Archivi per la categoria ‘falsi abusi’

LA LETTERINA DEI FALSI ABUSI DI APOLLONI.

LA LETTERINA DEI FALSI ABUSI DI APOLLONI
I casi sono due. O hanno un sacco di tempo libero (e la cosa è probabile, poiché avendo il figlio in carcere per pedofilia l’impegno è calato) oppure hanno paura (il che pure è probabile. Paura di che cosa, però?
Di chi difende i bambini abusati? Se così fosse sarebbe preoccupante).

Ieri il Giornale di Vicenza è uscito con questo articolo:
http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Provincia/275421__lotta_contro_la_pedofilia_una_rete_tra_comune_psicologo_e_avvocato/
e subito, a tutte le mail del Comune è arrivata questa lettera pseudo anonima:
“Con poco entusiasmo ho letto che il Vs. Comune ha stretto un patto di amicizia con Prometeo, il cui presidente è Massimiliano Frassi. In merito a tale iniziativa sarebbe opportuno che l’intero Consiglio comunale, compreso il Sindaco e i servizi sociali, venissroe edotti su quanto pubblicato dal Centro documentazione falsi abusi e sottrazioni di minori circa il comportamento del Frassi in merito la difesa contro ogni forma di violenza sui minori (…) Cordiali saluti
Centro falsi abusi”

Dalla lettera abbiamo omesso un link che segnala quanto io sia stato amico di Paolo Onofri (dimostrando di non capire, o di non voler capire un emerito ciufolo) ma soprattutto che riporta le foto di una bimba vittima di abusi da parte di Apolloni. A conferma di quanto rispetto abbia questa gente per i bimbi.

Questo un passo della risposta del Sindaco:

“Infine cari signori , a me non interessa dei FALSI CASI ,,,,, a me interessano i CASI VERI ….. avete sentito del pediatra di VICENZA ?

anche con i video in mano si stanno trovando delle scuse e delle scorciatoie …. MA FATEMI IL PIACEREEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!

avete il vostro diritto di denunciare i Falsi abusi , ed e’ un diritto sacrosanto. Ma i bambini e le famiglie hanno il DIRITTO di poter avere associazioni come PROMETEO a cui rivolgersi”.

Certo, contattarlo perché creerà una equipe anti abuso, significa sicuramente avere paura di chi protegge i bambini, e quindi essere da parte completamente opposte a questa lotta.
Probabilmente su questo pesa avere il proprio figlioletto (dicono dimagrito e molto arrossato, dicono) in carcere.
Concordiamo anche noi che il Comune tutto e chi ci legge venga edotto sui Falsi Abusi e poi scelga da che parte stare. Pertanto, proprio per ripassare a tutti la volgare storia di pedofilia che sta dietro questi loro inutili atti persecutori, riportiamo due link, che vi chiediamo di riguardare fino alla fine e diffondere, ovunque. Oggi più che mai.
Questi sono i falsi abusi:

http://www.youtube.com/watch?v=cwDdD3A5faA

http://www.youtube.com/watch?v=YIBmXBNEwkw

LA RIUNIONE CONDOMINIALE DEI FALSI ABUSI.
locandinabrunoposter-440x651rignanopedofili nelle chattotò falsariolocandinapg2
Avrei voluto scrivere molto di più ma a pensarci non credo serva dire altro.
Dopo l’ennesima retata di pedofili di oggi (domani ne parliamo) ed i fatti emersi negli ultimi giorni credo sia inutile dare spazio a notizie come quella del convegno di domani a Rignano Flaminio.
Mi avete peraltro inondato con le più disparate richieste, sia sul convegno che sulla caramella buona.Che aggiungere?
Sul convegno, dico solo che è come tutti gli strumenti che fino ad oggi lì come altrove (Apolloni docet) hanno usato: un parlarsi tra di loro. Fatto per convincere i parenti degli abusanti di chissà quali complotti illudendosi di rifarsi la perduta verginità. E sostituendosi a Procure, Questure, esperti vari, per poter riunire e coordinare le forze della  
Per la caramella buona. Si pensa che ce l’abbia con loro, e credetemi non è così. Ho avuto grande stima del loro vice presidente Davalli (l’unico di loro che conosco) prima che  me l’ero ritrovassi al processo Tommy mentre stringeva la mano alla assassina Antonella Conserva (come già raccontai nel blog, pigliandomi una querela).
Oggi abbiamo operatività, contatti, finalità diverse.
Voglio credere alla loro buona fede quando fanno sapere via comunicato stampa che non sapevano del manifesto.
In questo dico che si lavora in modo diverso: come Prometeo ad es. vogliamo sempre sapere chi ci invita e quale sarà il manifesto.
E ovviamente se ci invitano ad un incontro con quel titolo, in quel contesto e con quelle esplicite finalità, impossibile per coerenza e rispetto verso il lavoro fatto fin qui, che si ottenga la nostra adesione.
Spero quindi che risolti i problemi “organizzativi” con chi ha mandato loro l’invito “con tranello”, la caramella buona si dimostri all’altezza di ciò che dice di essere, annullando la sua presenza in una riunione condominiale fatta da gente cresciuta all’ombra dei falsi  abusi. E stando, con la sua assenza, dalla parte delle vittime!

prete solidarietà
Per quanto tempo ancora dovremo accettare questo abominio?
Gesù non si scandalizzò mai per nessuno. Si circondava di ladri, prostitute, derelitti. Per tutti una buona parola. Per tutti un gesto di perdono. Per tutti, tranne che per chi “scandalizzava i bambini”, a cui augurava di poter venire buttato in fondo al mare con una macina d’asino appesa al collo.
Eppure, malgrado quelle parole, ci sono ancora sacerdoti che davanti alle ferite di milioni di bambini nel mondo stanno vergognosamente zitti, ma sono lesti a parlare quando si cerca (inutilmente!!!! Lo volete capire che è inutile, si o no????!) di restituire verginità a dei criminali pedofili: CRIMINALI PEDOFILI.vanda ballario pedofila
L’ultimo, speriamo non solo in ordine di tempo, il sig. Ruggero Marini, parroco della Loggia (Torino) che ieri pomeriggio durante al messa ha detto che “soltanto la verità rende liberi”, citando maguardaunpo’, le parole del comitato Liberi nella verità (ma che coincidenza….oddio, non l’avranno mica contagiato?????).
Ora vi chiedo una cosa: mandate per favore, una mail alla Diocesi di Torino. All’attenzione del cardinal e arcivescovo di Torino Mons. Severino Paletto:
La richiesta NON deve essere fatta come quelle che hanno scritto contro di noi ed i bambini, no! Non mandate insulti: diventereste simili a loro (simili…solo simili…non uguali!). Esprimete però il vostro sdegno e chiedete cortesemente una presa di posizione.
Grazie. A nome dei bimbi ABUSATI.

I VERI ABUSI DI APOLLONI. Parte 1 di una luuuunga serie.
COME APPARE IL PEDOFILO
Indubbiamente è stata la settimana di Apolloni. Mai prima d’ora se n’era sentito tanto parlare. Nel modo corretto!!!! Mai prima d’ora una condanna era attesa così tanto dalla comunità scientifica, dalle procure, da chiunque avesse la Giustizia ed il benessere dei bambini come priorità assoluta. Una condanna che ha dimostrato al mondo dell’anti anti-pedofilia, che NON la si può fare franca a vita.
Oggi iniziamo a fare delle domande, di cui forse la risposta già la sappiamo, ma che confluiranno poi in un qualcosa che non sia solo il parlarci addosso…….
Prima una segnalazione: in tanti di voi mi scrivono che un utente di questo blog li ha contattati dicendo di leggere la vera verità sull’ altro blog, pieno di scemenze e fatto a regola d’arte. Mandateci per favore queste segnalazioni poiché ci serviranno.
E quando saranno depositate le motivazioni della sentenza Apolloni, le pubblicheremo integralmente qua ed in mille altri siti, così come hanno fatto altri con le loro contagiose infamie.
Per ora, dato che la Cassazione ha di fatto riconfermato il secondo grado, riportiamo alcuni passi di quella sentenza che più di altri ci avevano colpito (e che già avevamo in parte pubblicato), in attesa di pubblicare integralmente i nuovi documenti. Passi che vi invitiamo a copiare ed incollare nei vostri spazi:
<<…la bimba aveva detto: “questa non è la saliva…è la crema…quella che si mette in bocca e che si ingoia”. La madre aveva chiesto a BAMBINO (nota mia: scrivo bambina o bambino al posto dei veri nomi!) chi le avesse insegnato questo gioco (…) La madre: “da dove la prende questa crema? –BAMBINA: “dal pistolino di VALERIO…”.
Nel quinto incontro la MAMMA DI VITTIMA è sconvolta dalla notizia che:
il padre di APOLLONI (Vittorio) starebbe conducendo indagini personali volte a screditare lei e la famiglia.
Questa tensione si comunica alla bambina che appare agitata e ricattatoria:
“mi viene in braccio e mi tiene la mano <<il Giudice mi sgrida?>> –  io: <<e perché dovrebbe sgridarti?>> – Lei: <<per quelle cose>>. Le spiego che il Giudice vuole sapere se è successo qualcosa che l’ha fatta star male e chi l’ha fatto>>. Lei: << Vanda e Valerio mi toccavano la patatina>> (…) Vanda mi metteva il dito qui (indica i genitali davanti)…e VALERIO qui (indica dietro)…i bacini al pistolino li dava BAMBINO>>.
Mi fermo (per oggi!) solo perchè stamani mi viene il vomito. Soprattutto pensando a quanto male questa gente ha fatto, restando per anni IMPUNITA.
Passo quindi alle prime domande che vorrei fare:
1) in tantissimi processi avete portato il vostro caso (prima della condanna definitiva) come un caso di falso abuso. Dimostrando quindi con un’equazione assurda che se il vostro caso era appunto fatto da adulti innocenti tutti gli altri lo erano. Con la stessa equazione una persona scagionata da un’accusa di mafia, ad esempio, potrebbe presentarsi al processo Riina e chiedere che lo stesso, con gli stessi criteri, venga scagionato. Chiaro?! Sì, quanto assurdo!
Ora che però il vostro caso si è chiuso con una condanna definitiva, possiamo utilizzare la stessa tecnica e chiederci se tutti i casi dove siete intervenuti non siano in realtà VERI? E che quindi in realtà il vostro coinvolgimento fosse di ben altra natura (è una domanda, magari ci sbagliamo! Ma voi chiariteci)?
2) noi siamo un’associazione onlus. Legalmente riconosciuta. Che Dio solo sa quanto si sbatte per esistere e lavorare. Il nostro bilancio controllato ogni anno dalla Regione Lombardia e dalla Provincia. Voi ovviamente infamate dicendo che raccogliamo tantissimi soldi e ci arricchiamo. Va benissimo……Solo che , lo ripeto, noi siamo (giustamente) stra-controllati. Ma voi??????? Voi cosa siete? Ma soprattutto dove prendete tutti i soldi che avete? Ed a chi ne date spiegazione??????????
3) Vogliamo parlare dei legami con gli altri comitati italiani, partendo dalle consulenze per il comitato pro Pino la Monica (una decina di bimbe che dicono di essere abusate e qualche centinaio di files pedopornografici (anche estremi) nel computer che dicono di essere stati scaricati!) ? CONTINUA……….

Sì lo so dovevo dirvelo subito. Ma troppe notizie insieme poi fanno fare indigestione. E non ci siamo abituati 😉
 
Valeria Apolloni e Vanda Ballarlo sono in carcere,
lui dallo scorso fine settimana, lei da ieri.
L’ex direttrice della scuola
materna «Bovettb) di La Loggia si è presentata al cancella
del carcere delle «Vallette », dopo che i suoi avvocati,
Nadia Garis e Luigi Chiappero, avevano anticipato alla
procura generale: «L’accompagniamo noi».
p.s. un saluto alle 300 persone (appena????? Tanti anni di lavoro per 300 firme???? Poracci…..) che hanno firmato a loro favore!!!!!!

Ciao a tutti.
siamo rientrati da Londra dove abbiamo vissuto un’esperienza a dir poco MEMORABILE a Scotland Yard. Dopo ve ne parlerò (per quel poco che si può raccontare, ehehehhe 😉 ). Nel frattempo se il buongiorno si vede dal mattino….:
Chiesta condanna per il padre di Apolloni
In oltre due ore di discussione, di fronte al giudice di Moncalieri, pubblica accusa, parti civili e difesa hanno ricostruito nell’udienza di ieri le fasi del processo a carico di Vittorio Apolloni: imputato di diffusione di immagini di vittime di un reato a sfondo sessuale e diffamazione . Un processo che vede alla sbarra il padre dell’ex presidente della scuola materna di La Loggia Valerio Apolloni, condannato in appello assieme all’ex direttrice scolastica, Vanda Ballario, per abusi sessuali su alcuni piccoli allievi: condanna confermata di recente, per entrambi, dalla Corte di Cassazione. Il padre, dopo la condanna in appello del figlio, aveva intrapreso una battaglia di «opinione» sul caso, con opuscoli e un sito internet, sollevando critiche sulla genuinità dei metodi scientifici di
raccolta delle testimonianze dei minori abusati.
Il pm Patrizia Caputo ha chiesto una condanna ad un anno e tre mesi di reclusione. Richiesta cui si sono associate le parte civili – Del Sorbo e Cannone – a nome delle famiglie dei bambini coinvolti nella vicenda. Il difensore, Stefano Loiacono, ha chiesto l’assoluzione per tutti i capi d’imputazione, perché i fatti non sussistono o non costituiscono
reato. Il giudice Silvana Podda ha aggiornato l’udienza al 22 ottobre.

apolloni è un pedofilo
Giusto per ripassare, in attesa di alcune riflessioni.

http://www.associazioneprometeo.org/pilot.php?action=new_pg&cl=0&ip=1&iv=1&im=273

VALERIO APOLLONI
figlio di

VITTORIO APOLLONI

È UN PEDOFILO,

secondo la Cassazione.

 hurt-children2

La notizia oramai la sapete e per stasera ci “limitiamo” a riportarla.

Chiedendovi di incominciare a ripostarla in tutti i vostri blog, su Facebook e My Space, nelle vostre mailing list.

Perché è FONDAMENTALE. Perché si è fatta GIUSTIZIA.

Nei prossimi giorni poi avremo modo di commentarla. E soprattutto di interrogarci….ed interrogare!
Soprattutto su come mai da parte del padre del pedofilo ci sia stato in questi anni tanto accanimento.

Contro TUTTI I BAMBINI ABUSATI D’ITALIA, I LORO GENITORI. E NOI!!!!!!

Ci interrogheremo anche sui suoi legami (politici e non solo). Sui suoi finanziatori….
Sulle sue associazioni……..
Ma per ora, ripeto, riportiamo solo la notizia. Che appunto so già riporterete pure voi.

VALERIO APOLLONI, oggi di anni 31, figlio di Vittorio fondatore del comitato Falsi Abusi (se non fosse la mera realtà, ci sarebbe da ridire per questa barzelletta),  
e VANDA BALLARIO, sono stati condannati IN VIA DEFINITIVA per abusi sessuali.

Su bambini di una scuola materna, della Loggia (Torino).

Bambini già creduti in Secondo Grado. Bambini che hanno avuto dei genitori STRAORDINARI. Coraggiosi, soprattutto. Perché non avete idea di cos’abbiano dovuto sopportare in questi anni.

La pena è lieve solamente perché fin dal primo grado si è scelto il rito abbreviato.

Ora i due potrebbero (dovrebbero) finire in Carcere:

deciderà il Tribunale di Sorveglianza……

Intanto i bambini hanno avuto Giustizia. Anche per tanti altri coetanei, peggio difesi. Ora auguriamo loro solo tanta tantissima serenità.

deadEnd

FALSI ABUSI? NO VERI PEDOFILI
LA CORTE DI CASSAZIONE HA CONFERMATO LA CONDANNA PER APOLLONI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Ci hanno infangato per anni….creato danni…attaccato ed infamato, inventandosi palle su palle in siti internet degni di loro, ma peggio ancora hanno creato una cultura del contagio, applicando il loro modus operandi a tanti casi finiti poi male per colpa loro, con carnefici in libertà e bimbi mai aiutati.
Ora tutto questo schifo deve tornare loro indietro.
Oggi festeggiamo. ma da domani prepariamo il conto, perchè sono dei pedofili , indegni cittadini di una società che si ritiene civile!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

0108949b0aa7072b4a5b932baa03e580
Il modello, già da tempo l’abbiamo smascherato, ed è quello americano dei falsi abusi. Dove sul podio vengono chiamati avvocati, psichiatri, pediatri addirittura che dimostrano l’esatto contrario di quanto la realtà scientifica ci ha mostrato.
Ed il loro padre è lo stesso negazionismo che oggi fa “dimostrare” sempre a “luminari della scienza” come Anna Frank sia “un’invenzione degli americani” così come “i campi di sterminio non siano mai esistiti”.
Per questo vi chiedo di leggere attentamente questo articolo di Vania Lucia Gaito e di riportarlo, per favore, in tutti i vostri blog o tra i vostri contatti. Aggiungo solo che l’articolo nasce in risposta all’unico articolo uscito (e presentato su un misconosciuto sito) sui due convegni di cui si parla, snobbati ovviamente dai principali media nazionali oltre che dalla vera comunità scientifica :
http://viaggionelsilenzio.ilcannocchiale.it/post/2263503.html
Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe