofilia e` uno dei pochi reati su cui non transigo. insomma, puoi aver ucciso uno per legittima difesa, rubato perche` dovevi sfamare i tuoi quindici bambini (per dire) ma i reati sessuali, come lo stupro e la pedofilia, sono semplicemente senza giustificazione valida. gia` se si tratta di una persona “normale” (che se finisce in un guaio simile tanto normale non deve essere) e` una cosa schifosa, per cui la castrazione chimica e una lunghissima permanenza in un centro di recupero isolato (Marte)mi sembra il minimo. figuriamoci se si tratta di un prete, quello di cui ti dovresti fidare per forza di cose. chi non si sarebbe fidato di un prete, in passato?

    dico in passato perche`, ora come ora, mi sembra un po` brutto pensarci.

  • Va bene Max..bella foto di repertorio.Un grazie anche al programma le iene che tutti gli anni attuano queste incursioni tra i preti….ovviamente le loro risposte nn cambiano!!!!!!!

  • Le iene è iuno dei pochi programmin tv che riesco a seguire regolarmente… Complimenti e sepriamo che questo serva a far luce su tutto l’orrore che comporta la pedoifilia

  • Questo stesso servizio è stato mandato già in onda, ma sul sito delle iene dove sono disponibili tutti i servizi trasmessi, stranamente non c’era, tra un pò vedremo, credo che abbiano avuto problemi, hanno ricevuto molti contatti di gente con questo problema, solo dopo le dichiarazioni del papa ai vescovi irlandesi hanno potuto rimandarlo in onda…

  • ciao max ..ho visto il servizio delle iene e purtroppo non mi capacito dell’omertà di questi prelati!

    Mannaggia!…io sono davvero pensierosa! frequento la mia parrocchia e sono attivamente impegnata per il suo bene!. ma….sentendo queste cose!!!!

    ho pianto max lo confesso!…ho pianto anche per i bimbi africani ….me li voglio portare a casa tutti io!!! i loro occhi sono bellissimi! Come si può essere così rincoglioniti di pensare che siano indemoniati!!!!! max che mondo!!

  • la chiesa si e’ sempre comportata cosi’, omertosa e il massimo dei provvedimenti era il trasferimento del prete colpevole!!!!!! magari anche in un’altro oratorio con altri bambini, poi don Mazzi dice di metterli in clausura…..magari lo facessero!!!!! chiusi in una bella celletta e buttare via la chiave!!!!!!

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe