VIA QUARANTA.

Continua la protesta dei mussulmani in Via Quaranta a Milano. Chiusa la scuola (vedasi precedente commento al riguardo – tag: madrasse), gli alunni (con tanto di Coca Cola in mano: qualcuno avvisi subito i genitori che stanno bevendo la bevanda del diavolo, perdincibacco) si sono trovati a seguire le lezioni in strada. Lezioni tenute da insegnanti che chiedono la parificazione ma non parlano agli alunni in italiano (solo arabo!), non vogliono che i bambini stiano in classe con i cani infedeli, ops volevo dire con altri bambini italiani, o che studino da testi che non siano i loro. Tutto in nome di un’integrazione che in realtà è solo una ipocrita parola,non certo un vero intento. Ed a pagare ancora una volta sono i bambini. Quasi 500, uno dei quali da ieri in fin di vita in ospedale, poiché investito da un auto, mentre doveva seguire la lezione in strada.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe