NO COMMENT.

Oramai non passa giorno che le cronache (finalmente) non portino alla luce REALI CASI DI ABUSO.

Quegli stessi casi su cui qualcuno, con sempre più poche speranze, per proteggere i propri “compagni” (parenti o “amici”) che siano, cerchi in ogni modo di far calare il silenzio. Aggravandolo di minacce ed infamie.

Questi i casi noti emersi nelle ultime ore. Ancora una volta, no comment….

 

 

PEDOFILIA: PADRE NON VEDENTE ARRESTATO PER ABUSI SU FIGLI

Palermo, 22 set. – – Avrebbe abusato e maltrattato per anni i tre figli, due maschietti e una femminuccia, di eta’inferiore ai dieci anni. Con l’accusa di violenza sessuale aggravata e’ finito in carcere un palermitano non vedente di trent’anni, le cui generalita’ non sono state rese noto per tutelare la privacy delle piccole vittime. L’uomo, con un’invalidita’ riconosciuta al cento per cento, e’ stato fermato dagli uomini della Squadra mobile di Palermo a Milano, dove si era rifugiato da alcuni giorni.

 

ABUSA LA FIGLIA DI 8 ANNI, AFFETTA DA AUNA GRAVE FORMA DI AUTISMO

 

Pensare che durante una delle mie ultime conferenze, qualcuno mentre raccontavo dell’aumento di abusi su bimbi con handicap si è, messo, più volte a ridere!

 

PAVIA, 22 SET – Un giovane parroco di Pavia e’ stato condannato con l’accusa di detenere materiale a sfondo pedo-pornografico. Il sacerdote, insieme ad altri quattro imputati, e’ stato identificato grazie ad un’indagine condotta su internet. Due dei cinque indagati hanno gia’ patteggiato, fra loro anche il prete che ha concordato una pena di 3 mesi e 20 giorni.

 

Sicuramente malgrado abbia patteggiato e quindi ammesso la pena ci sarà un nuovo comitato creato apposta per lui che andrà ad accusare i Giudici di palese incompetenza. D’altronde non esistono pedofili e tantomeno pedofili TRAVESTITI da preti. Lo sanno tutti, tutti tranne quelli della Prometeo.

 

NEGLI USA DIOCESI FALLISCONO “PER” PEDOFILIA

Tucson. La diocesi di Tuscon, in Arizona, (così come l’arcidiocesi di Portland, in Oregon) è fallita non potendo far fronte alle richieste milionarie delle vittime dei preti pedofili

 

WASHINGTON – La diocesi di Tuscon, in Arizona, è fallita e ha chiesto l’amministrazione controllata in base al cosiddetto Chapter 11 (capitolo undici).
Quella di Tucson, con circa 350mila fedeli, è la seconda diocesi a subire questa sorte non potendo far fronte all’ondata di ricorsi e di rimborsi milionari alle vittime dei preti pedofili.
Lo stessa era successo, in luglio, all’arcidiocesi di Portland, in Oregon.
Il vescovo di Tucson, monsignor Gerald Kinacas, ha detto che decidere la bancarotta della diocesi «era la migliore delle decisioni», per permettere alle sue 75 parrocchie di continuare a funzionare.

Che aggiungere? 






3 Commenti a “”

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe