Archivi per la categoria ‘reti di pedofili’

Potebbero scarcerare Marc Dutroux, il “re” degli orchi.

Di Marc Dutroux tutto il mondo sa. Sa di quanto male ha fatto. Della sua pericolosità. Il caso fece clamore perchè dimostrò, per la prima volta nella storia, l’esistenza di forti reti di pedofili.
Bimbi rapiti per essere abusati. Poi uccisi o segregati per anni. Scomparsi. Mai più ritrovati.
Per questo fa male pensare che Dutroux possa uscire e anche se in libertà vigilata, STARE NON IN UNA CELLA MA NEL MONDO CIVILE, QUELLO STESSO CHE HA OLTRAGGIATO.
La risposta la darà il Tribunale di Bruxelles il giorno 18 febbraio p.v..
Chissà perché la possibilità che sia una risposta, per lui positiva, non pare così remota.

Editrice La Zisa contro la pedofilia e dalla parte dei bambini.

La Zisa contro la pedofilia e dalla parte dei bambini.
Continua l’impegno della nota casa editrice La Zisa di Palermo, nel dar voce a chi voce non ha con una serie di pubblicazioni molto importanti. Insieme al mio nuovo libro “Perché nessuno mi crede” in uscita entro fine mese, arriva a giorni anche il libro di Nicolò Angileri, già autore di “Angeli e Orchi”, nonché operatore della Squadra Mobile della Polizia di Stato in forze a Palermo. Questa la scheda libro. Su un fatto che ben conosciamo, tr ai piàù drammatici tra quelli accaduti nel nostro paese e per questo presto caduto nel dimenticatoio…..Fino ad oggi. Buona lettura. Romanzando un’agghiacciante vicenda di cronaca realmente accaduta a Palermo alcuni anni fa – una sordida storia di sfruttamento di minori e di film pedopornografici, Nicolò Angileri tratteggia il ritratto di un quartiere e delle figure che vi si muovono, alcune con ferocia, altre con rassegnazione, i bambini spesso con l’innocenza violata da adulti insensibili a tutto tranne che al richiamo del denaro. Per tutti, nel quartiere, i buoni come i cattivi, vige un tabù: non si fanno denunce alla polizia, non si è spioni. Il ricordo delle passate sofferenze e la consapevolezza che solo parlandone le potrà superare riusciranno a convincere uno dei piccoli abusati a raccontare tutto. Sullo sfondo, nel romanzo, si muovono personaggi indimenticabili delle battaglie civili di quegli anni contro la mafia, la delinquenza, l’ignoranza, come don Pino, padre Puglisi, che fu sempre al fianco degli oppressi e alla ribellione alle regole dell’omertà dedicò la vita. Il libro: Nicolò Angileri, “Destini che nessuno sa”, Romanzo, Pagine 160, Euro 14,00, Edizioni la Zisa (ISBN: 978-88-6684-026-8) Le Edizioni La Zisa aderiscono ad Addipizzo e tutti i volumi sono certificati “Pizzo free”.

Per la serie, le reti pedofile NON esistono e le ha inventate la Prometeo…..

“Sono 107 le persone, tra cui 4 insegnanti e l’impiegato di un asilo nido, arrestate con l’accusa di pedofilia in seguito al sequestro da parte della polizia austriaca di materiale pedopornografico. Il blitz è stato compiuto in diverse città del Paese. Lo hanno annunciato le autorità locali. Uno degli arrestati aveva scaricato oltre 20mila foto e 300 video.
Gli uomini arrestati, tra i 18 e i 70 anni e di diversa estrazione sociale, sono accusati di aver scaricato da un server in Lussemburgo immagini di abusi sessuali compiuti su bambini. Le indagini sono cominciate un anno fa in seguito ad una soffiata alla polizia del Lussemburgo e potrebbero essere coinvolte altre persone che si sarebbero serviti di computer presso internet cafè così da far perdere le loro tracce.
Gli arresti rappresentano la seconda maggiore operazione contro la pedopornografia in Austria. Nel più grande blitz anti-pedofili compiuto dalla polizia austriaca l’anno scorso furono incriminati 190 uomini legati ad una rete che coinvolgeva 170 paesi. FONTE TG COM.”

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe