Basta Abusi!

Bisogna trovare il coraggio. Anche quando tutto il mondo intorno a noi pare prendere un’altra direzione, opposta a quella che ci sembra portare alla salvezza.
Il coraggio di dire NO, ribellarsi, salvarsi. Per rinascere. Con tutto il tempo che servirà. Perché c’è davvero per tutto una seconda occasione (o un terza, quarta, quinta, fino a quando non arriva quella giusta ).
Bisogna trovare il coraggio e la forza dentro di sé.
Alimentata dalle nostre parole che però, senza quel ultimo sforzo, sono solo dolci pensieri, labili carezze, che si sentono un attimo, un breve momento, giusto il tempo di un tocco e via.
Ma se supportate dalla vostra riscossa. Da quel disperato grido che sale su, in alto, fin dal fondo di un’anima ferita, per poter abbracciare il sole, allora anche quelle parole diventano forza pura, riscatto, mani che spostano montagne.
Provincia di Vicenza. Ancora il Veneto. Tanti troppi i casi di abuso. Qua come altrove. La ragazza all’epoca dei fatti aveva l’età in cui si gioca alle bambole e si appendono alle pareti i poster dei cantanti preferiti.
Chi ha seguito la sua storia l’ha definita “un inferno dai contorni difficilmente immaginabili”. Durato per ben 4 anni.
L’orco sarebbe stato suo padre. Che l’ha abusata a cadenza quotidiana, picchiata selvaggiamente e quando la Polizia è intervenuta convinta a denunciare, al posto suo, un altro connazionale.
Come se non bastasse, per “far fronte ai debiti” l’ha venduta. Ad amici complici. Uguali a lui, per cultura pedofila, deviato dna.
Ora finalmente il padre predatore (52anni, originario del Ghana) è stato rinviato a giudizio.
Mente lei, sta ricostruendo la propria vita. Passo dopo passo dopo passo. Mangiando un boccone per volta (ricordate la storia dell’elefante?). Con i giorni no ed i giorni sì. Consapevole che alla fine, per quanto sia stata ferita, tornerà a vivere, sperare, amare. Popolare un terra chiamata vita. Di cui lei  è cittadina onoraria, a tutti gli effetti!

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe