Archivi per la categoria ‘don mauro stefanoni’

Abusò di bimbo disabile. Prete in carcere!

Abusò di un bimbo disabile. Prete in carcere,. È finalmente entrato in carcere, con una condanna definitiva a 8 anni di carcere (ma la pena residua da scontare è di 7 anni 6 mesi e 8 giorni), don Mauro Stefanoni, ex parroco di Laglio, reo di aver abusato un bimbo affetto da un deficit mentale. Da ieri si trova nell’accogliente carcere di Bollate, insieme a tanti altri predatori, tutti riuniti lì. Ve liimmaginate i dialoghi? “Tu come facevi?”. “ Sai, io li cacciavo così”. “Ricordo quella volt ain cui entrai in quel asilo dove…”. Meglio fermarsi qua!

Rinviato il processo a Don Mauro Stefanoni

Era stato fissato per ieri l’ultimo grado di giudizio per don Mauro Stefanoni, l’ex parroco di Laglio (Como) condannato in primo e secondo grado a otto anni di reclusione per violenze sessuali ai danni di un ragazzino con un lieve ritardo mentale : ma dato che in Cassazione c’erano troppe udienze, è stato rinviato. In data peraltro nemmeno fissata.
Un caso? Ma certo che sì.

Il 23 novembre fissata la sentenza per Mauro Stefanoni

chiesa e pedofiliaFissata per il 23 novembre la sentenza per don (?) Mauro Stefanoni, ex parroco di Laglio già condannato in primo grado per abusi “su un bimbo disabile di 15 anni, ma che mentalmente ne ha soli 8”.
Nel frattempo i suoi legali hanno ottenuto la possibilità che venga fatta una perizia…..sul suo organo sessuale, che per alcuni “difetti” pare lo rendesse impossibilitato ad abusare.
Ora, evitando oculatamente commenti maliziosi/volgari, né tantomeno battutacce,
e evitando stavolta di riportare i racconti degli abusi (adatti solo a stomaci forti), ricordiamo solo alcuni aspetti, poco noti della vicenda.
Pare che Stefanoni, avvisato delle indagini su di lui, non abbia pensato ad una denuncia da parte dei genitori del bimbo disabile, bensì al ragazzo con cui da tempo aveva una relazione.
Molto intima. E remunerativa per le compagnie telefoniche, dato che la Polizia dirà esserci state una media di 44 telefonate al giorno tra i due. Addirittura su 2.800 telefonate fatte sul telefono dell’ex sacerdote, nell’arco di 53 giorni, ben 2.300 erano con il ragazzino (classico bravo ragazzo, fidanzato, etc. etc.).
Ma non basta, ricordiamo anche quali nickname era solito usare l’ex sacerdote per le sue navigazioni in internet:
“bimbo” (sic), “frocetto” (ari sic), “sborra gay”, “sborra boy”.
Potremmo continuare ma per stavolta basta così.
Aspettiamo quindi questa nuova perizia , che dubitiamo fermamente possa cambiare il pesantissimo quadro probatorio.
\

Dopo il sito pro-Conserva un altro caso di mala società.
don mauro stefanoni
A Colico si raccolgono firme per Mauro Stefanoni, recentemente condannato per abusi su un bimbo disabile. Si punta a raggiungerne almeno duemila ed al momento pare ce ne siano 1400.
Motivo della raccolta promossa da alcuni parrocchiani, la solita solfa: “da noi è stato bravo, ha fatto tante cose, etc.” come se i pedofili notoriamente andassero in giro dicendo di esserlo o comportandosi male……
Ancora una volta comunque la storia si ripete come dimostra questo passo dal mio libro “I predatori di bambini”: “Un prete era solito portare ogni anno 32 bambini a una fiera. Trentuno di loro pensavano che fosse il miglior prete che avessero mai potuto avere, ma una di queste bambine subiva abusi sessuali da parte sua, da oltre cinque anni. Quando il prete fu accusato, scrissero trecento lettere a suo sostegno, perché era il miglior prete che la parrocchia avesse mai avuto. E la bimba fu emarginata. Lui però tempo dopo confessò. Abusi su di lei e su diversi bambini di un’altra parrocchia.
 
In compenso però a questo schifo si affianca una notizia gradita quanto inaspettata, la seguente:
<<Il vescovo di Como, monsignor Diego Coletti, ha deciso di ”non confermarè’ don Mauro Stefanoni nel suo incarico alla parrocchia di Colico, in provincia di Lecco. Venti giorni fa don Stefanoni, ex parroco di Laglio, è stato condannato in primo grado a otto anni di detenzione per violenza sessuale. Il vescovo ha scritto di non potersi ”considerare irrilevante e senza conseguenze il pronunciamento in primo gradò’. Don Mauro Stefanoni è accusato di avere abusato di un minorenne, che nel 2004 si convinse a denunciare il prelato. Il 29 maggio il Tribunale di Como ha condannato don Stefanoni a otto anni di reclusione più un risarcimento alle parti civili per un totale di 180mila euro (120mila al ragazzo e 30mila ciascuno ai due genitori).>>

È stato condannato l’ex parroco di Laglio don Mauro Stefanoni prete pedofiload 8 anni di reclusione in primo grado, per violenza sessuale su un minore.
Attualmente il sacerdote (….) opera presso la parrocchia di Colico.

POST IT.
Parte il processo a Don Mauro Stefanoni, parroco di Laglio, accusato di aver abusato di un ragazzino handicappato.
<<La difesa sostiene che Don Mauro non può aver commesso atti di pedofilia e a sostegno della tesi offre una perizia secondo la quale il religioso avrebbe problemi sessuali per ‘scarsa dotazione’. Dal canto suo la Pubblica Accusa, forte del materiale pedopornografico trovato nell’abitazione del prete e scaricato da internet, ritiene che "certe squallidità possono essere fatte in molti modi".>>

Pedofilia, 227 testi a processo contro sacerdote
Durante la perquisizione dell’ abitazione del religioso, la Mobile di Como trovò materiale pedopornografico.
COMO. Si è sempre difeso respingendo ogni ipotesi accusatoria di violenza sessuale. Lo ha fatto davanti al Giudice dell’Udienza Preliminare di Como, Nicoletta Cremona, senza evitare il rinvio a giudizio con l’accusa di essere un prete pedofilo.
E il suo processo inizierà domani davanti al giudicante di Como (Presidente Donato Bocelli, a latere Luciano Storace e Paola Braggion). La prima udienza avrebbe dovuto svolgersi già nel marzo scorso ma i suoi difensori (Martinelli di Monza e Bomparola di Milano) ottennero uno slittamento per ragioni di salute dell’imputato. Sarà una difesa strenua la sua contro i 22 testimoni, oltre a cinque periti, convocati dal Sostituto Maria Vittoria Isella della Procura di Como. Ben 182 quelli che saranno portati in aula dalla difesa. Sul banco degli imputati il 39enne Don Mauro Stefanoni, ex parroco di Laglio e Brienno (Como) arrestato dalla Squadra Mobile di Como durante un pranzo di nozze con l’infamante accusa di aver abusato sessualmente di un ragazzino di 14 anni, disabile psichico. Tra i primi testimoni la presunta vittima che ha accusato il religioso. Sarà, in sede ‘privatà il Collegio giudicante, supportato da uno psicologo, a rivolgere le domande al ragazzo. Don Mauro, intanto, continua a proclamarsi innocente. A far scattare l’inchiesta, coordinata dal Sostituto Vittorio Nessi, ora in forza alla Procura di Torino, erano stati l’anomalo comportamento e le confidenze del ragazzino. I familiari, assistiti dall’avvocato Nuccia Quattrone, si sono costituiti parte civile. Don Mauro è dal maggio 2005 agli arresti domiciliari presso l’abitazione dei genitori a Cantù. Stando alle risultanze investigative, avrebbe abusato più volte del ragazzino. Ma lui, attraverso una perizia medica, respinge l’accusa sostenendo di non essere in grado di compiere azioni sessuali. Durante la perquisizione della sua abitazione, la Mobile di Como trovò materiale pedopornografico. Inoltre il computer del sacerdote, conteneva centinaia di siti internet ‘vietatì. Il processo si giocherà sulla credibilità del 14enne: secondo gli psicologi del Tribunale è pienamente attendibile, per quelli della difesa è un mitomane. Secondo Procura e Gup pienamente attendibile.
Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe