Un telefonata, in una ennesima mattina di afa e voglia di ferie. Una mamma giunge a noi grazie alla….vicina di ombrellone. Racconta di abusi in una scuola elementare. Di un maestro di religione incastrato da intercettazioni ambientali che lo hanno ripreso nell’atto di marcare le sue prede. Del fatto che lui abbia negato (“era un tipo al di sopra di ogni sospetto, il classico bravo ragazzo, roba da non crederci”) e poi, dopo la visione dei filmati dove appariva come protagonista, abbia confessato, dichiarandosi malato ed ottenendo così i domiciliari. La figlia della signora alla fine appureremo non aver subito nulla (la madre cercava solo rassicurazione) pertanto qui non ne parleremo così come non parleremo di tutta la vicenda che a breve racconteremo nei dettagli, quello che invece utilizzo come spunto è una frase detta dalla signora: 

come è possibile che questa società permetta tutto ciò? 

Ce lo siamo chiesti, io per primo, molte volte. Anche in questo blog. Ed ora, sono sempre più convinto, se mi vorrete seguire, che si debba alzare il tiro. Di nuovo. 

Attaccare come mai prima d’ora si è attaccato. Restituire il male e marchiare gli infami e gli aguzzini. Sarà il caldo che dà alla testa anche a me, ma in questo momento non riesco ad essere razionale, ed accantono i buoni propositi di tolleranza e pace.

Perché illustri bastardi sconvolgono a vita, la vita dei bambini (e di loro familiari), mentre le loro esistenze non possono essere ribaltate? 

Leggo che a Lecco gli stupratori di una ragazzina sono liberi, mentre lei tenta il suicidio e la sua famiglia (lasciata sola) non sa come affrontare tutto il dolore. 

Bisogna che tutti noi ci facciamo carico di quel dolore come fosse nostro e riprendiamo a dire ad alta voce, che questa società non è fatta per chi abusa.

Cominciamo a rispolverare le macine d’asino.

3 Commenti a “”

  • utente anonimo:

    Torno a leggerti…

    schifata per la giornata dell’orgoglio di essere orchi…e felice perchè tu non ti fermi,prometeo non si ferma.

    Per quello “spigologo”è solo un criminale…Moon^_^

  • Come possono i genitori sentire al sicuro i loro figli se parlando un po’ in giro in questo giorni , tutte e dico tutte le donne con cui ho parlato hanno (in modo più o meno grave) subito molestie sessuali . mamma lara (Ferrara)

  • utente anonimo:

    Conosco tre persone d’entrambi i sessi che hanno sùbito abusi durante l’infanzia o l’adolescenza. Una volta un tipo c’ha provato anche con me, all’epoca adolescente… purtroppo queste merde sono ovunque, e troppo spesso chi sta attorno tende ad essere omertoso… se dovessi scoprire casi del genere non so come agirei…

    Marco

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe