BRESCIA: ANNO ZERO.

Ancora la “nostra” città. Ancora l’infamia di un ennesimo abuso. Violento ed inappellabile.

Muore una bambina. Muore accoltellata dal padre. Muore dall’alto dei suoi cinque mesi d’età. Muore e come per la bimba deceduta a Roma le cronache le dedicano poche arruffate note.

Una domanda: se fossero state italiane, e non rispettivamente albanese e rumena, sarebbe cambiato qualcosa?

9 Commenti a “”

  • Il panorama in compenso si è ben delineato. Nessun avviso di garanzia mosso da pedofili lo può più fermare. Incomincia il count down…….è proprio vero che dovevamo avere pazienza.
    Ah, benedetta dote. Avercela……;o)

    p.s.: saluti a tutti i lettori del blog dalla magica Roma (oggi sembra di essere in estate: 29° – piazza del Vaticano “calda” – in tutti i sensi ).

    Massimiliano

  • maxfrassi… impara ad essere più paziente, con te stesso e con gli altri. Sei un libero pensatore, ma questo non implica che tu abbia sempre ragione o che le tue idee siano in ogni caso logiche. La tua mentalità irrequieta e ambiziosa rivela un’immaginazione attiva. Per compiere qualcosa, devi imparare ad usare l’immaginazione

  • utente anonimo:

    Sono sempre più atterrita..
    che siano stranieri o italiani..questi bimbi sempre più passati sotto silenzio come se essere in quella fase della vita sia più una colpa che un pregio…

    Il degrado dilaga nelle menti degli uomini …dalle guerre in poi..e il cinismo sta rubando i nostri cuori…

    IO NON CI STO….e vigilo..

    Viva la vita….

    p.s. Baci da questo caldo ESAGERATOOOOOOO..romano a Massimiliano…smackkk

    Elisa

  • utente anonimo:

    Conoscendo Max, secondo me porta a volte fin troppa pazienza!!! Superficiale la tua osservazione, sifossifoco!
    Mentalità irrequieta? Comprensibile, no? Con lo schifo che ha davanti agli occhi tutti i giorni, vorrei ben vedere! Folle sarebbe il contrario, penso! Anche se c’è gente che di fronte allo stupro e alla sofferenza di piccoli innocenti non si scandalizza e non si scalda più di tanto, quasi fossero cose che rientrano in una spaventosa normalità!
    Mentalità ambiziosa? Ben venga se l’ambizione è finalizzata a fare sempre di più per quelle anime lasciate sole!
    Quanto poi al resto, penso proprio che un lavoro come il suo purtroppo lasci ben poco spazio all’immaginazione!!!
    Siamo nella realtà! Ma la gente a volte è così cogliona e cieca da non volersene accorgere!
    Sifossifoco…un consiglio a te, dunque: impara ad usare un po’ meglio la testa!
    Marghe

  • si fossi foco, dovresti ardere un po’ di più.
    invece, visitando anche il tuo blog, vedo che il tuo ardere è di poco conto.
    una lieve fiamma. che non indispettisce nè incuriosisce.
    certo, la foto di berlsuconi che si gratta i …. fa parte di quella classe che ha smepre qualcosa da dire: ma mai un cazzo da fare.
    baci, perugina.

  • utente anonimo:

    Sifossifoco, ho letto il tuo blog e penso che ognuno di noi abbia la libertà di esprimere un suo parere, ma prima bisogna sapere su cosa ci si sta esprimendo.
    Mi pare che tu non conosca minimamente gli argomenti che vengono in questo blog trattati, che tu non conosca neppure Massimiliano, e mai ti sei soffermato a pensare in merito a determinati argomenti.
    Parli di immaginazione ed altro, voglio solo farti sapere che ti sbagli, ed è veramente grosso il tuo errore.
    Ricorda che dall’ignoranza, che attenzione vuol dire non conoscere cose che si dovrebbero sapere, si può uscire, basta che ti informi se veramente vuoi capire di cosa stiamo tutti noi raccontando, altrimenti continua a vagare nei blog dove la massima aspirazione è scrivere ma non importa cosa, basta far sapere agli altri che si esiste, beh qui lo scopo è un altro.
    Devi maturare, crescere se ti è possibile e poi prima di criticare, bisogna conoscere.
    Sonia…………………….

  • utente anonimo:

    L’uccisione di quella bambina e da condannare, come lo è il tuo cavalcare le cronache, che acqua vuoi portare al tuo mulino? Agisci come subordinato ed eviterai di commettere errori (ching..)

  • utente anonimo:

    Anonimo, la verità è quella che i bambini raccontano non ci sono errori, si cavalca il bene e si combatte per la giustizia che ogni essere umano deve avere, e parlo di essere umano non confondiamoci, mi raccomando!
    Sonia……………..

  • utente anonimo:

    Esistono due categorie di “bloggers”: ci sono quelli che usano lo spazio web per promuovere cause sociali importanti (come Massimiliano), e ci sono gli idioti, che sprecano risorse e spazio per scrivere castronerie che non interessano a nessuno (forse credono di essere buoni per lo Zelig?).
    La cosa grave è quando gli idioti vengono a fare la morale a quelli come Massimiliano (ogni riferimento a “sifossifoco” è puramente voluto).

    Coraggio Max, vai avanti !
    Paolo e Claudia, da Darfo B.T. (BS)

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe