“Svegliati,

non lasciarti imbrogliare.

Non abituarti mai al dolore. Apri gli occhi, apriti all’amore.

Tentano di cambiare i tuoi piani.

Filtrano le ambizioni che hai.

Ti drogano con l’inchiostro di china,

sputtanando i santi e chi ci crede.

Assassinando piano la tua fede…..”

Renato Zero, Svegliati da “Tregua”, 1980.

4 Commenti a “”

  • utente anonimo:

    Penso non serva aggiungere altre parole…
    Quanto sono vere! Quanto possono insegnare!…Quanto le sento mie!
    Grazie!

  • utente anonimo:

    Tre anni fa gli eventi mi hanno obbligata al risveglio, e a volte mi sento in colpa perchè non l’ho fatto prima.
    Sonia…………..

  • utente anonimo:

    Io non amo la televisione, guardo solo pochissimi programmi che soddisfano i miei interessi, ma un giorno cambiando canale mi aveva colpito un giovane ragazzo che parlava del suo libro e nelle sue parole ritrovavo anche i miei pensieri, si tratta di Marziale, persona che grazie a Massimiliano ho avuto modo di conoscere meglio, non di persona almeno fino ad ora.
    Da quel giorno spesso mi trovo nel suo sito, e proprio oggi guardando la foto di Denise ho fatto una riflessione:
    i giornalisti, i lavoratori, le volontarie……..rapiti dai terroristi sono più importanti, ovviamente politicamente, di una bambina di cui non si sa neanche a chi è in mano.
    Questa è una tra le tante cose che generano tanta rabbia, ormai tutto viaggia secondo il business, il governo attuale, che non ho scelto, ma penso che sarebbe stata la stessa cosa se al suo posto ci fosse stato qualcun’ altro, si muove solo là dove c’è un interesse economico, motivo per cui gli americani hanno iniziato questa e altre guerre.
    I soldi, tutto è legato ai soldi, ma alla povera Denise e a tutti i bambini che ogni giorno scompaiono, chi ci pensa a parte i loro genitori disperati, e ai numerosissimi bimbi traumatizzati a Brescia che rappresentano il domani della società chi ci pensa, chi ascolta le loro voci che a Brescia urlano il loro dolore, a cui fanno seguito quelle dei genitori?
    Aspetto una risposta, mi pare proprio come mamma che ha fatto il massimo in suo potere per la propria figlia e per tutti gli altri figli, il minimo, affinché tutto non si dissolva nel vento.
    Non è tutto così strano ciò che accade nella mia città, perché sempre per i soldi le organizzazioni creano le situazioni che a loro servono e fanno in modo che in certi posti ci siano le persone che a loro servono, allora due più due non fa quattro?
    Sonia……….

  • utente anonimo:

    Sto facendo una ricerca sui blog e approdo qui passando di blog in blog nella fitta rete di Splinder.
    Sono rimasto colpito dalla qualità di alcune testimonianze ma anche dalla loro crudezza. Avevo sentito parlare di pedofilia ma non credevo fosse un argomento così duro.
    Apprezzo il giusto alternarsi di interventi che riportano anche parti volutamente umoristiche con quello che credo sia il chiaro intento di smorzare i toni.
    La completezza delle discussioni però a volte impedisce ai fruitori del blog di portare un commento che non sia di conferma a quanto detto quindi suggerirei di introdurre post che invitino chiaramente la gente che passa da qui a lasciare il proprio pensiero.
    Nota negativa invece la grafica: ha applicato una delle migliori basi di Splinder senza però modificarla molto e affidando a Splinder anche la presentazione iniziale mentre mi permetto di suggerirle di rifare l’intero apparato inserendo le fotografie insieme alle discussioni e di personalizzare la presentazione di Splinder, che nel complesso risulta comunque essere efficace.
    Per chiarezza inoltre manterrei lo stesso carattere e un unico colore nelle discussioni per evitare l’effetto arlecchino da lei invece ricercato.
    Voto nella mia ricerca: 8- ma si può migliorare per arrivare alla giusta sintesi tra contenuti e forma.
    In bocca al lupo per il suo lavoro.
    Antonio S.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe