FLIPPER SCIO’.
Spazio autogestito del blog, per bambini da 0 a 100 anni.
Autore: il cane Flipper.
bagnetto
Premessa mia:
E’ iniziato tutto per caso, anzi, per gioco.
Un accento di divertimento, leggerezza, ironia, “cazzeggio”, posto sulla parola dolore.
Poi come spesso accade quando si ha a che fare con talune solitudini, la cosa si è fatta seria. Molto.
Ed il gioco ha dovuto fare i conti con la realtà. Diventando impegno.
Dopotutto lo sapeva che avrebbe frequentato un blog particolare. Molto speciale.
Diverso.
In principio si chiamava “La Terrazza”.
Battute a raffica, recensioni di libri, dischi, programmi televisivi, films, stupidaggini ed amenità varie. C’era un po’ di tutto.
Poi un giorno nella Terrazza entra lui, Flipper, o Sir Flipper 2° come recita il suo passaporto.
Ci entra in punta di zampe e con un Happy Hippo in bocca.
E non ce n’è stato più per nessuno.
Il fumetto prende vita ed i bambini (ma non solo) lo adorano.
I genitori stampano loro le sue fotografie, i suoi scritti e ben presto la belva fa chiudere la Terrazza e si piglia un posto tutto suo, Flipper Show, anzi Sciò.
Faccio conferenze ovunque ed ovunque mi fanno i complimenti…..per Flipper.
I bambini mangiano i dolci di cui lui va goloso (chiederò un contributo alla Kinder, magari un tir di dolci) e lo invitano ad andare in vacanza con loro.
Ma arrivano anche le letterine dagli ospedali, da bimbi sfortunati, da chi ha conosciuto l’orco che altri hanno letto nelle favole, da chi ha perso il proprio nonno o un caro affetto.
A conferma di un mai carente bisogno d’amore.
E così, come dicevo prima, il gioco è diventato realtà e come spesso è accaduto nella nostra storia oramai non si può più tornare indietro.
Flipper continuerà a scrivere in questo blog. A divertirvi. A commuoversi.
Alternando la poesia con l’ironia.
Un po’ di necessaria frivolezza, con il dovuto rispetto che certe storie richiedono.
E mentre lo spio, da dietro il computer, vedendolo intento a leccare quel che resta di un gelato, circondato dai suoi nuovi giochi, penso a quanto poco ci voglia………..
Lui che quando arrivò a casa mia tremava alla vista di qualsiasi persona. Si metteva in un angolo quando un mazzo di chiavi o anche solo una penna cadeva a terra. Tremava di paura al suono del telefono. Non camminava e non si nutriva da solo ed anche imboccarlo diventava un’impresa.
Oggi molte cose sono cambiate. Qualche paura resta, ma col tempo e con l’amore la cacceremo via. E poi adesso è pure la star del blog e niente lo ferma più. Grande Flip.
 
Cari amici a 2, a 4 e da 6 zampe, come va?!
Io arrabbiatissimo. Ma come?! Lui parla di me, della “nostra terrazza” e così io ho poco spazio per il MIO SCIO’. E’ un’ingiustizia!
Come se non bastasse mette pure la mia foto mentre faccio il bagnetto.
Hey, non si fa così…e se io mettessi la sua foto mentre fa il bagno con le ochette e il bagno schiuma dell’Uomo Ragno, cosa direbbe?!
Questo si chiama giocare sporco!
Inoltre nella foto ho la faccia stralunata non perché ho paura del bagnetto, nooooo, ma perché con la scusa che c’era afa, hanno usato l’acqua fredda. Altro che paura, ero congelato!
Questa settimana mi avete scritto in tanti ed a tanti ho risposto in privato, perché ho pensato che certe cose dovevano avere un po’ più di privacy.
Qui però vi risaluto tutti e vi ringrazio per l’affetto che avete per me. Grazie grazie grazie!
Ora passiamo a due lettere. Uno sgradito ritorno, FLIPPEEER!, dicevo un lieto ritorno ed una splendida lettera.
Partiamo dal ritorno:
scrive Silvio B., provincia di Milano (già ancora lui….):
– <<Egregio Signore che scrive per conto del quadrupede e che allora ci permette di dire che scrive come un cane avendo oramai appurato scientificamente che i cani non leggono e non scrivono e non parlano le faccio una domanda semplice per valutare il suo grado di conoscenza del mondo dei bambini:
quale gioco mi consiglia in questi giorni in cui la città è deserta e c’è tanta afa? Perché io mi annoio.>>.
“Cane che non sa né scrivere né leggere?! Hey ma si può sapere dove vivi?!
FLIPPEEER!
Occhei, occhei, allora, solo per te, capito miei piccoli amici solo per Silvio voi non siate gelosi ma questi suggerimenti sono solo per lui, ti consiglio dei bei giochi. Partiamo da:
il gioco dell’ape regina.
Ti cospargi di miele da capo a piedi e poi ti rechi fuori da un alveare, gridando sono l’ape regggginnnnnaaaaa.
Vedrai che salti
FLIPPEEER! Basta o ti disconnetto, ricordati che parli con un bambino….
Si probabile.
Occehi, occhei, scherzavo, allora, ti consiglio il gioco del pallone.
Ti vesti da pallone e ti fai lasciare dal tuo papà a San Siro.
FLIP, conto fino a tre.
Max vai a fare un tuffo in piscina, che hanno tolto l’acqua da due ore.
Allora vediamo, a certo c’è il gioco dell’astronauta.
Ti fai spedire sulla luna vestito da ometto verde, secondo me non ti serve nemmeno tanto trucco, quindi aspetti la prossima missione americana e quando arrivano sbuchi da un cratere urlando cucù…vedrai che feste che ti fanno….oppure vai alla festa della Lega vestito da Vù Cumprà urlando Bossi ……
FLIPPEEER! Ora basta. Niente spremuta di Happy Hippo.
Mamma mia quanto sei permaloso, ma non stavi prendendo il sole, torna a farlo che tra poco arriva l’inverno e non hai più tempo su…
Ok, questo però è l’ultimo:
ti vesti da fantasmino poi inviti a cena un Pac Man gigante.
FLIPPEEER! Adesso vengo lì….
Dama ! Volevo dire Dama.
Il gioco della dama. Semplice. Non sudi. Stai fermo. All’ombra. Usi il cervello.
Dama. Volevo dirlo prima….l’importante è che non scrivi.
– Seconda ed ultima letterina (a dire il vero molto lunga ma qui riporto solo un breve pensiero ed una breve risposta, in realtà poi scriverò in privato):
<< Ciao bel cagnolino. Ti scrivo insieme al mio bimbo, Federico di anni sette.
(…) Da tre Federico è su di una sedia a rotelle per un incidente d’auto. (…) Accadde ad agosto di tre anni fa. Andavamo al mare e doveva essere una giornata di festa. Un autista ubriaco decise diversamente per il nostro destino…..e si portò via anche mio marito. … come capirai per noi l’estate non è certo un bel periodo…ti chiedo solo di mandarmi la tua fotografia e di dire a tutti i bambini che ti seguono che bisogna essere amici anche di chi è più sfortunato di loro….. mamma Anna – provincia di Trento >>
“Ciao Anna,
forse ha ragione Max, questa è la vita ed anche a questo bisogna rispondere. Nella difficoltà di poterlo fare.
Raccolgo il tuo invito e lo mando a tutti i bimbi.
Tutti vorremmo degli amici sempre allegri, sempre disponibili, sempre sani.
Ma la vita ci riserva altro.
Per quel poca di esperienza che ho (hey sono ancora un cucciolo io!!!!!) posso dirti che c’è molta più sincerità su di una carrozzina che tra tanti amici che fanno i fighi, magari impennando il motorino (Federico sa a chi mi riferisco vero?) o facendo gli sbruffoni.
Sono gli amici più finti che ci siano, quelli che se ne vanno per primi. Quelli su cui non si potrà mai contare nella vita.
Io sono amico di Federico. E me ne vanto!”
 
Ciao bimbi anche se siete in ferie, io torno qui la prossima settimana.
Ricordatevi che per scrivermi, dovete farlo mandando una mail a :
blogfrassi@yahoo.it (oggetto: lettera a Flipper).
Ricordatevi anche la mia campagna:
 
CRESCONO GLI ABBANDONI IN STRADA: 150MILA CANI
Ogni anno vengono lasciati in strada 150mila cani e 200mila gatti. Di questi l’85% muore entro venti giorni dall’abbandono….
<<Chi abbandona un cane, è in grado di abusare di un bambino>>.
Flipper.
pancino
Audioblog:
Mina canta Zero: Galeotto fu il canotto.

L’audio e’ stato cancellato dallo spazio su Splinder

4 Commenti a “”

  • ricordo solo che per mia scelta gli audio blog stanno on-line solo per qualche giorno. buon ascolto.

  • Flipper è simpaticissimo e la “sua” campagna contro gli abbandoni è azzeccatissima. Ciao, Max

  • questa è l’idea più grandiosa che abbia mai visto..poi è così tenero flipper..ahahah e fa anche morire dalle risate! complimenti! :D:D:D

    cmq anche gli altri temi del blog mi sono piaciuti…pedofilia..mi chiedo ma perchè certa gente esista..

  • L’idea più grandiosa? Esagerata.

    max

    L’idea più grandiosa ecco qual’è la definizione migliore del mio spazio, proprio questa.

    Flipper.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe