Chissà come mai non mi stupisco affatto che fosse un Nazista……
SANTIAGO DEL CILE – L’ex caporale nazista Paul Schäfer, a suo tempo fondatore e leader della "Colonia Dignidad" – un vasto appezzamento di terreno a 240 chilometri a sud di Santiago – è stato condannato ieri a 20 anni di carcere e al pagamento di indennizzi equivalenti a 1,5 milioni di dollari perché riconosciuto colpevole di abusi sessuali nei confronti di 26 minorenni, commessi tra il 1993 ed il 1997.    La sentenza è stata emessa dal giudice Hernan Gonzalez come conseguenza delle denunce effettuate dai parenti dei bambini, per lo più famiglie povere della zona, che li inviavano alla scuola della cosiddetta "Villa Baviera". Schäfer, che già in Germania aveva subito denunce per presunta pedofilia, è giunto in Cile nel 1960 dove, con almeno 300 famiglie di origine tedesca, fondò appunto la "Colonia Dignidad", nella quale impose una rigorosissima disciplina. Durante la passata dittatura, il vasto appezzamento di terreno situato nei pressi della località di Parral è stato utilizzato anche come centro di torture da parte della polizia segreta e, in un’occasione, è stato visitato pure da Augusto Pinochet. Grazie alle "protezioni" di cui godeva, Schäfer è sempre riuscito a sfuggire alle numerose perquisizione effettuate dalla polizia ma, dopo otto anni di clandestinità, è stato catturato nel 2005 in Argentina, da dove è stato espulso in appena 24 ore.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe