W l’Italia.
Strano paese il nostro. Tutti zitti quando dovremmo parlare ma scaltri a farci gli affari degli altri quando il silenzio è più che necessario.
Tempo fa in questo spazio parlammo del caso di padre Joseph Henn, sacerdote per il quale finalmente il Governo aveva concesso l’estradizione in Arizona.
Henn doveva tornarsene nelle patrie galere per scontare, più o meno, una ventina d’anni per abusi sessuali sui bambini.
Fece in tempo a convocare i giornalisti, dichiarare che lui “in Arizona non sarebbe mai tornato perché là i pedofili li trattano male (sic!)” e continuare a vivere per un po’ nel suo lussuoso appartamento affacciato su Piazza San Pietro.
Salvo poi, volatilizzarsi una volta che i carabinieri hanno bussato a quelle porte per notificargli il mandato di cattura.
Da allora, e sono passati parecchi mesi, nessuno l’ha più visto.
Partendo dal più noto Bernardo Provenzano, che visse nel paesello natio per quasi 40 anni, allontanandosi giusto per farsi curare all’estero, sono tantissimi i casi di delinquenti che vivono tra di noi e che nessuno, stranamente, vede.
Per questo ha dell’eccezionale il tempestivo ritrovamento di Maria, la bimba bielorussa, dato che è bastato che sui giornali uscissero le fotografie delle due nonne che la proteggevano, che subito qualcuno le ha riconosciute ed ha fatto la triste soffiata. 
Una segnalazione a tempo record che ci ha fatto perdere una grande occasione. Quella di essere un paese a misura di bambino.
Nel frattempo per Maria è pronta una nuova cameretta in orfanotrofio.
Dove nessuno, ma proprio nessuno, vede e sente nulla.
mostro

Un Commento a “”

  • Caro Max sono d’accordissimo con te. Sono le stesse parole che mio marito ed io abbiamo detto quando ci è giunta all’orecchio la notizia del ritrovamento di Maria. Quando vuole la gente sa parlare, peccato che scelga il movente sbagliato, peccato che sacrifichi una bambina che adesso non avrà la protezione di nessuno. Che la loro coscienza li tenga svegli la notte pensando a quello che potrbbero farle. Gli italiani sono bravissimi a parlare e parlare, giudicare e decretare, ma quando si tratta di diversificarsi da tutti e magari per un atto d’amore la codardìa è sempre dietro l’angolo. Dalle mie parti mi dicono e lo fanno con l’espressione di chi ha capito tutto dalla vita: “E’ meglio vivere nell’ignoranza! Si hanno meno problemi!” E credo d’averti detto tutto. Chissà perchè come hai detto tu i malavitosi riescono sempre a farla franca, ma anche pesciolini più piccoli come ad esempio i predatori di bambini che si vantano di quello che hanno trovato nei paesi sud americani dove sono andati per “lavoro” con chiunque voglia ascoltarli e sai come reagiscono questi ultimi dicendo che non potrebbero mai denunciarli: che sono AFFARI SUOI! Ti rendi conto! Se solo sapessi io chi sono questi qui! Se solo lo sapessi! Ma poi dico, e se anche lo scoprissi cosa potreifare, quale legge lo costringerebbe a confessare, chi s’interesserebbe di quei bambini. La verità è che non contano niente e che il problema si trova in fondo alla lista…le priorità sono altre! L’Italia è proprio uno strano paese, peccato che non veda quanto potrebbe essere grande!

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe