FRANCESCO: 1992 – 2005.

L’hanno predato. Poi oltraggiato. Fotografandolo e ricattandolo.

Una storia come tante?!
Sì e no.

Sì per il destino comune a troppi bimbi.

No perché qui la tragedia si conclude con 15 (QUINDICI!!!!!!!!!!) colpi di spranga e la morte violenta del bimbo.

Il quale (magra consolazione!) solo così viene, paradossalmente, liberato e oggi ci guarda deluso dal cielo.

Tranquillo piccolo. Nessun ipocrita marcerà per te. Nessuno urlerà la tua rabbia ed il tuo dolore. Non si creeranno comitati in tua difesa (quelli servono solo i delinquenti).

Non fai audience. Non fai raccogliere fondi. Non sei un delinquente mascherato da brava persona. Non sei (più) stuprabile. Perché avvicinarti, quindi?!

Possa il cielo che ti ha chiamato a sé, darti tutti i fiori del mondo, la pace vera, serenità ed amici e cagnolini da coccolare e da cui farsi amare. Piogge di dolci e bagni di sole.

E tra un secondo che quaggiù dura una vita, l’abbraccio e l’incontro con chi ti ha voluto veramente bene.

Addio Francesco,  e che almeno lassù, sia Natale. 

 

Nota: Ad Osaka un uomo d’affari è morto dopo che la folla l’ha linciato per avere fatto la manomorta ad una giovane studentessa, in una affollata carrozza del metrò.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe