Grazie Albettone. Grazie Joe. Esiste una terra felice e sicura per i bambini.

Grazie Albettone. Grazie Joe. Esiste una terra felice e sicura per i bambini.

 Una delle domande che più spesso mi viene rivolta è:
“ma come fai? Come fate tu e la Prometeo ad affrontare tutto questo?”.
La risposta, oramai la sapete, poiché è quella che dico sempre:
“nulla di speciale né di super-eroico, qualsiasi persona al nostro posto farebbe lo stesso, anzi di più”.
In realtà a fianco di questa sincera convinzione ve n’è un’altra. Che trova conferma nel lavoro che ogni giorno svolgiamo. Lavoro che dà sì tanto dolore, problemi, e schifo di varia natura, ma più di tutto regala tante tantissime soddisfazioni.
Nella lettera della mamma che ci segnala che la sua bimba si è innamorata del compagno di ballo. Nel sms di chi ti ringrazia perché sta tornando alla vita. Nel filmato con una canzone a te dedicata, postato sulla pagina di Facebook. In quegli occhi che tornano a risplendere e che non si abbassano più, cercando un punto indefinito sul pavimento, quando li guardi dritti.
In parole povere, nella vita che dentro molti di voi torna a riaffacciarsi ed a risplendere.
È, quello, il fuoco di Prometeo. Il fuoco appunto che il Prometeo della mitologia rubava agli “Dei” (a certi dei….)  per farne dono agli uomini. Offrendo calore, protezione, luce. Vita appunto.
Sabato scorso la vita ha bussato alla porta di Prometeo con una manifestazione a dir poco unica. In Italia? No, al mondo. Poiché non esiste posto al mondo, appunto, dove sia mai stata fatta una cosa simile.
Un paese (il grosso centro di  Albettone alle porte di Vicenza) rappresentato da un sindaco a dir poco straordinario (Joe Formaggio: sei grande!!!!) sindaco che negli ultimi giorni non ha fatto altro che rispondere a mail cariche di ringraziamenti arrivate da mezza Italia.
Arrivare ad Albettone, trovare il cartello stradale e sotto vedere la targa con la scritta “Qui difendiamo i bambini” credeteci, se vi diciamo essere stata una delle più grandi emozioni da noi mai provate.
Certo, dovrebbe essere scontata una frase così, ma questa società ci ha portati a doverla scrivere. A doverla gridare poiché la difesa dei più indifesi oramai pare essere diventata l’eccezione e non più la regola.
In una palestra gremita, con tutti i bambini delle scuole materne ed elementari si è firmata la delibera presentata in mattina in un apposito consiglio comunale. Dove all’unanimità si è siglato un patto, tra il Comune e Prometeo. Patto che ha come unica finalità, lo ripetiamo, la difesa dell’infanzia violata.
Patto che grazie all’eco che tale iniziativa (ripeto, unica al mondo) ha avuto sta già facendo il giro d’Italia!
E idealmente si è “scoperta” una delle targhe che sono state messe ai confini del paese.
Si dice che solo gli stupidi non cambino opinione. Da sabato pure noi non siamo più stupidi poiché abbiamo sempre pensato che non esistessero oasi felici per i bambini. Ora invece possiamo dire che una c’è ed è ad Albettone.
Paese che non ha casi attivi di pedofilia e quindi a maggior ragione ha dato vita ad una iniziativa importante.
Quella che ancora una volta (e ritorno così al modo con cui ho aperto questa mia riflessione) ci porta ad accompagnarvi su sentieri impervi. Dovete ci permettete di entrare dentro a quel buio, prendervi la mano ed affrontare el tenebre per tornare alla luce. E questo, e solo questo, è il dono più grande, ma anche la forza più bella che siete voi, a donare a noi!

 Nota a margine (che approfondiamo nel post a seguire): il sindaco dicevamo ha ricevuto centinaia di messaggi. Tutti di complimenti e richieste di poter fare lo stesso sul proprio territorio. Tutti tranne uno, lo stesso messaggio che stanno ricevendo quelle realtà dove a breve faremo delle conferenze e che hanno già pubblicato in internet il calendario.
messaggio che riportiamo nel post a seguire.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe