“Ho lottato con le unghie fino a farle sanguinare!”

Oggi su Facebook il tema che ho scelto è quello delle “donne”. Uniche in quanto Madri. Amiche. Sorelle. Donne appunto. Che purtroppo devono sempre lottare “un po’ più degli uomini”. Per tutto.
Ma che poi, una volta trovata la strada, una  volt individuata la luce alla fine del tunnel, mostrano una forza che manco loro forse pensavano di poter avere.
Di donne così al nostro gruppo del coordinamento vittime pedofilia ne abbiamo tantissime.
E tantissimi sono i messaggi che dopo l’incontro di sabato scorso continuano a mandarci.
Messaggi come questo che un’altra splendida donna, mi chiede di pubblicare e la cui richiesta accolgo con grande piacere:

 caro amico mi piacerebbe che dessi voce a una persona che anche se non parla molto in pubblico è riuscita in qualche modo a farcela a non darla vinta a nessuno, perche’ loro sono gli sbagliati, noi che abbiamo subito violenze di ogni sorta siamo i giusti e darla vinta a loro,sarebbe dargliela vinta per l’ennesima volta. Purtroppo ogni tanto si sbarella,in fondo è normale perchè certe cicatrici rimangono indelebili.
Le istituzioni per quanto riguarda me, sono state capaci di rimandarmi nelle mani degli orchi, il sms che ti ho mandato ieri ti fa capire come ogni tanto decado in quella forma di angoscia che mi prende fino a non mollare la presa,poi si cerca rilassamento nei pensieri buoni che haime’ sono stati ben pochi. Ho lottato con le unghie fino a farle sanguinare e ogni tanto le ferite si riaprono e fanno male. Sono scappata di casa per far terminare tutto,i miei parenti volevano aiutarmi con telefonate varie,la frase che rimbomba è: se è successo qualcosa è anche colpa tua l’hai voluto pure tu,senza considerare che io avevo 3 anni e lui 31,la matematica non è un’opinione,la differenza c’era.
Io ce l’ho fatta,ho dovuto combattere tanto veramente tanto e la mia speranza è rivolta a un’amica comune che come tante vittime di abusi fanno pensieri di morte,in questo caso mi sto riferendo a XX che ha avuto il pensiero di buttarsi sotto un treno,non so se queste parole servano a qualcuno, secondo me ci sono esempi positivi in tutte queste storie.
Forza e coraggio sono i 2 aggettivi che ci distinguono,se vuoi scrivi pure il mio nome. Ringrazio il cielo di avere conosciuto te e tutte le anime belle che conosci e che qualcuno ho conosciuto pure io.
ciao, questa volta non chiedo scusa,vedi che ho imparato,
un ‘ultima cosa io sono ribelle e non smettero’ mai di esserlo
Anto.

4 Commenti a ““Ho lottato con le unghie fino a farle sanguinare!””

  • incercadautore:

    Anto… ti voglio un mondo di bene <3

  • Anto trasmetti tanta forza ed energia…sono sicura che le tue parole serviranno ad infondere fiducia e coraggio a tante persone…In bocca al lupo alla tua amica…sperando che trovi l’aiuto giusto per non mollare e continuare a lottare.
    Un abbraccio

  • lottoperunsogno:

    Hai ragione Anto, le istituzioni servono solo a ricacciarti da dove sei venuta… però quando si risvegliano la forza e il coraggio, lotti contro tutto e tutti e da sola ti ri-partorisci, e ri-nasci in una nuova vita. Non è facile, e lo so per esperienza, ma poi ti guardi allo specchio e vedi che ce l’hai fatta, e capisci chi sei davvero. Anche se le ferite restano e ogni tanto i fantasmi ritornano. Ma si deve andare avanti, perchè ne vale la pena. Un abbraccioa te, grazie per le tue parole, e un abbraccio alla tua amica, che possa trovare la forza per vivere… perchè lo ripeto, ne vale la pena.

  • MARY:

    Che bello leggere queste parole e che bello sentire tutta questa forza uscire da una sola persona,anto quello che hai scritto contiene davvero una voglia pazzesca di vivere in barba a chi ti ha ferita e questo ti rende una grande persona,sono sicura che la tua amica,grazie a te,riuscira’ a rivedere la luce. ti mando un grande abbraccio 🙂

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe