TANTO SONO SOLO BAMBINE – 2/5

Di questa pratica barbara non c’è traccia nel Corano. Eppure gli Iman la considerano “un atto pio” e ci ricordano che tale usanza ha radici lontane, legate a tradizioni dell’antico Egitto. A praticarla vengono interpellati dottori (per una tariffa base di 500 euro), ma il più delle volte è l’anziana della famiglia, la “nonna” ad attuare il tutto. Daltronde non servono molti strumenti: totalmente assente, ad esempio, l’anestesia. Ed al posto dei ferri chirurgici (da manovrare con cura) vengono utilizzati coltelli da cucina, rasoi o pezzi di vetro.Sto parlando della “infibulazione”. Atto violento ed incivile che oggi è largamente diffuso anche in Italia. Quasi 2.000 bambine rischiano di subire tale violenza, molte, troppe altre, l’hanno già subita. A breve dovrebbe essere approvata nel nostro paese, la Legge che punisce duramente chi la pratica e fa radiare dall’albo (con tanto di carcere) eventuali medici praticanti. Per completezza, ricordo solo che dopo l’asportazione le parti sono ricucite con filo di cotone o di pelle di pecora. Dopo la cucitura rimane un forellino piccolissimo. Così piccolo da creare seri problemi anche solo al passaggio dell’urina. Il forellino verrà allargato quando la donna sarà data in sposa, per permettere al marito di avere rapporti sessuali che saranno, ovviamente, (per lei) dolorosissimi.L’infibulazione può portare alla morte della donna, dà sempre gravi problemi di salute e psicologici e…

…e basta così. Tanto sono solo bambine.

p.s.: Provate solo ad immaginarvi, se riuscite a sentirle, le grida di chi subisce questa ennesima forma di abuso.

4 Commenti a “”

  • Non c’è alcun dubbio: le mutilazioni sessuali femminili sono una pratica assurda e crudele

    (e infatti io posso solo immaginare le grida….)

    e, come si legge in una dichiarazione congiunta dell’Organizzazione mondiale della sanità, del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia e del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (1997) esse costituiscono una «violazione dei diritti umani fondamentali, quali il diritto a ottenere il più alto livello possibile di salute fisica e mentale e il diritto alla sicurezza della persona.

    E queste sono solo parole.

    Passare ai fatti concreti è purtroppo molto più complicato perchè essere contrari all’infibulazione non basta: molti non accettano il significato negativo che viene dato a quello che per loro credono sia il massimo bene per le figlie.

    Si tratterebbe infatti di stabilire una nuova scala di valori… decidere quali sono quelli davvero primari e davvero irrinunciabili, ed arrivare così esattamente al cuore della questione.

    (ed il cuore, secondo me , in questo caso è sinonimo di consapevolezza, coscienza, dignità…)

    Boh… non so che dire.

  • utente anonimo:

    ho provato a immaginare le grida delle bambine… mi è sembrato di sentirle davvero!

    Io sono mamma e ho avuto una bimba con parto naturale, talmente naturale che il medico nn è riuscito a farmi l’episiotomia (piccolo taglietto per evitare la lacerazione della vagina) Ebbene, posso dire a gran voce che il parto non è stato poi così doloroso. Il momento più doloroso, per me, è stato proprio quello della ricucitura della lacerazione, (nn essondo stata praticata l’episiotomia, la lacerazione aveva provocato numerosi “tagli” o “strappi” a stella) soprattutto per ricucire gli “strappi” vicino al clitoride, (nonostante l’anestesia).

    Questa “ricucitura” nonostante abbia i suoi motivi, mi è sembrata una vera barbarie e soprattutto una cosa davvero innaturale.

    Se la “ricucitura” dopo il parto mi è sembrata così terribile, tanto da considerarla molto più dolorosa del parto stesso, come si può praticare addirittura l’infibulazione ad una bambina?

    secondo me dovrebbe esistere una legge che proibisca tale pratica in ogni parte del mondo

    Loredana

  • Concordo con te e come donna aggiungo che è un atto di ennesima violenza sessuale, un modo per annullare la sessualità della donna!

    Nel loro modo di pensare la donna per essere onesta non dovrebbe avere il piacere sessuale e dunque da qui l’asportazione del clitoride!

  • Penso con orrore a come si può far praticare sulle proprie figlie un’atrocità simile… Migliaia in Italia e nel Mondo???

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe