Archivi per la categoria ‘abusi sui disabili’

Ancora abusi a danno di persone con gravi disabilità.

Abusi sui disabili.1/2 Chi mi segue sa quanto questa lotta mi stia a cuore. E quanto, da anni, in totale silenzio, la denunciamo! Solo nelle ultime due settimana in Italia abbiamo avuto numerosi casi di ragazzini disabili, abusati da più persone! L’ultimo, in ordine di tempo, arriva da Palermo, dove in un centro commerciale un ragazzo con un grave ritardo mentale si trova in un centro commerciale. Va in bagno e lì trova Tre uomini di 64, 47 e 24 anni che lo stuprano. Prima di andarsene, gli urinano in testa. I tre sono stati rintracciati dalla Polizia, hanno confessato e ora hanno una denuncia…a piede libero. Un’altra cosa la dico sempre: abbiamo bisogno di segnali forti! Fortissimi. Altrimenti questi soggetti si convinceranno sempre più di poterla fare franca.
p.s.: quindi. Carcere subito! E nomi e foto su tutti i media!

abusi sui disabili

Abusi sui disabili 2/2. Una Fondazione spagnola (la Fundaciòn Cermi) ha appena pubblicato i risultati di uno studio condotto su 10mila donne (disabili e non). Il primo aspetto emerso è questo: il 31% delle donne disabili spagnole ha subito una grave forma di violenza (fisica, sessuale o psicologica). tali violenze si ripercuotono, ovviamente, sulla salute delle vittime. Che nel 75% dei casi non hanno denunciato: perché impaurite, minacciate, sole o semplicemente perché “non sapevano di poterlo fare”.

Le foto delle donne che hanno maltrattato il bambino autistico.

Le foto delle donne che hanno maltrattato il bambino autistico.

Ecco le foto delle due donne arrestate nei giorni scorsi per gli abusi a danni di un bimbo autistico a loro affidato a scuola.
Le ha rese pubbliche il Corriere del Veneto.

Iniziamo con Mariapia Piron:

E proseguiamo con:
Oriana Montesin:

Non trovate che si assomiglino?

La prof che picchiava il bimbo autistico era referente per l’anti bullismo e alla vittima diceva……

Se non fosse che parliamo di un atto di violenze su di un bimbo autistico sembrerebbe un barzelletta di grana grossa.
Una delle professoresse arrestate a Barbarano (Vi) alcuni giorni fa e di cui qua abbiamo dato notizia, ree di aver picchiato un bimbo autistico a loro affidato, professoressa (= insegnante di sostegno) il cui campionario di elogi potevamo anticipare noi (“Brava, professionale, stimata, blablabla”) era nella scuola la referente del progetto anti bullismo.
E’ solo l’ultima, forse la più folcloristica rispetto al resto, delle indicazioni che trapelano.
Poiché la vicenda ha ancora dei lato oscuri e pare che gli uomini dell’Arma stiano lavorando per capire se ci sono altri soggetti, che abbiano fatto del male al bambino.
Ma andiamo in ordine.
Barbarano, tranquillo (ma mica tanto) paese alle porte di Vicenza, sulla riviera berica. Settimana scorsa due donne vengono arrestate, dopo un lungo e brillante lavoro investigativo, grazie anche alle intercettazioni ambientali che le “incastrano”, immortalando le violenze da loro compiute a danno di un bambino autistico frequentante la scuola media dove le due operano, una come professoressa l’altra come operatrice dell’ Ulss.
Sconvolgenti alcune frasi diffuse nei giorni scorsi dagli inquirenti e da loro registrate:
una delle donne dice all’altra “l’ho picchiato per bene, se vedi dei segni sono stata io” e ancora “sei un porco maiale…devi stare coi maiali…sei una puttana di porco…dovresti vivere coi maiali”.
Le due donne, di cui ricordiamo i nomi MARIAPIA PIRON, anni 59 di San Giovanni in Monte di Mossano e ORIANA MONTESIN, 54 anni di Barbarano, sono per fortuna in carcere. Insieme a loro è stata denunciata pure una bidella,  LUCIANA SCOTTA, anni 61, ripresa dai carabinieri mentre pure lei dà schiaffi al bimbo.
I Carabinieri per giorni e giorni hanno registrato, ripreso, ascoltato e visto insulti e violenze e solo quando il quadro probatorio è stato così pesante sono potuti intervenire, per dare (aggiungo io) a quel bimbo la voce che altrimenti non avrebbe avuto, ma dovendolo sacrificare per alcuni giorni in più…..
Nei filmati c’è un bimbo “mite…che non parla perché non può..ma che capisce…capisce tutto”, un bimbo cosparso di detersivo perchè ha starnutito, picchiato con un bastone di legno o con un lungo righello  o con una forbice rovesciata, picchiato sul collo o sulle orecchie.
Solo davanti alle immagini, inequivocabili, la professoressa Piron ha ammesso le violenze, mentre la coraggiosa operatrice Montesin, coerente fino all’ultimo si è avvalsa della facoltà di non rispondere.
Il padre del ragazzino ha dichiarato ai giornali: “mi sono sentito preso in giro…il mio bambino tornava a casa con dei lividi, anche nelle parti intime, io correvo a scuola a chiedere spiegazioni e mi dicevano che se le era fate da solo, magari cadendo dalla sedia. Ma come si può trattare così un giovane inerme?”.
E’ la domanda a cui forse non verrà mai data risposta….a meno che non si riesca una volta per tutte ad accettare che il male esiste, opera e ha la faccia (tosta) di persone per bene,
magari formate a difendere i nostri figli dai bulli…

Abusa donna disabile dall’età mentale di anni 5: “era lei a sedurmi!”.

Abusa donna disabile dall’età mentale di anni 5: “era lei a sedurmi!”.

Gli abusanti come ben sapete preferisco chiamarli “predatori”, poi questo sono. Cacciatori. Che con grande pazienta tessono la loro tela, fino a quando la vittima, la preda appunto, non cadrà tra le loro fauci.
Roma. L’uomo è un giovane trentenne. I vicini di casa, una coppia all’incirca di coetanei espone fuori dalla porta un bel fiocco rosa.
La bimba che nasce però svela un dramma, che quella famiglia si trova ad affrontare in totale solitudine e che spazza via le gioie legate alla nascita.
La piccola ha un grave deficit intellettivo…..
Passano 30 anni. L’uomo vede la bimba diventare ragazza, poi donna. Ora ha 35 anni di età (mentre lui 65). Età anagrafica però, poiché quella mentale è di una piccola di “nemmeno 5 anni”.
Lui oggi è pronto. E scatta l’abuso. Studiato, pianificato, atteso chissà forse davvero per oltre 30 anni.
Lei si confida, con molte difficoltà, coi genitori, che fortunatametne le credono subito!
A seguire la denuncia e poi perizie su perizie; infine dopo un non facile processo, quell’onta, forse l’ultimo vero abuso: “era consenziente….era lei che mi molestava”.
Per fortuna il Giudice ha confermato che le cose sono andate diversamente e lui (di cui non conosciamo purtroppo nemmeno le iniziali) è stato condannato alla pena di …….un anno e sei mesi.

Condannato in secondo grado il predatore di bimbi disabili, Pietro Materi.

Pietro Materi: il predatore di bambini disabili è stato condannato anche in secondo grado.
Raccontare la sua storia al mondo è stata una delle battaglie di cui questo blog va più fiero.
Soprattutto quando si corse il pericolo che venisse scarcerato, che il processo dovesse ripartire da capo, che passasse per incapace di intendere e di volere. Poi invece la Giustizia trionfò (impossibile non farlo con i filmati che lo inchiodavano all’amara verità dei crimini compiuti) ed arrivò la condanna a 16 anni.
Condanna che la corte d’appello ha riconfermato, fino all’ultimo giorno.
E così Pietro Materi ex insegnante di sostegno per bimbi disabili resta in carcere. 16 anni sono tanti in Italia. 16 anni fatti da pedofilo possono essere un’eternità.
Intanto anche la Svizzera si prepara a giudicarlo, per aver “affittato” là un bimbo disabile ed averlo abusato con la complicità del padre del piccolo, che gliel’aveva affittato dopo aver messo un annuncio in un sito internet di pedofili.
Cliccando il suo nome tra le “categorie” recuperate tutta la storia, la video intervista al padre di una delle vittime e la sentenza di primo grado.

 

Abusa la figlia disabile e dice al figlio:” così si fa con le donne, impara”.

Due figli. Gemelli. Un maschio ed una femmina. Entrambi disabili (lei all’80% lui al 100%).
Il “padre” abusava la figlia. Davanti al fratello. Dicendogli:
“impara come fare con le donne”.
Da l’altro ieri per fortuna il predatore è in carcere, con queste accuse:
”maltrattamenti in famiglia, lesioni e violenza sessuale ai danni dei figli e – limitatamente alle percosse – della moglie.”
L’intera famiglia viveva in un regime definito dagli inquirenti di “schiavitù”. Oltre agli abusi ed alle percosse le minacce. In un’occasione la moglie disse al marito che se ne sarebbe andata portando via al sicuro i figli e lui li chiusi tutti in casa: “perché la famiglia doveva rimanere unita”. Tempo fa la madre rimase a casa in malattia e lui continuò ad inveire contro di lei, perchè non andava “al lavoro”. Il motivo: con lei a casa, era nervoso perché non poteva abusare della figlia.
Questi crimini si sono consumati in un paese alle porte di Milano. Pochi giorni fa. Ma sembra di parlare del Medio Evo e di chissà quale terra lontana da noi. Mentre invece era l’ennesimo, bravo, vicino di casa…..

Orrore senza fine: segrega per 40 anni le figlie disabili, per abusarle!

ABUSA LE FIGLIE DISABILI PER 40 ANNI!
Non c’è davvero limite all’orrore.
“Austria sotto choc: un padre di famiglia ha tenuto segregate e violentato le sue due figlie, entrambe disabili mentali, per ben 40 anni. Dopo aver trascorso gran parte della loro vita subendo ogni sorta di abuso, le donne sono riuscite a fuggire solo lo scorso maggio e hanno denunciato alla polizia il padre, ormai ultraottantenne. Il dramma si e’ consumato in un piccolo villaggio dell’Alta Austria, St. Peter am Hart, dove l’uomo teneva le figlie chiuse a chiave in una piccola cucina.” FONTE: IL SECOLO XIX

Abusi su donna disabile. La sentenza di condanna di Aurelio Baisotti, di Borno (Bs), “bravo parrocchiano”.

Abusi su donna disabile. La sentenza di condanna di Aurelio Baisotti, di Borno (Bs), “bravo parrocchiano”.

Una delle battaglie di cui andiamo più fieri come Prometeo, tra quelle a cui questo Blog ha dato una forte eco, è quella sugli abusi sessuali a danno di bambini (e donne) con gravi disabilità.
Abusi che sono tanti. Tantissimi.
Nel mondo.
In Italia.
Spesso impuniti. Ancora più impuniti degli “altri”, per l’ovvia difficoltà da parte delle vittime di gridare la propria richiesta d’aiuto, non certo il proprio dolore, poiché quello sì che viene gridato, anzi urlato, forte, al mondo distratto.
Abbiamo dato il via a questa nostra campagna partendo da questa testimonianza, unica, forte, necessaria, quella di un padre meraviglioso, le cui parole ed il cui esempio sono una vera e propria lezione di vita:

Parte1:
http://www.youtube.com/watch?v=SDgUK5xCgnc
Parte 2/2:
http://www.youtube.com/watch?v=axDm2XPQhC4

E da qui abbiamo continuato con articoli dai vario tipo (qua ne riportiamo giusto un paio, che vi chiediamo di rileggere e diffondere):
http://www.massimilianofrassi.it/blog/abusi-su-un-disabile-macche-e-la-terapia-civettini.html

http://www.massimilianofrassi.it/blog/abusi-su-bambini-disabili-9-anni-di-condanna.html

E soprattutto questo:
http://www.massimilianofrassi.it/blog/abusi-sessuali-sui-bambini-disabili-come-avvengono-perche.html ).
Oggi torniamo a farlo, avendo letto la sentenza di condanna di primo grado di questa persona, della quale già parlammo quando il fatto emerse e ci fu la condanna di primo grado:

http://www.massimilianofrassi.it/blog/violenta-disabile-condannato.html

Vi chiederete perché oggi, a distanza di tempo (neanche molto a dire il vero) ne parliamo e perché non l’abbiamo fatto, come siamo soliti fare, uscendo proprio “sul pezzo”, puntuali.
Semplice. Perché le cose per la vittima non sono cambiate.
Perchè continua a stare male.
Perchè non può andare nei negozi del paese ma va a fare la spesa altrove.
Perché le sue notti sono popolate da incubi e si addormenta, esausta, solo in tarda mattinata, mente nel sonno chiede aiuto alla mamma defunta, “mamma mamma dove sei aiutami!”.
Perché sia da monito a tutti i difensori ad oltranza di soggetti così.
Perché c’è chi dice che “poi la ragazza non è nemmeno disabile (quindi la si poteva violentare liberamente?) e si vede che recita”.
Perché in chiesa la gente durante la Messa non le stringe la mano invertendo il “segno di pace” con un segno di guerra.
E allora se guerra deve essere guerra sia.
Dopo la lettura chiunque ancora difenda chi le ha fatto del male sarà identico all’abusante. In tutto e per tutto.
A questi soggetti dedichiamo le righe che seguono e tutto quel altro materiale, soprattutto le registrazioni telefoniche (intercettazioni ambientali) dei carabinieri, tra il predatore e la preda, materiale che non pubblichiamo per evitare che il vostro disgusto tracimi oltre ogni umana sopportazione.
Partiamo dalla sentenza, riportandone le motivazioni integrali, con una piccola premessa. Che serve per inquadrare i due protagonisti di questa turpe vicenda, le cui biografie riassumiamo così:

– Predatore: AURELIO BAISOTTI, classe 1954

Residenza: BORNO (provincia di Brescia)

Attività: gestisce una pizzeria, è molto impegnato nel sociale, ex assessore ai servizi sociali, molto attivo in parrocchia (e dalla Parrocchia difeso a spada tratta).

Segni particolari: insospettabile. Tutore della ragazza.

– Preda: “Stella” (nome di fantasia).
Nasce in una famiglia con diversi problemi. Due dei suoi quattro fratelli sono gravemente disabili come lei (sono affetti da cerebropatia infantile).
Dalla nascita lei è affetta da oligofrenia ed invalida al 100%.
Nel periodo in cui gli abusi si intensificano ha perso nel giro di pochi mesi il cognato (morto suicida dopo una grave depressione in seguito alla perdita del posto di lavoro), la sorella, la madre e la nipote (morte a distanza di mesi l’una dall’altra per il medesimo incidente stradale).
L’età mentale è di 3 – 7 anni. Di fatto una bimba piccola piccola rinchiusa in un corpo grande grande. Quoziente intellettivo: 35 – 50 (bassissimo ma comunque il doppio di chi la emargina).
È seguita dal servizio sociale e da un noto e stimato centro che si occupa di persone disabili, centro dove troverà la forza di chiedere aiuto (per la seconda volta. La prima pare l’avesse chiesto, anni prima, altrove……inascoltata….pare….).
Ma torniamo subito ai fatti, che emergono grazie ad una attenta e scrupolosa assistente sociale che segnala ai Carabinieri (di Breno…) quanto le era stato riportato da un’operatrice sociale che aveva raccolto le confidenze di “Stella”, la quale a sua volta in lacrime le aveva raccontato dell’ultimo (in ordine di tempo) abuso da parte del Baisotti che l’aveva obbligata d un rapporto anale “molto doloroso”.
Ci fermiamo subito ed apriamo una parentesi:
le persone disabili, proprio per la loro disabilità, sono forse ancora più credibili delle persone non-disabili.
Inoltre quando qualcuno racconta un abuso subito non lo fa ripetendo pappagallescamente una storiella a memoria, ma lo fa con racconti narrati con un’esplosione di vissuti, con tutti i sensi chiamati in causa (l’olfatto…il tatto…il gusto…) e via dicendo. Chiusa parentesi.
Aggiungiamo solo che merita un plauso il lavoro fatto dalle forze dell’ordine (comando dei Carabinieri di Breno). Ottengono subito di mettere i telefoni di tutti sotto controllo (presunta vittima, presunto abusante, amici e operatori sociali vari) e quello che si trovano ad ascoltare è letteralmente vomitevole.
Baisotti che telefona alla vittima, che la minaccia, che si masturba al telefono, che parla liberamente dei precedenti rapporti sessuali avuti con la vittima medesima.
Le indagini confermeranno che gli abusi andavano avanti da anni. La ragazza veniva abusata a casa sua. A casa del predatore/tutore, addirittura sul tavolo della pizzeria che lui gestiva.
Inoltre la vittima veniva minacciata di non dire nulla a nessuno. Se l’avesse fatto sarebbe stata “picchiata” e non avrebbe ricevuto i soldi per poter vivere, soldi di lei ma che amministrava lui in qualità di tutore.
Questi i fatti principali. Avvalorati anche dalle perizie a cui la vittima viene sottoposta, che ne confermano la totale attendibilità e spazzano via certi folli dubbi (“una volontà calunniatrice non sarebbe coerente con la sua personalità”) e dall’incidente probatorio (che si rivela dolorosissimo per la vittima, ma importante ai fini processuali: “nel corso dell’esame protetto effettuato in dibattimento, “Stella”, esaminata in maniera opportuna attraverso le domande, mai suggestive, ha, in maniera anche drammatica, con frequenti accessi di pianto – come emerge dalla videoregistrazione – confermato quanto già rivelato…”).
Un passaggio dovrebbe essere tenuto conto per tutte le sentenze:
“va ricordato che ci troviamo di fronte ad un soggetto che ha uno sviluppo mentale dai 3 ai 7 anni e che non è in grado in alcun modo di costruire con coerenza un castello accusatorio senza cadere in contraddizione ed incertezze nel corso dei vari racconti…”.
Ma se non bastasse la voce della vittima. Il suo dolore. I suoi racconti, ecco allora quella che viene chiamata la pistola fumante, la prova provata del crimine:
“è dal contenuto delle intercettazioni telefoniche che il racconto della persona offesa riceve un riscontro che non lascia spazio a tesi difensive”.
Qua la tentazione di copiare brani della sentenza con i passaggi dove lui parla è mooolto forte. Ma non lo facciamo. Solo per non dare dei dettagli che potrebbero risultare morbosi. Ma che, diciamolo, sono molto volgari. Volgarissimi. E rendono alla perfezione, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la gravità del fatto.
Certo è che il bravo volontario parrocchiale lascia a bocca aperta per il linguaggio usato e per quella che i Giudici definiscono una “sessualità deviata e depravata”.
Arriviamo allora alla parte corposa della sentenza, quella con i capi di imputazione e la condanna ad anni 7 di reclusione (rigettando la richiesta di sostituzione della misura cautelare in carcere con i domiciliari presso la Comunità sacerdotale della Parrocchia di Santa Maria della Stella a Rivoli (To), condannato a sette anni per questi motivi:

–         (…) perché con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, abusando delle sue condizioni  di inferiorità psichica e della sua qualità di tutore, costringeva “Stella” affetta da oligofrenia, di cui era stato nominato tutore (…), a subire atti sessuali anche per via anale presso la pizzeria da lui gestita, presso l’abitazione dello stesso e presso l’abitazione di “Stella” medesima, come di fatto accadeva ripetutamente da diversi anni ed in particolare accadde (…) quando la convinceva telefonicamente a recarsi a casa sua a ritirare la cartella sanitaria, che a suo dire le avrebbe consegnato in sua assenza la moglie, facendosi trovare in casa nudo, cercando di imporle di sottostare ad un rapporto sessuale completo con lui, nonché peraltro in diverse occasioni cercando di costringerla più volte a subire atti sessuali senza tuttavia in quei casi riuscire nell’intento criminoso per cause indipendenti dalla sua volontà, molestandola a tal fine, per indurla ad accedere ai suoi desideri sessuali,ripetutamente per telefono, con insistenti inviti, non accolti, ad accettare di incontrarlo, accompagnando in quelle circostanze le parole con atti di masturbazione sulla sua persona, di cui dava esibizionistiche comunicazioni verbali durante le telefonate della donna.
Con le aggravanti aver abusato della sua qualità di tutore e di avere inoltre abusato della palese condizione di inferiorità psichica della donna.

–         (…) perchè, in esecuzione del medesimo disegno criminoso, al fine di conseguire l’impunità dei reati costringeva “Stella” a non rivelare el violenze sessuali subite e comunque il suo comportamento morboso finalizzato ad indurla a concedersi a lui, minacciandola…”.

Continua:
domani mettiamo dove si trova lui oggi. Come se la passa. E una deposizione tutta da leggere, quella di uno dei tanti soggetti che lo difesero.

Abusi sui bambini disabili. Una testimonianza “storica”.


Pedofilia & Disabili.
Prendetevi 10 minuti. E per favore guardate con attenzione questa lezione di vita. Poi fatela girare ovunque (come sempre). Per la prima volta in Tv siamo riusciti a portare la voce dei bimbi disabili vittima di abusi.
E che voce. Quella di una Padre, MERAVIGLIOSO!
Credetemi se vi dico che questa apparizione segna un momento “storico” nella lotta alla pedofilia. Momento che ha aperto un varco importantissimo e generato un numero elevato di segnalazioni al riguardo. Cogliamo l’occasione anche per ringraziare tutto lo staff di Mattino 5.

Parte1:
http://www.youtube.com/watch?v=SDgUK5xCgnc

Pedofilia & Disabili Parte 2/2.
http://www.youtube.com/watch?v=axDm2XPQhC4

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe