Archivi per la categoria ‘cultura pedofila’

Le vergognose dichiarazioni del prete pedofilo arrestato a Roma

Sconvolgenti anzi no, mi correggo, irritanti le dichiarazioni del sig.Placido Gredo, sacerdote di Fiumicino per gli amici noto col nome d’arte di Don Dino, arrestato nei giorni scorsi. Nel pc 4mila immagini compromettenti, delle quali 1700 sicuramente pedopornografiche già visionate dagli inquirenti e da lui realizzate:
“si era sparsa la voce che sono bravo a scattare foto di nudi, Così diversi ragazzini mi hanno chiesto di realizzare dei book per sfondare nel cinema erotico. Mi sono prestato, credendo di aiutarli. Ma non mi sono mai spinto oltre, non ho mai sfiorato un bambino, mai preso dei soldi.”
Ecco ora mi aspetto che dopo l’assoluzione perché “incapaci di intendere e di volere” e quelle, sempre più diffuse per “prescrizione dei termini” si aggiunga una nuova definizione: “assolto in quanto benefattore”.

p.s.: attendiamo quindi la pubblicazione della sua versione della Bibbia, già perché il sacerdote aveva pure riscritto la Bibbia. Con un altro squallido particolare: è in chiave erotica e con 12 bambini sostituiti agli apostoli.

don placido greco prete pedofilo

 

Dalla pagina Facebook di Massimiliano Frassi.
A cura di Blog Staff.

L’ABILE DISABILITA’ DEI PREDATORI DI BAMBINI.
Abili sono abili. Questo, almeno, dobbiamo ammetterlo.
Abili nell’ingannare chi sta loro accanto, in primis.
Ed abili nel circuire le prede. Insinuarsi, strisciando, nelle pieghe della loro esistenza, e come serpenti velenosi, dopo averle strette tra le proprie spire, abusarle.
A volte scadono nel ridicolo ed “osano” un po’ troppo. Quando ad esempio fanno i corsi di formazione, insegnando agli altri come occuparsi dei bambini. O quando, come è accaduto questa estate, danno la colpa al gatto, reo di aver scaricato lui nel pc del materiale pedopornografico: ma queste sono le eccezioni. L’anello debole della disabile categoria.
Il più delle volte invece, lo ripeto sono furbi.
Come dimostra questo post apparso su uno dei”loro” forum americani.
Il pedofilo in questione ah trovato il modo di arrivare alla bambina che a lui piace. Quale? Semplice, quello di innamorarsi della sua mamma, entrando così facilmente in casa.
E mentre lei, già ce la immaginiamo, dire alle amiche di quanto fortunata sia ad avere un compagno così buono con la sua piccolina, lui scrive:
“lei ha 10 anni e per stare con lei ho iniziato una relazione con un altro membro della sua famiglia, la madre. La piccola mi dice ogni giorno “vorrei che tu fossi il mio papà” e mi considera già come un fratello, come il suo migliore amico. Lei mi adora ed io ho finalmente l’opportunità di passare con lei l’intera giornata, tra coccole, baci e abbracci”. Tenero vero???!

LA PAROLA AI PREDATORI.
Essere pedofilo non costituisce per me motivo di tormento, non lo percepisco come un problema.
La gente avverte in persone come me una minaccia, questo mi rattrista molto. Non ci sono distinguo nell’opinione pubblica, "pedofilia" si usa nel linguaggio corrente al posto di "violenza sessuale su minore", snaturandone totalmente il significato. Questo è il frutto di una paura incontrollata, irrazionale, che mi spaventa.

Non ho uno “young friend”, però mi piacerebbe stare più a contatto con i bambini, magari facendo volontariato, rendendomi utile.

Quando vedo un bambino ridere sono felice anch’io, dentro di me si accende un po’ di felicità. Posso dire che sono contagiosi, ti contagiano con i loro stati d’animo, con i loro sentimenti.

 
Il mio amore era immenso e l’età non costituiva certo un ostacolo. Quando però le circostanze della vita ci separarono mi accorsi, quindi piuttosto tardi, di non essere in grado di amare nessun altro uomo e che solo i bambini continuavano ad emozionarmi come molti anni prima.

SPIAGGIA
PREMESSA: L’estate dell’anno scorso (o di due anni fa….acc non ricordo….) mettemmo un post dove si invitava i genitori a prestare maggiore attenzione nelle spiagge, applicando delle misure di “sicurezza” piccole ma necessarie (“non lasciare i bimbi nudi, mettere sempre un costumino, non lasciarli fotografare da estranei, etc.”).
Ricevemmo molte lettere di persone i cui figli erano finiti nell’obbiettivo di soggetti poi arrestati proprio per detenzione di materiale pedo. ; oggi torniamo sulla notizia, recuperando un’agenzia di alcuni giorni fa e riportando poi una lettera di un “grande amico” del blog, la cui lettura consigliamo solo a stomaci forti……

Fin dove ci si può spingere nella follia pedofilia?

Me lo chiedo pressoché a cadenza giornaliera.
Ed ogni volta mi rendo conto che certe storie neanche se le inventassimo, riusciremmo a renderle così.jack
Il ragazzo (?) che vedete nella foto si fa chiamare “Jack” Kaiser ed in realtà al di là dell’aspetto è…… una donna, la quale grazie ad una cura a base di testosterone cerca di apparire come un uomo, meglio, come un ragazzino di 14 anni.
Così, con tale aspetto può agganciare in rete altri adolescenti, senza destare alcun sospetto. L’uomo che vedete nella foto è il suo compagno. Anche lui cacciatore.jack 2
Vi basta? A me no. nei siti che frequenta invita I ragazzini ad avere rapporti con adulti. Questo un suo messaggio (che nella traduzione in italiano perde purtroppo l’utilizzo dello slang giovanile che la bastarda utilizza): “bisogna smettere di credere a cosa scrivono i giornali, è possibile che i bambini vogliano fare sesso, io stesso che ho 14 anni potrei farlo con un adulto”.
Per ora la pedofila è sotto osservazione da parte della Polizia ed ah già ricevuto molti avvertimenti affinché la smetta di scrivere certe cose. Ovviamente non si ferma ma continua, come sempre accade, con altri pseudonimi.
Qua la/lo vedete in azione:
http://www.youtube.com/watch?v=iz6r80xigpY
 

Riporto dal blog degli amici di Ab. Zero alcune frasi di pedofili. Per un attimo cado in tentazione di dare loro ragione….poi la razionalità ha la meglio e dico a me stesso, ed a voi, che non può essere così:
a) le leggi non funzionano….tutta la vostra tolleranza zero, tutti i registri (di sexual offenders) del mondo, non potranno prevenire un assassino dall’uccidere, un ladro dal rubare…uno stupratore dallo stuprare
b) il loro potere non può fermare un accidenti…un’intera generazione è cresciuta in un mondo integrato “pedoeroticamente”
c) non ci ridurrete mai al silenzio. Combatteremo per i nostri diritti e non c’è nulla che possiate fare.
Voi cosa ne pensate?

SPECIALE QUARK.
L’evoluzione della specie (aliena).
movie with an alien
“I genitori mandano i propri figli a scuola affinché possano avere un’educazione, gli insegnanti poi insegnano loro ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, mentre i dottori si assicurano ad esempio che non siano malati o malnutriti, e via dicendo….. Tutte queste cose sono considerate degli atti morali e tutte sono fatte senza il consenso del bambino.
Pertanto, legittimo chiedersi, e allora perché il sesso deve avere un consenso? Suggerisco che se è veramente un atto morale, fatto davvero nell’interesse del bimbo, allora il consenso dovrebbe essere irrilevante. Il sesso è piacere, quindi cosa c’è di sbagliato nello spingere il bambino a ricevere piacere?”.

Il nuovo orgoglio pedofilo: ALICE’S DAY.
 alice2
Ciò che più colpisce chi come il sottoscritto lotta ogni giorno contro i pedofili ed i loro sostenitori non è più (solo) la tipologia di abuso messa in atto, grave delinquenza che credo vincerebbe ogni classifica della categoria crimini repellenti, ma la spavalderia, la sfacciataggine, l’arroganza dimostrate.
Non c’è predatore di bambini che oggi non giochi la carta della visibilità, posando piangente in qualche bel salotto televisivo o su qualche rivista patinata. Non c’è suo sostenitore che non marci e predichi a favore della specie.
Ma non finisce certo qua. Non sazi per gli abusi perpetrati, da alcuni anni i pedofili festeggiano il boy love day, giornata dell’orgoglio pedofilo. Come se non bastasse la festa cade due volte all’anno. Ma a quanto pare ancora non sono sufficientemente appagati ed hanno quindi ancora più bisogno di festeggiare il proprio deviato io.
Per questo domani 25 aprile, ma pochi lo sanno, nel mondo intero si festeggia una terza giornata, battezzata “Alice’s day”, il giorno di Alice. Dedicata a Lewis Carrol, l’autore del libro “Alice nel paese delle meraviglie”, libro peraltro molto amato nel mondo pedofilo, Alice’s day è la festa dei pedofili “attratti sessualmente dalle sole bambine”. Pedofili quindi che, rispetto alla specie che va a caccia di chiunque abbia un’età sufficientemente piccola, indirizzano le proprie pulsioni solo verso le bambine. Oggi questi predatori si racconteranno, nei loro blog lasciati impunemente on-line, di quanto sia bello far l’amore da Trieste in giù. Meglio se con una bimba. Magari di tre anni.

ce174e373347ebb933c26b6d6583b2e1“La nostra missione è di unire i “sex- offenders” (predatori di bambini!), le loro famiglie, i loro amici, in una campagna su scala nazionale per educare la società sulle verità inerenti i sex-offenders, la recidività, e gli effetti che una legge restrittiva ha su di loro, sui loro figli, sulle loro famiglie, e sulle generazioni che verranno.
Per questo innanzitutto dobbiamo dare massimo supporto ai sex-offenders, a chi sta loro intorno e far capire chi sono le vere vittime….”.
Dal manifesto del gruppo di sostegno “vere vittime” delle pedofilia.

COME I PEDOFILI SI GIUSTIFICANO………
Oramai chi segue da vicino questo blog è abituato a leggere da parte dei pedofili e dei loro sostenitori le più assurde affermazioni. Tanto ipocrite quanto volgari. Stupide quanto fuori da ogni logica.
Questo vale anche per quanto sto per riportare. Un articolo “educativo” apparso in un sito americano di gente che fa una distinzione, tra i “molestatoridi bambini” (i cattivi della storia) ed i “girllovers” (letteralmente amanti delle ragazzine).
L’analisi del passaggio vorrei avesse un valore puramente antropologico.
lucifer20flippedwh2Un mezzo in più per capire una stirpe assai diffusa:
quella dei predatori di bambini.
Questi alcuni passaggi che vi ho tradotto e che, mi sforzerò, di non commentare. Anche perché come spesso capita si commentano da sé.
Unica nota, l’interlocutore a cui si rivolgono non sono gli adulti, ma le bambine stesse……:
“Care bambine, voi provate probabilmente due tipi di amore nei confronti degli adulti, un “family love”, l’amor per la famiglia ed il “friendly love”, l’amore amichevole, verso chi familiare non è ma di quella famiglia è frequentatore in quanto amico.
Voi amate i vostri genitori, gli zii, i nonni ma anche alcuni amici che frequentano la vostra casa. Ci sono poi altri adulti (interni o esterni a questo mondo) che provano una profonda attrazione (attenti alle parole!!!!!) per la bellezza fisica e spirituale delle bambine. Queste persone sono chiamate girllovers. angelo
I girllovers amano spendere il loro tempo con le bambine, apprezzano i loro pensieri e le loro emozioni ma soprattutto amano guardare il mondo con i vostri occhi!
Molto tempo fa (sic!) i girllovers erano chiamati pedofili. Tornando indietro nel tempo a quei giorni la gente capì finalmente che i pedofili erano solamente persone che amavano i bambini allo stesso modo in cui oggi i girllovers amano le bambine. Sfortunatamente ancora oggi se la gente sente la parola pedofilo pensa ad un child molester, ad un molestatore. Un molestatore è qualcuno che fa del male ad un bimbo. I girlovers non amano per niente i molestatori e pensano che i molestatori dovrebbero andarsene in carcere, mentre un gilrlover vuole solo fare del bene e rendere felici le bambine.
Qua sta la differenza tra il molestatore e il girllover: questi ultimi vogliono solo dare e amare, mentre il molestatore vuole solo prendere e non è interessato all’amore”.
 
Ora sì che è tutto più chiaro………….my God, anzi,
Mio Dio………
Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe