Archivi per la categoria ‘donne maltrattate’

I negazionisti del femminicidio – Un articolo di Loredana Lipperini che facciamo nostro.

I negazionisti del femminicidio.

Riporto un articolo che tante di voi ci hanno segnalato. Non ha bisogno di commenti, da parte nostra vista la completezza dell’analisi. Leggetelo con attenzione, grazie.

AUTRICE DELL’ARTICOLO: LOREDANA LIPPERINI.

Fabrizio Tonello, Davide De Luca, “Daniele”, Sabino Patruno. Sono, nell’ordine, un docente di Scienza dell’Opinione Pubblica, un giornalista a cui “piacciono i numeri e l’economia”, un laureato in filosofia che scrive per Vice e un notaio.
Cos’hanno in comune è presto detto: una serie di post (sul Fatto quotidiano, Il Post, Quithedoner, Noisefromamerika), pubblicati a distanza ravvicinata e decisamente simili nei contenuti, nelle conclusioni e nel commentarium, nei quali dichiarano il femminicidio vicenda montata mediaticamente e fondata su numeri sbagliati. Ci sono, naturalmente, varianti nei toni usati: da quelli gelidi di Tonello nel distinguere l’assassinio di una donna dallo sfregio con l’acido (“dalla tomba non si esce, dall’ospedale sì”), a quelli sprezzanti di De Luca, passando per l’esposizione dotta di Patruno fino alla “bava alla bocca” delle “neofemministe” evocata con compiacimento da Davide-Quit the doner.
Cosa altro hanno in comune questi post, a livello generale? La sensazione che, tutti, si rivolgano a interlocutori che hanno le sembianze di spettri, e che quegli spettri esistano solo nella loro testa, si tratti di giornalisti distratti, politici occhiuti, femministe, appunto, bavose. Non donne e uomini reali, ma caricature. Come se la denuncia del femminicidio venisse da un soggetto unico, che è facile incarnare nel vecchio stereotipo della femminista arrabbiata, livorosa, profittatrice, isterica, bisbetica. Le argomentazioni, infatti, non vengono quasi mai riferite a chi le ha effettivamente usate: si denuncia all’ingrosso complottismo, uso sbagliato o addirittura truffaldino dei dati, voglia di sensazionalismo, senza mai fare nomi e cognomi; come se tutte e tutti coloro che si sono occupati e si occupano del tema fossero indistintamente accomunati da intenzioni subdole, ignoranza, protervia, isteria, ricerca affannosa di un attimo di celebrità.
Veniamo al punto. Le argomentazioni statistiche usate dal drappello sono quattro.

a. Il numero di donne uccise è costante negli anni e l’incremento percentuale è dovuto al fatto che vengono uccisi sempre meno uomini, per cui il femminicidio non esiste;
b. In Italia le morti di donne sono di molto inferiori alla media internazionale, quindi il femminicidio non esiste;
c. Dalla combinazione incestuosa di a. e b., discende la variante forse più stupefacente di negazionismo statistico: siccome la frequenza delle donne uccise registra dei minimi – nel tempo e nello spazio – che si collocano attorno al valore di 0,5 casi l’anno ogni 100.000 abitanti, se siamo in prossimità di quel valore (e in Italia lo siamo) abbiamo raggiunto il “minimo fisiologico” e possiamo essere sereni;
d. I dati non sono attendibili in quanto raccolti in modo non scientifico, quindi il femminicidio non esiste;

Le argomentazioni “politiche” sono invece tre:

1. Non esiste un’emergenza femminicidio, si tratta di un fenomeno a bassa intensità costante nel tempo e anzi in calo;
2. E’ stato fatto del mero sensazionalismo, creando la percezione di una escalation che i dati non confermano e anzi smentiscono;
3. Non ha senso chiedere leggi più severe per gli omicidi derivanti da questioni di genere, perché la vita di una persona non è più preziosa di quella di altre persone.

La cosa che impressiona è che il drappello dice cose molto simili a quanto sostenuto da Michela Murgia e da me, ma arrivando a conclusioni opposte. Certo, i dati sono pochi e confusi, perché non esiste un’indagine statistica dedicata. Certo, bisogna porre la massima attenzione quando i numeri vengono forniti. Certo, le leggi repressive non hanno senso né utilità (ne ha invece il lavoro culturale e di formazione, la moltiplicazione dei centri antiviolenza e il loro finanziamento). Certo, se il femminicidio fosse un’emergenza contingente potrebbe essere studiato e circostritto, ma il femminicidio è fenomeno endemico e drammatico. E, certo, i numeri ci dicono che altrove si uccide di più. Per chiarezza, ecco un passo da L’ho uccisa perché l’amavo:

“ Gli statistici improvvisati vanno, abitualmente, in cerca di rapporti, specie le statistiche dell’Onu sull’omicidio (UNODC homicide statistics) grazie alle quali si può sottolineare che si ammazza di più in Nord Europa, ma guarda, proprio nei paesi più emancipati e dove le donne sono più libere, e dunque la percentuale di morte è in Norvegia il 41,4% in Svezia e Danimarca il 34,5% in Finlandia il 28,9%, in Spagna il 33,1% in Francia il 34,5%; in Giappone il 50%, negli USA il 22,5%. Contro il 23,9% dell’Italia. Dunque, ci vien detto, se in Italia le vittime di sesso femminile non arrivano al 25%, è logico e conseguente che a morire siano soprattutto i maschi, che dunque vanno considerati le vere vittime. (…)
Ma guardiamoli bene, i dati che riguardano il nostro paese. Nel rapporto sulla criminalità in Italia si scopre che le donne uccise sono passate dal 15,3 per cento del totale, nel triennio 1992-1994, al 26,6 del 2006-2008. Peraltro, la maggior parte delle vittime si registra nel ricco e sviluppato (e, certo, più popolato) nord: dove, nel 2008, ultimo anno disponibile, le vittime di sesso femminile sono state il 47,6 per cento, contro il 29,9 per cento del sud e il 22,4 del centro. In poche parole, se il numero cresce, ed è sempre quel tipo di omicidio, la crescita è il fenomeno, e non il numero, che è effettivamente tra i più bassi al mondo. Significa, per essere più precisi, che se le morti per criminalità organizzata passano da 340 nel 1992 a 121 nel 2006 e quelli per rissa da 105 a 69 , i delitti maturati in famiglia o “per passione”, che sono in gran parte costituiti da femminicidi, passano da 97 a 192. In altre parole ancora, mentre gli omicidi in Italia sono calati del 57 per cento circa, i delitti passionali sono cresciuti del 98 per cento. Inoltre. Se si guarda la tabella relativa ai rapporti di parentela fra autori e vittime di omicidi commessi in ambito familiare in Italia fra il 2001 e il 2006, nel 66,7 per cento dei casi (due donne su tre) è il coniuge, il convivente o il fidanzato maschio ad uccidere la propria compagna. Infine, se in assoluto sono i maschi a essere vittime maggiori di omicidio volontario, si nota però, che mentre le donne erano il 15,3 % nel 1992, sono arrivate a essere il 26 nel 2006.
Ancora. Nel Rapporto sulla criminalità e sicurezza in Italia 2010, curato da Marzio Barbagli e Asher Colombo per Ministero dell’Interno − Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Fondazione ICSA e Confindustria, i risultati sono così sintetizzati: “Rispetto alla fase di picco del tasso di omicidi, negli anni Novanta, oggi la quota di donne uccise è straordinariamente cresciuta. Nel 1991 esse costituivano solo l’11% delle vittime di questo reato, ma oggi superano il 25%. In Italia, quindi oltre 1/4 delle vittime è donna. La crescita dipende da una relazione ben nota agli studiosi, per la quale la quota di donne sul totale delle persone uccise cresce al diminuire del tasso di omicidi. Questo accade perché, mentre il tasso di omicidi dovuto alla criminalità comune e a quella organizzata è molto variabile, gli omicidi in famiglia − la categoria in cui le donne sono colpite con maggiore frequenza − è invece più stabile nel tempo e nello spazio””

Cosa dicono, invece, i negazionisti? Offrono una costruzione sillogistica inconsistente, per cominciare: sostenere che il femminicidio non esiste perché il numero resta fisso, abbiamo un numero di donne morte inferiore alla media e i dati non sono attendibili non ha consequenzialità logica. Diremmo forse che la mafia non esiste, in base alla constatazione che ormai il numero di morti ammazzati è costante da anni, c’è scarsità di dati e la mafia russa ammazza molta più gente? Quanto al “minimo fisiologico”, colpisce che chi bacchetta l’atteggiamento non scientifico di altri ricorra a sua volta a una vera e propria fola: chi l’ha certificato, questo minimo fisiologico? Sulla base di quali evidenze scientifiche? Facciamo un parallelo: si parla molto di malasanità; mentre l’OCSE colloca il nostro sistema sanitario addirittura al secondo posto dietro quello francese, e soprattutto lo attestano i fatti, con una durata media della vita degli italiani che è seconda solo a quella dei giapponesi. Nonostante questo, tutti i giorni negli ospedali italiani si muore, e non per malattia: si muore per infezioni ospedaliere, per errori medici, per guasti alle attrezzature vitali. Considerando le prestazioni erogate ogni anno, che sono milioni, si potrebbe ben sostenere che gli episodi riportati dai giornali siano un “minimo fisiologico”, che stiamo bene così e nessun intervento è dovuto. Non c’è emergenza. Eppure, nessuno si sognerebbe di dire che è “fisiologico” venire ammazzati in ospedale, sia pur involontariamente; siamo tutti consapevoli che il famoso “minimo fisiologico” probabilmente esiste, ma nemmeno vogliamo conoscerlo (ammesso che sia possibile) e lo stesso pretendiamo che ogni sforzo venga fatto per spostare quel limite il più possibile verso lo zero. La domanda da un milione di dollari è: perché invece parlando di femminicidio tanta gente ritiene che ci si debba accontentare? Non è di vite umane, che stiamo parlando?
Venendo ai dati, vera e propria croce per chi voglia seriamente indagare questo fenomeno, i negazionisti perdono regolarmente l’occasione per sottolineare questa carenza e additarla per quello che è: un problema da risolvere, e non una comoda cortina fumogena utile per avvolgere tutto nella notte in cui tutte le vacche son nere. Dire che i numeri non vengono da una fonte autorevole è giusto; dire che sono sbagliati è un fatto che va dimostrato. I negazionisti non si rendono conto che proprio l’assenza di dati è un fatto in sé gravissimo. Non solo: quando Patruno (da cui sono nati gli altri post, evidentemente) sostiene che l’incidenza percentuale dei femminicidi (che aumenta a fronte di numeri assoluti calanti per gli omicidi di altra natura) conta “assai poco” e che a contare sono “i numeri assoluti e le dinamiche di questi numeri nel tempo”, fornisce un’interpretazione tutta sua, e per nulla scientifica. Le percentuali non dicono “assai poco”: dicono una cosa diversa e complementare rispetto alle frequenze assolute (che in statistica sono sinonimo di numero, n.d.r.), integrando l’informazione. In questo caso specifico potrebbero ad esempio dire che, avendo trovato il modo di ridurre certi tipi di omicidio ma non quello ai danni delle donne, è giunta l’ora di mettere in campo risorse specificamente destinate a questo scopo.
Risorse non significa leggi: la maggior parte delle persone e delle associazioni impegnate nella lotta alla violenza contro le donne non chiede leggi ad hoc, ma semplicemente la rigorosa applicazione delle normative esistenti e, soprattutto, la protezione delle donne che denunciano e il finanziamento di strutture in cui possano essere accolte e aiutate.
Ricapitolando: se abbiamo davanti un’incidenza percentuale che ci dice che, a differenza di altri delitti, il femminicidio esiste e non cala come gli altri crimini, se abbiamo davanti un’assenza di dati e di risorse, si dovrebbe concludere – e sarebbe logico farlo – che abbiamo un problema. Il drappello di fact-checker, invece, conclude che NON lo abbiamo.
Perché? Questa dovrebbe essere la domanda. Le risposte, come è ovvio, soffiano nel vento. Ma una cosa vorrei dire: comprendo che la razionalità (è davvero tale?) degli studiosi (quando sono degni della definizione, naturalmente, e non semplicemente aspiranti influencer) chiami alla freddezza anche quando una ragazzina di sedici anni viene bruciata viva dal fidanzato, ché a noi non interessa, ché l’emotività è roba da “opinione pubblica”. Eppure non è questo che chiediamo a chi studia. Non è questo che chiediamo a chi pronuncia parola pubblica, sapendo bene di usarla come un’arma e di usarla, nella gran parte dei casi, solo per chiamare a sé i riflettori in un momento in cui il dibattito è caldo. Che vengano, i riflettori: abbiateli. Ma almeno sappiateli usare per il bene di noi tutti: e non, semplicemente, per qualche follower in più.

Per questo post un grazie di cuore va a quello che di fatto ne è l’autore, lo statistico Maurizio Cassi, e a Giovanni Arduino per aver suggerito il termine giusto per ribaltare quello, a rischio di abuso, di fact-checking: fact-screwing. Ovvero, incasinare i dati invece di analizzarli.

 

 

Lettera per la ragazza violentata in strada a Bergamo che ha dovuto abortire.

Lettera per la ragazza violentata in strada a Bergamo che ha dovuto abortire.

La notizia è uscita venerdì scorso….ma riesco a parlarne solo ora. Non so perché ma ci sono storie che ti entrano più di altre “dentro”, sedimentano e per questo fanno ancora più male.
Tutto inizia a Bergamo, in una via centrale, un paio di settimana fa. Una ragazza esce da un bar e accidentalmente incontra sulla sua strada uno stupratore.
La ragazza ha 24 anni ed è incinta.
Pochi giorni fa il ricovero in ospedale ed il bambino che viene perso.
A lei oggi rivolgo il mio pensiero…chissà magari qualche conoscente comune glielo farà avere.

Cara sconosciuta, mi piacerebbe dirtelo a parole ma uso l’unico mezzo che ho per raggiungerti….forse dirò cose ovvie, che hai già risolto, o forse (temo) no…
Ti auguro di elaborare quello che ti è accaduto come un brutto incidente. Incidente già. Alla stregua del fatto che quella sera anziché finire addosso ad un mostro fossi stata investita da un auto. Non è per sminuire nulla, il dolore resta grande, ma è per ripareggiare le cose.
Mia Martini cantava “Gli uomini non cambiano” e sì, spesso è vero. Ma quello che ti auguro è di tornare al più presto a credere ancora che esistano uomini (come quello che credo tu abbia accanto) che sono diversi da certi altri maschi. In minoranza quest’ultimi ma di sicuro molto più rumorosi.

Ti auguro di tornare presto a credere nell’amore ed a fare l’amore con chi ti vuole bene. Quel amore che nulla ha a che fare con la fame di un bastardo che si sente onnipotente solo quando riesce a farla franca…solo se usa l’unica arma che la sua vita gli ha dato: la violenza…salvo trincerarsi dietro tardivi quanto ipocriti pentimenti…

Il tuo tornare a vivere. Ad uscire la sera. A non vedere negli occhi di ogni maschio che incontri camminando in strada un possibile pericolo, questa sarà la tua risposta.
Torna a vivere, torna ad amare.
Ed a lasciarti amare.
E chissà, già tra 9 mesi, oppure tra 10, 11, il tempo che ci vorrà, casa tua si tingerà di rosa o di azzurro e sarà ancora una volta la conferma della tua diversità.
Diversità sì. Tu sai dare vita. Lui cercava solo di toglierla quella vita.
Per questo ti chiedo di non permettergli di credere di esserci riuscito per sempre.
Con sincera stima ti mando il mio abbraccio migliore.
E se mai passassi dalle mie parti (pare che non viviamo poi tanto distanti) sarò qua a condividere un caffè ed una lunga chiacchierata con te.

Massimiliano Frassi

Due note a margine:

1) Non accadrà, perché in Italia accade sempre più spesso il contrario e perché manco in carcere l’hanno mandato. Ma se fossi io il Pubblico Ministro, ora lo condannerei non solo per stupro ma anche per omicidio!

2) Mi chiedo dove sono finiti tutti. Le femministe dell’ultima ora (così lontane anni luce dalle loro colleghe degli anni ‘70, forse quelle fin troppo estremiste e chiassose ma almeno attive). Mi chiedo dove sono le associazioni. I politici. Perché ora, davanti (anche) alla perdita di un bimbo, tutti tacciono? Perché si sono già spente le telecamere e cercano nuovi riflettori altrove?

La strage delle donne in Italia.

LA STRAGE DELLE DONNE ITALIANE. 

La donna che è appena uscita dal mio ufficio ha le braccia ricoperte di lividi e bruciature di sigaretta. Per tre volte ha chiesto aiuto ad un “consultorio” e per tre volte l’hanno rimandata a casa, perché “signora oggi voi giovani basta un litigio e subito vi volete separare”…..
Vorrei raccontarvi la sua storia….che è simile a quella di mille altre che da sempre rendiamo pubbliche col solo scopo di far cambiare certi destini, ma credo che quello che segue sia il modo migliore per far capire cosa vuol dire essere vittima di maltrattamenti ( e donna!) in questa Italietta di fine 2012:

Lenuta Lazar, 31 anni.

Antonella Riotino, 21 anni.

Yuezhu Chen, 20 anni.

Angela Santabarbara, 70 anni.

Antonia Azzolini, 66 anni.

Fabiola Speranza, 45 anni.

Nunzia Rintinella, 77 anni.

Stefania Mighali, 39 anni.

Daniela Florentino, 9 anni.

Rossetta Trpvato, 38 anni.

Grazyna Tarkowska, 46 anni.

Enzina Cappuccio, 34 anni.

Sharna Gafur, 18 anni.

Maura Carta, 58 anni.

Cristina Andrea Marian, 23 anni.

Domenica Menna, 24 anni.

Elda Tiberio, 93 anni.

Leda Corbelli, 65 anni.

Loveth Eward, 22 anni.

Ave Ferraguti, 72 anni.

Rosanna Lisa Siciliano, 37 anni.

Antonia Bianco, 43 anni.

Edyta Kozakiewicz, 39 anni.

Ester Chenet, 82 anni.

Tommasina Ugolotti, 77 anni.

Wally Urbini, 88 anni.

Elisabeth Sacchiano, 73 anni.

Fernanda Frati, 70 anni.

Qiaoli Hu, 39 anni.

Brunella Cox, 30 anni.

Gabriella Lanza, 49 anni.

Gabriella Falzoni, 51 anni.

Francesca Alleruzzo, 45 anni.

Chiara Matalone, 19 anni.

Anna Cappillli, 81 anni.

Esmeralda Encalada, 49 anni.

Maria Diviccaro, 62 anni.

Maria Strafile, 65 anni.

Rita Pullara, 64 anni.

Concetta Milone, 77 anni.

Filomena Spelaco, 72 anni.

Tiziana OLivieri, 40 anni.

Rosa Genovese, 26 anni.

Vanessa Scialfa, 20 anni.

Pierina Baudino, 20 anni.

Matilde Passa, 63 anni.

Carmela Russi, 36 anni.

Rosa Amoroso, 80 anni.

Giovanan Sfolgietta, 82 anni.

Julissa Feliciano Reyes, 26 anni.

Alessandra Cubeddo, 35 anni.

Enza Maria Anicito, 42 anni.

Vincenza Zullo, 33 anni.

Teresita Trompeo, 90 anni.

Rosa MariaLa Manna, 46 anni.

Franca Lo Iacono, 61 anni.

Jasvjr Kaur, 32 anni.

Grazie Lepore, 75 anni.

Anna Gombia, 75 anni.

Mariangela Panarotto, 61 anni.

Clara Comellini, 88 anni.

Francesca Scarano, 41 anni.

Anna Iozzino, 55 anni.

Lisetta Bardini, 74 anni.

Albina Paganelli, 69 anni.

Rosetta Sostero, 65 anni.

Iolanda Di Natale, 73 anni.

Bruna Giannotti, 80 anni.

Sebastiana Corpora, 68 anni.

Maria Teresa Campora, 44 anni.

Carolina Ortzi Paiano, 21 anni.

Carmela Popolato, 79 anni.

Ada Cerquetti, 73 anni.

Olga Sassu, 90 anni.

Adele Tuumini, 75 anni.

Luciana Roveda, 74 anni.

Laurinka Adelaide Lima, 44 anni.

Assunta Bova, 77 anni.

Letto tutto? Bene. Sono i nomi delle donne (dal 1 gennaio 2012) fino ad oggi, giovedì 6 dicembre 2012), uccise nel nostro paese per mano di uomini, pardòn, di “maschi” violenti.
Sapete qual è la beffa? Domattina questo elenco sarà da aggiornare….

 Aggiungete poi: Maria, Silvia, Romina, Katyuscia, Irina, Sandra, Marta, Debby, Maria Rosaria, Marcia, Mary, Gaia, Silvana, Caterina, Rosa, etc. etc. che subiscono ogni giorno abusi e maltrattamenti e le donne scomparse e capirete meglio di qualsiasi altra storia, qual è oggi la situazione in Italia.

victim02
DENUNCIATE GLI STUPRATORI!
Sono passati pochi giorni dalla Festa della Donna e, di tanti buoni propositi, belle parole, dichiarazioni d’impegno e d’amore rimane poco o nulla, a parte qualche mimosa oramai rinsecchita, che scolora immobile in un angolo. Nuovi dati nel frattempo vengono resi noti. Dati raccapriccianti, ma non per questo inediti, tutt’altro. Dati che dimostrano che il nostro paese non è certo portato per le quote rosa. Soprattutto se parliamo di protezione. 1.400.000 ragazze al di sotto dei 16 anni sono state vittima di abuso fisico o sessuale. Il 53% delle giovani vittime non osa parlare con nessuno dello stupro subito, mentre 676 sono i minorenni denunciati nel 2006, esattamente il doppio dell’anno precedente, per violenza sessuale (dati Istat). Ed ancora, solo nel 2007 sono stati denunciati 4.637 reati a sfondo sessuale, pochissimi, nella enormità, se si pensa che solo una percentuale bassissima, quasi irrilevante, delle violenze viene poi denunciata. E sta qua il vero problema di questa emergenza. Il fatto che per mille validissimi motivi la vittima tace. Subisce. Non chiede aiuto. E, giorno dopo giorno, muore dentro. Dando al suo carnefice la patente di intoccabile. La certezza di poterla fare franca. Sempre. Reiterando così, per il resto dei suoi giorni, quella viscida violenza.
Sta a tutti gli enti in gioco restituire la certezza di un intervento. Che tuteli le vittime e fermi i carnefici. Altrimenti la paura di ripercussioni, il vedere subito in libertà i propri oppressori, la certezza di non essere protette, faranno la forza di qualsiasi stupratore.

telefono donna
Una donna nuda crocifissa su un letto (di dolore) e la scritta, chiarissima: “Chi paga per i peccati dell’uomo?” è, anzi sarebbe dovuta essere, l’immagine per la nuova campagna di Telefono Donna onlus, in occasione della giornata contro la violenza sulle donne.
Invece il manifesto, che doveva tappezzare la città di Milano, è stato bocciato e non si vedrà.
Io lo trovo assolutamente chiaro, efficace ed utile.
Voi invece cosa ne pensate?

Ho ricevuto un sacco di mail sulla storia di Valentina ed oggi torno quindi sull’argomento, facendo una più ampia panoramica.
 DONNA
 
NON SI FERMANO LE VIOLENZE SULLE DONNE.
 
Pare non aver freno la violenza sulle donne.
L’ultima in ordine di tempo, a pochi passi da dove scrivo queste mie note. Una donna si è lanciata dal balcone, da un’altezza di tre metri, fratturandosi un piede, per sfuggire allo stupro da parte dell’ex convivente, un senegalese senza permesso di soggiorno che l’aveva trascinata in casa con la forza.
Guardando i dati che arrivano da alcune città italiane pare davvero non esserci alcun freno. Ad una violenza sempre più dilagante ed ancora troppo spesso impunita.
A Parma un sondaggio realizzato da un centro antiviolenza in collaborazione col pronto soccorso, ha portato alla luce dei dati agghiaccianti. Nella tranquilla, ma forse neanche tanto, cittadina, una donna su tre è vittima di violenze. Che la media fosse alta lo si sospettava. Che fosse così alta, no.
Più di cento le donne che nell’ultimo anno si sono rivolte ad uno sportello anti violenza in quel di Vicenza. L’80% sono italiane, con figli a carico. Il 60% delle stesse lavora. I maltrattamenti a cui sono sottoposte sono di tipo fisico, psichico ma spesso anche economico ed il ruolo del carnefice è sempre occupato da un marito – padrone, che spesso non disdegna di spostare le sue attenzioni, anche sulle bambine di casa.
Una recente indagine, sempre fatta in terra vicentina, ha mostrato come ad una vittima adulta servano almeno “quattro anni di angherie prima di trovare la forza di chiedere aiuto, anche se spesso non sa a chi rivolgersi”.
Fondamentali quindi “le campagne di informazione e prevenzione (vedasi lavoro svolto anche da questo blog!) e di denuncia sociale, per rendere inaccettabili simili reati”.
Concludo giusto con i dati del capoluogo lombardo. A Milano, secondo quanto affermato dal servizio soccorso violenza sessuale della clinica Mangiagalli, si registra uno stupro ogni 32 ore!

 pregnancy
All’età di 18 settimane il bimbo ha iniziato a dare calci. All’età di 22 settimane, ha iniziato il padre…..

MILANO, ALLARME STUPRI

Diffusi i dati (ufficiali, come tutti quelli che trovate qua peraltro, checchè dicano i denigratori pedofili) sulle violenze sessuali. Questa volta a parlare è il Prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi che solo su tale città denuncia, dall’inizio dell’anno, 27 casi. Praticamente una media di uno al giorno, 4 solo dall’inizio settimana!
Nel 2007, e sempre nella sola Milano, sono stati 342, il 20% in più rispetto all’anno prima ed addirittura il 74% in più dal….2004 (!). Per fronteggiare a questa emergenza il Prefetto promette un impegno maggiore dalle forze dell’ordine, garantendo che l’80% dei colpevoli viene punito ,a suggerisce anche alle donne di seguire i corsi anti violenza promossi dal Comune.

bestie
ANTEPRIMA BLOG:
Domani e dopo torniamo a parlare di questo genere di bestie. Per ora ricordiamo i dati ufficiali (non quelli diffusi da chi questi crimini li compie):
anno: 2006
paese: Italia (non Mozambico, non Uruguay, non Afghanistan)
fonte: Ministro delle Politiche per la famiglia
oggetto: 3 milioni di donne, tra i 15 ed i 70 anni, vittima di violenza sessuale o fisica
 
dove: Europa (non Africa o Asia)
oggetto: violenza, prima causa di MORTE per le donne da 16 a 44 anni.

CRONACHE DAL MEDIO EVO.
Di questo caso parlammo la prima volta che la ragazza fu giudicata. Ed ora che, nei giorni scorsi, c’è stato l’appello, ci torniamo sopra.
Prima un breve riassunto: un anno fa circa una giovane saudita di 19 anni fu violentata da un gruppo di 7 maschi (non chiamiamoli uomini….). La violenza di gruppo fu “giustificata” dal fatto che al giovane stava in un auto in aperta campagna insieme ad un uomo che non era il marito né un parente stretto (padre o fratello).
Il Tribunale pertanto condannò….lei a ben 90 colpi di frusta. È passato un anno, la ragazza si è sposata ed ha deciso, concordemente col marito, di ricorrere in appello.
Risultato: pena aumentata, per lei, a 200 colpi di frusta e 6 mesi di carcere.
Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe