PARADISE LOST.

Avevamo lasciato i suoi boschi, ricchi di folletti e di elfi, di piante parlanti e nani coraggiosi. Avevamo scalato le sue vette combattendo il male. Anche quando era numericamente più forte. Apparentemente imbattibile.

C’eravamo riposati sulle sponde di un fiume, tra le danze dalle principesse ed i giochi di prestigio del mago. Solcato i suoi cieli aggrappati alle ali di possenti aquile….poi…..

Poi però la favola è finita e la notizia che riporto oggi ci ha catapultati tristemente alla realtà: se di paradiso si parla quello dei pedofili a cui bisogna pensare:

<<Quarantuno persone arrestate nella più vasta operazione contro la pornografia infantile mai lanciata in Nuova Zelanda. Gli arrestati, tra cui insegnanti e allenatori sportivi, sono accusati di aver acquistato e scaricato materiale in Internet. L’operazione segue un articolo di Time che si domandava se la Nuova Zelanda fosse divenuta un rifugio per i pedofili, asserendo che non aveva agito in seguito a segnalazioni dagli Usa. Il ministro della Polizia ha negato le accuse.>>

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe