Cosi qualcuno festeggia la giornata delle donne violate: massacrando la moglie.

Nella giornata più ipocrita dell’anno (dopo quella sui diritti dei bambini) una notizia che ben riassume la situazione in cui migliaia di donne sono costrette a vivere quotidianamente. Donne che non hanno alcun aiuto e spesso si trovano costrette a restare dentro quelle 4 malate mura. La notizia arriva da Brescello. L’uomo (sic) che vedete nella foto (Mohamed El Ayani) si è presentato l’altro ieri alla stazione dei carabinieri di Poviglio. In braccio teneva la propria figlia di 4 anni.
Non sappiamo bene cosa abbia detto, ma il colloquio deve essere stato più o meno di questo tipo. “Ho ucciso mia moglie”.
Massacrato, sarebbe il termine più adatto, poiché la moglie è stata appunto massacrata con una furia inaudita a colpi di martello. Il motivo? Era stanca dei soprusi del marito e voleva andarsene, portando in salvo le figlie di 4 e 10 anni.
Peccato per l’uomo. Non l’avesse uccisa, gli avrebbero potuto dedicare una bella fiction strappalacrime, sui padri separati e le donnacce cattive.
Invece ha preferito seguire la sua natura, il suo istinto. E da ieri due bimbe si trovano sole. Con una madre morta ed un padre violento, assassino.
Nota: la donna, apprendiamo, era seguita dai servizi sociali. In passato aveva già denunciato il marito per maltrattamenti. Qualcuno ci può spiegare in quale modo i servizi sociali la “seguivano”?  Grazie.

3 Commenti a “Cosi qualcuno festeggia la giornata delle donne violate: massacrando la moglie.”

  • Anny:

    Io penso che siano giornate ipocrite ma NON INUTILI..perchè?
    Perchè a me non interessa se ne parlano un solo giorno o un’ora o un minuto..basta che se ne parli..così come la giornata per i diritti dei bambini..per l’aids..etc..
    Anch’io preferirei che se ne parlasse tutti i giorni..o meglio che si agisse tutti i giorni..però se anche solo per un giorno in rete, in tv, sui giornali, vi è anche un solo accenno a tale condizione..per me va bene..
    Poi come in tutte le cose, vi sono persone che si ergono a paladine, mentre in realtà non lo sono..o persone che solo per averne parlato si sentono la coscienza pulita..non importa..
    Si comincia da piccole cose,accenni..e anche se solo una coscienza è stata svegliata, io penso sia una cosa positiva…

    Per quanto riguarda la notizia di cui hai parlato..uno dei 1000 e molti di più episodi che quotidianamente si leggono sui giornali..dove sono i servizi sociali?..ma dove sono anche i vicini..gli amici..i familiari?????
    Non lo so..so solo che leggeremo su quest’articolo..”sembrava una famiglia così felice..non potevamo immaginare!!!!!!”

  • Barby:

    La festa delle donne violate…
    Da dove incominciare? non lo so… da donna violata avrei sperato che qualcuno sapesse leggere i miei occhi, avrei voluto che qualcuno si soffermasse a guardare il mio corpo tremante di paura..
    forse avrei dovuto trovare la forza di uscirne da sola, ma ho avuto bisogno di toccare il fondo per capire che non esistevo più… i lividi sulla pelle fanno male, ma con il tempo non li vedi più, quelli che porti dentro continuano ad insinuarsi nella tua vita, come una cantilena costante che ti impedisce di alzare la testa e volerti bene..
    si perchè, credo che la più grande violenza di ciascuna donna violata sia quella psicologica, la tua anima si frantuma, diventi un niente in mano ad uomo che dice di amarti, nonostante tutte le tue colpe…
    e tu ti perdi…non vedi via d’uscita perchè perdi la stima di te, perchè non riesci a credere di valere qualcosa…
    e allora voglio dire a tutte le donne che come me conoscono il ritmo di terrore del proprio cuore, che hanno incontrato un “uomo” che le ha annientate che c’è una speranza, è difficile uscirne ma si può e lo si deve a se stesse.
    Io sono una donna fortunata perchè ora posso inizare a riprendermi la mia vita con tutte le difficoltà che il mio vissuto comporta, e voglio gridare al mondo che il nemico da combattere è la vergogna!! Non dobbiamo vergognarci di quello che siamo e di quello che ci è successo, abbiamo il DIRITTO E DOVERE di vivere pienamente la nostra vita!!

  • Rosaria:

    immagino che le consigliassero di rimanere con il bravo maritino x il bene dei figli e altre fregnacce del genere…………..

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe