Consigli per le donne su come difendersi da uno stupro. Cinico Blog.

Attenzione: quello che segue è un post politicamente scorretto.


Arrivano indirettamente dalle parole di un vescovo (che stanno rimbalzando in tutta la rete) e per l’esattezza Mons. Arduino Bertoldo di Foligno dei preziosi consigli per le donne. Su come evitare che vengano stuprate.
I dati sugli abusi (fisici e psicologici) sono nel nostro paese a dir poco allucinanti. E coinvolgono milioni di donne, molte delle quali passeranno l’intera vita a subire. A non chiedere aiuto. Altre aiuto lo chiederanno ma purtroppo, non sempre, troveranno le persone giuste sul loro cammino. Tornando quindi, molte volte, a subire nuovamente le angherie da parte di un abusante che si sentirà ancora più intoccabile, ancora più forte.
Altre ancora il cammino lo termineranno sul tavolo di un obitorio.
È un tema questo che chi ci legge sa abbiamo toccato spesso in questo blog.
Senza però dare mai la risposta che arriva appunto dal vescovo sopracitato.
Il quale pare abbia sostenuto che << se una donna cammina in modo sensuale o provocatorio, qualche responsabilità nell’evento ce l’ha perché anche indurre in tentazione é peccato. Dunque una donna che camminando in modo procace suscita reazioni eccessive o violente, pecca in tentazione.>>
Facile ora per noi citare quei casi in cui, 30 anni fa come oggi, si chiede alle donne come “fossero vestite al momento dello stupro” piuttosto appunto “come camminassero”.
Mi sovviene invece un’altra osservazione. E partendo dall’equazione “quello che si vede fa cadere in tentazione” ritengo che se applicata con la stessa qualità con cui la applica il Monsignore, forse dovremmo svuotare gli oratori dai bambini.
È questa una volgare provocazione lo so.
Che resta però molto lontana dalla qualità raggiunta da sua eccellenza.

4 Commenti a “Consigli per le donne su come difendersi da uno stupro. Cinico Blog.”

  • apetta88:

    A questo punto chiunque può stuprare una ragazza in costume…
    Io credo che abbiamo un alto tasso di violenze domestiche anche per questa mentalità, se la società accettasse il fatto che “una donna ha diritto di dirti no anche quando è nuda” non sentiremo di queste cazzate…

  • MARY:

    Mi stanno venendo tutta una serie di insulti per il caro monsignore dei miei stivali ma,siccome non posso scriverli…..è meglio un NO COMMENT!!!!!!!!

  • Sonia:

    Monsignore carissimo (ma anche no) una mia vicina di casa, povera stella, ha un lieve difetto congenito all’anca sinistra e in effetti quando cammina condeggia.Oggi le dirò che la smetta di provocare mio marito così spudoratamente.
    Io non ho parole! Cioè qualcuna ce l’ho ma non sono pubblicamente ripetibili.

    Per vederla in chiave “Chiesa” il mio sacerdote anni fà disse che è giusto che esista l’induzione al peccato, perchè questo rende il cristiano forte davanti a Dio.Secondo lui sarebbe facile per il credente comportarsi bene se non avesse mai tentazioni intorno.
    Quindi, caro (ma anche no) il mio vescovo di Foligno, ha detto una cazzata (si può scrivere?) anche dal punto di vista religioso.
    Oltre che da ogni altro punto di vista, mi pare ovvio.
    Io non so come facciate a professarvi vicari di Cristo sulla terra
    E non so come faccia Lui a non sputarvi

  • lamartina:

    Mi viene subito in mente il nome di una grande donna : Tina Lagostena Bassi.
    Il monsignore dovrebbe documentarsi, per correggere la sua atavica ignoranza.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe