AMORI

Quella che sto per raccontarvi è una di quelle storie che scaldano il cuore e inumidiscono gli occhi.

La storia….. di una grande storia. D’amore.

L’ultima volta che li troviamo abbracciati, i protagonisti hanno rispettivamente 67 e 15 anni.

Ma per evitare subito volgari e pericolose ambiguità, ve li presento per nome:

lui, Gianfranco, 67 anni una vita dedicata al suo bar di Terni ma soprattutto al suo grande amore:

Juna, 15 anni, una cagnolina meticcia, dagli occhi profondi e sinceri.

Si incontrano e non si lasciano più.

E’ amore a prima vista.

Passano le giornate a camminare, giocare, coccolarsi, scambiarsi quegli sguardi che solo due grandi cuori sanno generare.

Poi però il fato, con un pizzico di gelosia, mette un freno. Un improvviso alt. E la vita cambia. Per sempre.

Gianfranco si ammala, di una grave forma d’asma.

Va in ospedale e Juna, disperata per non poterlo più vedere, scappa quotidianamente di casa e va a cercarlo, fino ad ottenere dai medici il permesso di entrare. Diventando così la mascotte dell’intero reparto. Che si inchina di fronte a questo amore, alla faccia dei regolamenti e dei permessi burocratici.

Lei ama, quindi entra  e sta col suo amico, tutto il giorno.

Ma Gianfranco si aggrava. Non riesce più a mangiare.

E Juna, a casa fa lo stesso.

Gianfranco viene spostato in un altro reparto, per i malati più gravi e lì purtroppo lei non può proprio entrare.

Sta a casa. In silenzio. Sempre più triste.

E si ammala: di una grave forma d’asma. La stessa malattia che le sta portando via Gianfranco.

Se ne vanno tutti e due. Lo stesso giorno. A distanza di poche ore.

Quando Gianfranco muore Juna diventa irrequieta. E poche ore dopo lo raggiunge.

Adesso, senza retorica, vi garantisco (non so come, ma con una certa presunzione mi permetto di farlo) che stanno tutti e due bene.

Camminano. Chiacchierano. Giocano e fanno le coccole.

Alla faccia del destino che beffardo è stato sconfitto.

Da una grande, grandissima lezione di vita.

Insegnata da un maestro chiamato Amore.

Ciao Gianfranco. Ciao Juna. Meravigliosamente grandi.

 

Canzone del giorno: Renato Zero, Amori:  "Evviva te che ami evviva, per ogni vento avrai sempre una vela"

7 Commenti a “”

  • utente anonimo:

    Non so raccontarti quanto ho pianto sentendo questa notizia in tv … ma infondo non mi sorprende … i “Pelosi Angeli” non mi sorprendono più … mi convinco maggiormente che siamo noi a dover imparare da loro e che la “superiorità” … beh ! dipende da che punto di vista la si guarda … ;o)

    Alessandra

    “… hai mai provato a comprenderLI … almeno provaci … ! (Renato Zero – Il Pelo sul Cuore)”

  • utente anonimo:

    io, insieme a Joe lo scoiattolo,Ralph il criceto e tutta la banda concordiamo!!!!

    Marinetta.

  • utente anonimo:

    A volte gli animali sono capaci di un amore così grande che nemmeno l’uomo immagina.

    Questa storia sia d’esempio a tutti coloro che per le loro comodità abbandonano gli anumali a sè stessi.

    Mi domando, dei due, tra padrone ed animale, chi è la bestia…..

    PierMario

  • utente anonimo:

    Se ricordi era già tutto in un mio commento alla scomparsa del tuo amico peloso.

    I nostri compagni a due o quattro zampe racchiudono nel loro nome tutto il loro segreto…

    ANIMA…LI

    curioso vero!!!

    Gianmaria

  • utente anonimo:

    Vero Gianmaria.

    Durante gli ultimi anni delle superiori facevo parte di un gruppo di volontari che aiutavano a turno i veterinari che prestavano il loro lavoro gratuitamente a quegli animali abbandonati, picchiati, torturati.

    In quei luoghi quanti sguardi riconoscenti ho incontrato, quanti occhi pieni d’amore,ho ricevuto più affetto da loro che dagli uomini.

    Leggete un bellissimo libro di James Herriot, Creature grandi e piccole oppure Cose sagge e meravigliose,vi farà commuovere.

    Sonia…………….

  • utente anonimo:

    Non dimentichiamo che animale deriva dal latino animalis, che dà la vita, derivazione di anima.

    Quindi chi vuole offendere una persona dandogli dell’animale, stia attento!

    Sonia……….

  • Error:

    se fai del male ad una persona… che quel male ti ritorni… se fai del male a 10 persone… che quel male ti ritorni… insomma… se fai del male… qualsiasi bandiera tu esponga… chiunque tu sia… se fai del male… possa tu essere maledetto!

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe