LA DIFESA DEGLI ABUSANTI, NON PAGA PIÙ .

La notizia è di alcuni giorni fa.
E pure noi purtroppo non l’abbiamo data subito.
Ora è giusto rimediare.
Vista l’importanza della stessa.
Prima però, dopo aver preso (preventivamente) un buon digestivo, riguardatevi questi pochi minuti di filmato:
http://www.youtube.com/watch?v=EbWOExh9n-o  

La storia di Montalto di Castro è una delle tante storie che negli ultimi anni hanno reso il nostro paese la Repubblica delle Bananas. Un posto che se un osservatore sceso da un altro pianeta dovesse giudicare, dopo aver visto simili immagini, catalogherebbe come quarto mondo.
Chi legge questo blog, ed i suoi “toni” di umana indignazione, solo ieri leggeva di chi si lamenta perché lo striscione a favore di un prete condannato in primo grado per abusi è stato tolto da un luogo sacro!.
Per gente così queste immagini di sicuro non sono offensive, anzi….
Lo sono invece per noi. E dopo averle viste, con ancora la disturbante eco delle grida isteriche nelle orecchie, passiamo alla notizia.
Gli 8 stupratori (difesi dalla gente, dal paese, dal sindaco che anticipò 8mila euro per le loro spese legali, ma che è stato condannato pochi mesi fa dalla Corte dei conti a risarcirne 15mila!) gli 8 dicevo che a processo, piangendo come bambini capricciosi, ammisero che la ragazza “non era consenziente, chiedendo scusa per le violenze”,  in quanto minorenni vennero affidati ai servizi sociali (“messa in prova di 28 mesi, con sospensione del processo a carico”).
Beneficio oggi revocato.
E sapete per colpa di chi?
Per colpa dell’ambiente, già l’ambiente.
Quello dove lo stupro era “una ragazzata”, la vittima definita con i peggiori epiteti, e dove gli slogan più teneri erano “impiccate lei e sua madre e lasciate stare questi bravi ragazzi”.
L’ambiente, dicono i Giudici, non consente a questi CRIMINALI di ravvedersi. Di capire che hanno sbagliato. E quindi ora si va a processo, per quella che sulle pagine del Corriere della Sera, da Cesare Fiumi (che ha dedicato un lungo editoriale a questo fatto) fu definita come “l’assenza morale degli educatori”. “Al limite della complicità e di conseguenza, ostacolo reale al loro recupero sociale”.
È forse la prima volta in Italia che questo accade e spero che anche altri Giudici ne tengano conto. Ma soprattutto ne tengano conto i sostenitori di altri simili casi.
Alcuni hanno causato la morte del loro protetto, che per scappare alla vergogna ed alla non credibilità che cominciava a serpeggiare tra le fila dei supporter si toglieva la vita, altri da oggi sanno che per la legge, loro valgono come le persone che hanno difeso.
Non so perché, ma temo che per taluni di loro, quest’ultima frase suoni più come un complimento che per quello che realmente è: il peggiore degli insulti.

Un Commento a “LA DIFESA DEGLI ABUSANTI, NON PAGA PIÙ .”

  • MARY:

    Caro max,intanto ti devo chiedere scusa perchè non sono riuscita a vedere quel video,appena hanno cominciato a parlare,mi veniva il vomito e il mal di testa e ho dovuto smettere subito comunque,per come la vedo io,dovrebbero mettere al bando l’intero paese e processare i genitori di quei ragazzi perchè è loro la colpa di quanto è successo e lo hanno dimostrato con tutte quelle cattiverie che hanno detto su quella ragazza e sua madre che l’ha difesa……….. GRAN DONNA quella madre perchè ha difeso sua figlia con le unghie e con i denti contro tutto e tutti!!!!!!!!!!!!

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe