Archivi per la categoria ‘lettera di un pedofilo alla sua vittima’

Un pedofilo scrive alla sua vittima. Esclusivo Blog.

Lettera del pedofilo alla sua vittima.

Il pedofilo lo è per il resto dei suoi giorni. Spesso lunghi…
La recidività è la sua principale caratteristica. L’arte di nuocere ciò che lo rende, per certi versi, unico.
Quella che state per leggere è la lettera che un pedofilo (mai condannato) ha scritto alla sorella, che per anni a cadenza quotidiana ha abusato, fino a quando raggiunta la maggiore età la ragazza se n’è andata di casa.
Prima leggetevela tutta, poi la commentiamo insieme.

“Ciao Franca (il nome è fittizio e l’ho messo io – nota),
è la prima volta che ti scrivo e mi trovo molto in imbarazzo nel farlo.
Diversi anni di silenzio non hanno fatto che amplificare in me il disagio ed il significato dei miei gesti. Il continuo turbamento che macera dentro me non placa; tant’è che detesto fare cose normali come specchiarmi, oppure andare a trovare i nostri genitori.
Mi sento in debito ovviamente con te e poi con loro per avervi tolto la felicità di un’esistenza che non è stata serena.
Da quando essi sono venuti a conoscenza dei fatti, nei loro sguardi traspare tanta commiserazione, percepisco gli interrogativi che vorrebbero pormi per essere saziati dalle mie risposte, alle quali non saprei né argomentare nè dare senso logico. Allora il mio cuore esegue un ennesimo tuffo nell’Ade, lo sconforto prevale sino a sciogliermi le ginocchia e la mente ripiega su sé stessa come plastica al fuoco.
Per cui sguscio via, svio per non sorreggere i loro occhi, mi assale il desiderio di voler sparire: vorrei non essere mai nato, trovarmi tra i fuochi immortali, da qualsiasi altra parte, ma non al loro cospetto.
Mi rivolgo a te sorella per chiederti perdono di qualcosa che nacque per pura curiosità adolescenziale.
Fu forse uno sfregamento l’origine del male, mentre giacevamo insieme nei pomeriggi estivi, accompagnato dall’entusiasmo di qualcosa di nuovo che mi fece perdere il lume della ragione: blackout non lo nascondo, ho sentito il potere questo è vero, per me era solo una scoperta insensata, serrando i tempi con chi è innocente e pura!
Scrivere queste righe è faticoso, mi trema la mano, troppo forte è l’emozione che sorprende gli occhi ed il cuore.
Chiedo il tuo perdono Franca, perchè la mia non è vita, come del resto non lo è stata mai per te.
Sono sempre stato pentito di quel che ho fatto, non sono un debole, per questo volevo venisse tutto celato.
L’impressione di cosa sono stato, è una macchia indelebile che perdurerà alla forza del tempo, mantenendo sempre il proprio alone; per cui ti chiedo l’assoluzione della mia colpa non per cancellare il passato ma per custodirlo come memoria.
Ti prego di riporre la tua fiducia in me, ripristinare la tua presenza anche ridotta ai minimi termini, in modo da riallacciare pian piano il rapporto spezzato:
tornare ad essere fratello e sorella.
Si facesse un tentativo per sbloccare questo stallo ormai consolidato.
Se non te la senti, lo capisco da me,  e non ti biasimo; allora l’unico sforzo che ti chiedo di fare sarà quello di comprendermi e di parlare con me al passato come qualcosa che fu e non è più adesso.
Nutrirai ancora del rancore, certamente mi odierai, allora se così staranno le cose, la mia vita sarà un continuo patimento, un continuo vagare sino a giungere in fondo, dove potrò fare anche io come gli animali, cercando un luogo sicuro dove morire, lontano dal clamore per poter riposare in pace: in parte questo già lo faccio. In questo momento ho paura di tutto e non lo dico per suscitare pietà.
Qualora volessi incontrarmi, sarei disposto a farlo anche per diverse sedute in terapia con la dr.ssa che ti sta seguendo, in modo da poter ragionare ed argomentare quanto accaduto.

Ti voglio bene Franca,
FIRMA

 

Nota:
come si commenta? Passo per passo? O per intero? Oppure ancora è incommentabile?
Facciamo che riportiamo due passi e li analizziamo:
<< Fu forse uno sfregamento l’origine del male, mentre giacevamo insieme nei pomeriggi estivi, accompagnato dall’entusiasmo di qualcosa di nuovo che mi fece perdere il lume della ragione: blackout non lo nascondo, ho sentito il potere questo è vero, per me era solo una scoperta insensata, serrando i tempi con chi è innocente e pura!
Scrivere queste righe è faticoso, mi trema la mano, troppo forte è l’emozione che sorprende gli occhi ed il cuore. >>
Sfregamento…….abusi a cadenza quotidiana definiti sfregamenti. Sfregamenti nati, dice sempre il pedofilo, per  << qualcosa che nacque per pura curiosità adolescenziale.  >>
Un secondo punto che vi evidenzio è il seguente:
<< la mia vita sarà un continuo patimento, un continuo vagare sino a giungere in fondo, dove potrò fare anche io come gli animali, cercando un luogo sicuro dove morire, lontano dal clamore per poter riposare in pace: in parte questo già lo faccio. In questo momento ho paura di tutto e non lo dico per suscitare pietà. >>
Il senso di colpa è l’arma più grande che il pedofilo ha e qua ritorna a consegnarlo alla vittima.
E’ lui che sta male, lui che come gli elefanti si allontanerà dal branco per andare a morire lontano, lui non lei a soffrire. Poco importa se lei ha sofferto di disturbi dell’alimentazione, di autolesionismo, di attacchi di panico, è lui che sta male: per colpa di lei. Se lei non lo assolve, lui morirà….
Questo sono i pedofili. Recidivi e falsi per tutta la loro inutile e dannosa vita.

Quanto a Franca l’autolesionismo è terminato, le ferite si stanno cicatrizzando ed è felicemente innamorata. Ha vinto lei! E questa è la sola cosa che conta.

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe