Basta dire “tanto sono solo foto!”

 

pedopornografia

Quanti abusi servono per fare un buon servizio fotografico?
La domanda, lo so, è irritante. Disturbante. Fa male. Ma tutto ciò, lo ammetto, è da me voluto. Poiché vorrei che da oggi, ogni qual volta sentirete frasi come:“Tizio denunciato per detenzione di materiale pedopornografico” “sequestrate a Caio immagini pedofile trovate nel suo pc “, e via dicendo, possiate capire che dietro a quelle immagini c’è  un mondo di enorme dolore per quei bambini, dolore che spesso termina con la morte, dopo gli innumerevoli abusi subiti. In America un “padre”è stato condannato all’ergastolo per aver venduto le sue tre figlie (che oggi hanno rispettivamente  12, 14 e 16 anni) ad un, cito testualmente, produttore di immagini pedofile. Il quale, per avere foto e video delle stesse, le ha obbligate ad subire una sessantina di stupri! Ecco, da oggi, per favore, quando leggete quanto sopra ho già detto, ricordatevi che NON SONO SOLO FOTO. Ma che quelle immagini, che il vostro parroco, vostro marito, il vostro bravo e buono vicino di casa, il vostro allenatore, il vostro maestro, avevano nel pc, nascondono questo tipo di orrore. Dire quindi “non ha fatto male a nessuno” è una menzogna, che vi fa diventare suoi complici.

I Commenti sono chiusi

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe