POESIA, POESIA.

Un buon modo per iniziare la settimana.

Una “boccata” di poesia, per tutti voi:

Lentamente muore,

chi diventa schiavo dell’abitudine

ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,

chi non cambia la marcia,

chi non cambia il colore dei vestiti,

chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,

chi preferisce il nero su bianco

e i puntini sulle “i”

piuttosto che un insieme di emozioni,

proprio quelle che fanno brillare gli occhi,

quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,

quelle che fanno battere il cuore

davanti all’errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,

chi è infelice sul lavoro,

chi non rischia la certezza per l’incertezza

per inseguire un sogno,

chi non si permette

almeno una volta nella vita

di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,

chi non legge,

chi non ascolta musica,

chi non trova grazia in se stesso.

Muore lentamente

Chi distrugge l’amor proprio,

chi non si lascia aiutare;

chi passa i giorni a lamentarsi

della propria sfortuna

o della pioggia incessante.

Lentamente muore

chi abbandona un progetto

prima di iniziarlo,

chi non fa domande

sugli argomenti che non conosce,

chi non risponde

quando gli chiedono

qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,

ricordando sempre che essere vivo

richiede uno sforzo

di gran lunga maggiore

del semplice fatto di respirare.

Soltanto l’ardente pazienza porterà

al raggiungimento

di una splendida felicità.

Pablo Neruda,”Lentamente muore”.

5 Commenti a “”

  • utente anonimo:

    bellissima poesia,la condivido dalla prima all’ultima riga…ah,ti ho scritto una mail,te lo scrivo quì perchè ormai sei diventato un bloggologo…buon lunedì!Moon^_^

  • utente anonimo:

    che schifo Max,che schifo.Non mi stupisco più di niente,non mi stupisco di dove puo arrivare la malafede di questi individui che non meritano neppure di essere consirati!Le parole usate nella risposta ufficiale di prometeo sono l’arma migliore contro queste accuse oltre che ai fatti.Non facciamo vincere il buio,non facciamo vincere accuse anonime e di parte.Moon

  • utente anonimo:

    Noi siamo Vivi e non abbiamo bisogno di fango. La profonda differenza è qui. Al vostro fianco, lo sai Ciao Max: Vitaliana

  • utente anonimo:

    Sono contenta che hai scelto questa stupenda e vera poesia del mio adorato Neruda, mi hai donato un’attimo di felicità.
    Sonia…………..

  • Error:

    BELLISSIMA QST POESIAche il SIGNORE ci dia la forza di vivere il nostro OGGI donandoci per gli altri.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe