don Marco Dessìcondannato anche in appello e ridotto allo stato laicale.

Non l’abbiamo messo l’altro ieri solo perché il blog era già abbastanza “occupato”. Ma anche se la notizia oramai non è più nuova, per dovere di cronaca la riportiamo.
Don Dessì, anzi il sig. Dessì, dato che il Vaticano lo ha ridotto allo stato laicale, è stato condannato a (soli!!!!!) 7 anni, anche in appello.
Se penso che il tutto poteva cadere in prescrizione………
don marco dess\uc0\u8730 \'a8Lui era quello che al telefono diceva che eventuali testimoni potevano pure essere fatti fuori. Che “selezionava” i bambini da portarsi in giro per il mondo con il suo famoso Coro (…), creandosi così una sorta di harem pedofilo! Era quello difeso ad oltranza da aprenti ed amici. Lui era ….vabbè….intanto è stato condannato e non sporcherà più la veste, pensiamo solo a questo.
Nello spazio COMMENTI riporto un articolo.
Mentre qua ripercorrete la sua storia criminale:
http://www.associazioneprometeo.org/pilot.php?action=new_pg&cl=0&ip=1&iv=1&im=125
\

4 Commenti a “don Marco Dessìcondannato anche in appello e ridotto allo stato laicale.”

  • LUGLIO 2010:
    DON MARCO DESSI’ CONDANNATO IN APPELLO A 7 ANNI DI RECLUSIONE.
    Nuova condanna (7 anni di reclusione) e rischio prescrizione più lontano per padre Marco Dessì, il sacerdote accusato di violenza sessuale su tre ragazzi della comunità di Chinandega,i n Nicaragua, di cui era responsabile.
    Don Dessì era già stato dichiarato colpevole dalla corte d’appello di Bologna nel novembre 2008, ma la terza sezione penale della Cassazione, nel giugno 2009, aveva annullato senza rinvio per vizi di forma la sentenza per quanto concerneva le imputazioni relative ai fatti precedenti l’agosto 1998, e stabilito invece la necessità di rifare il processo (che si è celebrato oggi) per gli altri episodi più recenti al centro del procedimento. In primo grado, il 23 maggio 2007, il sacerdote sardo era stato invece condannato dal Tribunale di Parma a 12 anni, condanna ridotta in appello a otto anni. Oltre agli episodi di violenza, Dessì era stato trovato in possesso anche di materiale pedopornografico: nel suo computer gli inquirenti avevano recuperato 1.440 file di immagini proibite, materiale che il prete, stando alle imputazioni, continuò a scaricare fino a due giorni prima dell’arresto, il 4 dicembre 2006. Le indagini partirono dopo le denunce, raccolte da alcuni volontari italiani, da parte di sei ragazzi nicaraguensi che poi si appoggiarono ad alcune associazioni, come 'Rock no war' di Modena e 'Solidando' di Cagliari.

    «Siamo molto soddisfatti di quanto successo oggi a Bologna -ha commentato l’avv.Mario Scarpati, legale di parte civile dell’associazione sarda – Si tratta infatti di una sentenza più severa della precedente, perchè l’imputato è stato condannato solo per tre dei quattro capi d’accusa su cui verteva il primo procedimento». Soddisfazione da parte dei rappresentanti dell’associazione 'Solidando' soprattutto per lo scongiurato pericolo che il procedimento non si concludesse prima della prescrizione dei reati, fissata per il febbraio 2011. «Qui non si è trattato solo di fare giustizia – scrivono in una nota diffusa su Youtube – Si tratta di salvaguardare la sicurezza di una comunità che, in Nicaragua, si è sottratta alla morsa del terrore e che, lontana dalle leggi italiane, potrebbe tornare nelle mani di una persona condannata per crimini abietti e poi prosciolta solo perchè la giustizia è stata troppo lenta per colpire». Oggi invece è arrivata la nuova sentenza d’appello.

  • spero che i suoi nuovi amici di cella lo trattino come lui aveva intenzione di trattare bambini e testimoni…..

  • troverà qualcuno che sicuramente lo tratterà come lui faceva con i bambini,spero………….

  • yzy:

    due volte condannato. ci sarà ancora qualcuno che lo sostiene lo stesso immmagino. nonsotante le mostruosità che sono emerse dal processo.  gettare viA la chiave della carcere per questi mostri

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe