Il mio ricordo di Carlotta. Fuggita dagli abusi, suicidandosi.

Il mio ricordo di Carlotta. Fuggita dagli abusi, suicidandosi.
Dopo che nessuno, mai, l’aiutò veramente…

La tua foto, da oggi, sta nella bacheca appena sopra la mia scrivania.
Come vedi sei in ottima compagnia.
Basta che giri di poco i tuoi occhi verdi e il piccolo Tommy ti regala uno dei suoi sorrisi speciali. Che scaldano il cuore. Che donano amore.
Mentre altri Angioletti come lui, sembrano dirmi: “hey Max, guarda che stavolta l’abbiamo conosciuta prima noi di te”.
Accadeva circa un anno fa, in questi giorni.
Una finestra aperta. Il volo. Silenzio.
Di fatto il modo peggiore per incominciare a vivere.
Doloroso per chi va. Figuriamoci per chi resta.
10 anni di abusi sessuali da parte del padre. Schiere di psicologi e psicoterapeuti che curavano sempre qualcosa d’altro, mai quello…
Insegnati assenti (“guarda che il tuo papà l’ho conosciuto e non ridicono queste cose brutte su di lui”).
E poi farmaci, tantissimi farmaci.
A cui aggiungere la denuncia archiviata (chi crede ad una ragazza uscita da una clinica psichiatrica, ti dissero). Bulimia. Anoressia. Obesità. Droga. Tagli….
Tutto questo e molto altro ti ha spinto con forza giù da quella finestra.
Ed ora che scrivo queste poche righe su un foglio che domattina copierò mi accorgo di aver parlato con tua madre per più di 2 ore solo del tuo dolore, ma poco di te.
Tranne per quell’ultima frase, regalatami quando in piedi ci stavamo salutando ed io, ti confesso,non ho più tenuto a bada la commozione:
“era buona, tutti i suoi amici mi hanno detto quanto era buona”.
Ogni giorno cerchiamo forze, stimoli, motivazioni per lottare con l’impegno che serve.
Da oggi ripartiamo da te…nel cuore…per sempre…
Ciao Carlotta……

“Tre cose ci sono rimaste del Paradiso: le stelle, i fiori e i bambini” (Dante Alighieri)

Nota: a breve metterò una tua lettera.

6 Commenti a “Il mio ricordo di Carlotta. Fuggita dagli abusi, suicidandosi.”

  • giuppy:

    Ciao Carlotta,
    non riesco per quanto mi sforzi a trattenere le mie lacrime. Sento dentro il peso della tua solitudine, del tuo dolore. Anche io ti porto nel mio cuore!

  • Quanto dolore e solutidine deve aver provato…
    Non ho parole per commentare, le posso solo mandare un pensiero…ed un abbraccio lassù…

  • Rosaria:

    Ciao piccolo angelo quaggiu’ non sei stata creduta ma ora sei lassu’ e voglio credere che Gesu’ ti conforti con il suo immenso amore e che le mie lacrime di questo momento,possano trasformarsi in carezze e arrivare a riscaldarti il cuore…..

  • MARY:

    Che un immenso abbraccio ti arrivi lassu’ dove,tra gli angeli,tu ora sei felice e libera…………..by mary

  • mara:

    Ciao Carlotta …angelo finalmente Libero

  • Cleo1971:

    Un bacio, un abbraccio

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe